Festa DEMOCRATICA appuntamento a Campocavallo di Osimo

festa165x232

VENERDI’ 21 AGOSTO

ore 19,30 Apertura stands gastronomici menu: rigatoni al pesce, spaghetti al pesce, penne all’arabbiata, baccalà con patate, grigliata mista, contorni vari

ore 22,00: Spettacolo di musica country, swing e rock and roll con il gruppo “Gli amici dello zio Pecos”

SABATO 22 AGOSTO

ore 18,00 Iniziativa politica sul tema: “Verso il congresso del Partito Democratico” – Incontro dibattito con i rappresentanti delle mozioni congressuali: Stefania Benatti (Bersani), Andrea Bompezzi (Franceschini), Emilio d’Alessio (Marino)

ore 18,30: Spettacolo teatrale – fi aba animata per bambini “Nino il pagliaccio” di Romina Antonelli

ore 19,30 Apertura stands gastronomici menu: pappardelle al cinghiale, tortellini alla boscaiola, penne all’arabbiata, pollo alla cacciatora, agnello al forno con patate, grigliata mista, contorni vari

ore 21,30: Serata danzante ai ritmi caraibici e latino americani con il gruppo “Rumba Latina”

DOMENICA 23 AGOSTO

 Torneo di calcetto femminile

ore 18,30: Spettacolo di animazione teatrale per bambini

ore 19,30  Apertura stands gastronomici menu: tagliatelle al ragù, tortellini alla boscaiola, penne all’arabbiata, rosbeef con piselli, agnello al forno con patate, grigliata mista, contorni vari

ore 21,30: Serata danzante con il complesso “Mirco e Simona”

Il segretario comunale, Stella Sabbatini lascia l’incarico.

imagesA titolo personale e del gruppo consiliare del Partito Democratico esprimo un sentimento comune di gratitudine alla dott.ssa Stella Sabbatini  che dopo sette mesi  in servizio a Osimo lascia il ruolo di Segretario Generale.

Sono stati mesi difficili, una campagna elettorale “accesa” ed  un inizio dell’attività amministrativa piena di problemi da risolvere,  con gli immancabili contrasti fra le parti in gioco, tuttavia siamo stati testimoni della competenza tecnica, della discrezione e dell’imparzialità con cui la dott.ssa Sabbatini  ha supportato il lavoro del consiglio comunale.
Oltre all’efficienza e alle doti professionali, colgo l’occasione per  sottolineare il rapporto umano che la dott.ssa Sabbatini ha saputo instaurare con i suoi interlocutori e la grande disponibilità verso noi consiglieri comunali.

A nome di tutti i consiglieri comunali del Partito Democratico  rivolgo un augurio di buon lavoro  alla dott.ssa Sabbatini  per l’importante incarico che la stessa andrà a ricoprire nei comuni di Cingoli e Santa Maria Nuova.

Paola Andreoni capogruppo consiliare PD Osimo.

Aspettiamo di vedere, dove sono andati a finire i soldi ?

Negli ultimi decenni la politica economica italiana ha seguito un copione fisso: il centrosinistra al governo risana i conti pubblici, il centro destra li dissesta. Il primo governo Prodi ci portò in Europa a costo di grandi sacrifici. Il secondo governo Prodi ha operato un risanamento altrettanto difficile per rimanere nei parametri europei, con pesanti risvolti sociali  che hanno portato anche perdita di consenso e successivamente alla sconfitta elettorale, anche perchè il governo cadde a metà del percorso precludendosi la possibilità di gestire le risorse virtuosamente risparmiate. Al contrario, stendendo un velo pietoso sui 7 mesi fallimentari del primo governo Berlusconi, il secondo Berlusconi si caratterizzò per la “finanza creativa” di Tremonti che ci mise rapidamente in una posizione insostenibile in Europa e poi anche in Italia, tanto che per le insistenze di parte della maggioranza proprio Tremonti fu rimosso dal ministero del Tesoro e sostituito da Siniscalco. Il terzo governo Berlusconi non è da meno: di nuovo Tremonti alla guida dell’economia e nuovamente conti pubblici a rotoli.

La Banca d’Italia ha pubblicato pochi giorni fa le statistiche sul fabbisogno e sul debito delle Pubbliche amministrazioni, con il quale rende noti i flussi di incassi e pagamenti dello stato. La relazione evidenzia un calo delle entrate nel primo semestre 2009 rispetto al corrispondente periodo del 2008. Ma la cosa   più significativa però riguarda le spese che sono raddoppiate rispetto all’anno passato. Il disavanzo calcolato sui primi 6 mesi è di -23,1 miliardi rispetto ai -7,5 del primo semestre 2008. Una vero e proprio buco.

A questo punto viene spontaneo chiedersi: dove sono finiti i soldi? La pressione fiscale non è diminuita, la scuola è stata sottoposta a tagli pesantissimi, gli enti locali sono stati massacrati. Chiusi 1000 commissariati di Polizia, anche Carabinieri e Vigili del Fuoco sono in sofferenza per la scarsità di risorse.

Di sicuro molti nostri soldi sono finiti nella sgangherata gestione dell’affare Alitalia, certamente non nel sostegno alle fasce deboli come la colossale bufala della social card (presentata in pompa magana e poi smantellata alla chetichella) ha evidenziato.
Insomma, siamo più poveri, privi di servizi e indebitati, un vero “miracolo italiano” che si ripete ogni volta che Berlusconi va al governo.

OPINION COLPO: un fenomeno tutto osimano, il latinismo.

homer445Il latinismo può essere definito come la brutta copia del berlusconismo. Già il berlusconismo è brutto di per sé, figuriamoci cosa dev’essere la brutta copia del brutto.
Le due varianti del latinismo sono il latrinismo (la pratica del “……… mingere” addosso a tutto e tutti) e il ladrinismo (l’arte perversa d’impossessarsi delle facoltà mentali altrui).
Il latinismo, come tutte le imitazioni dell’originale, ha un vantaggio: costa poco e chi ci va in giro fa la sua “……….. magra” figura. E come nel mercato degli oggetti contraffatti, anche il latinismo si serve dei suoi vu’ cumprà per piazzare la merce.
Chissà che ne pensa il conte Scivola Buccella di Banana di tutti questi “…………… rompiscatole” in giro per la città.

Colpoditacco

Addio Nanda

Pivano Fernanda2

Fernanda Pivano. Giornalista, scrittrice, traduttrice e critica musicale insegnò agli italiani ad amare l’America o meglio l’altra America, quella di Hemingway e della beat generation narrata da Ginsberg, Kerouac. Un’America ribelle, idealista, pacifista ed anticapitalista. E poi l’amore musicale e letterario per Fabrizio De André.
La grande Fernanda Pivano non considerava De Andrè come il Bob Dylan italiano..ma considerava Dylan come il De Andrè americano
L’ultimo consiglio di “Nanda” ai giovani è un messaggio di pace:

Dico loro di sperare. Di battesi per vivere in un mondo senza guerre volute solo da capitani ansiosi di medaglie.

 

Evaporata in una nuvola, come quelle che ci regala il cielo ogni tanto e che se ne vanno. Così voglio ricordare Fernanda Pivano.

Tariffa Rifiuti, risposta alle liste civiche.

raccolta umidoAlla luce delle dichiarazioni della maggioranza consiliare rese dal consigliere delle liste civiche, Dino Latini, sulla questione “Rimborso Iva agli utenti osimani della Tariffa Rifiuti”,  si rendono necessarie alcune considerazioni e puntuali risposte.

 1) dichiarazioni di  Latini: ” La richiesta di restituzione dell’Iva sulla tariffa rifiuti avanzata dal capogruppo del Pd al Sindaco è infondata nella forma e nella sostanza. Nella forma perché, semmai, non devono essere il Sindaco e il Comune di Osimo a rimborsare, ma l’Astea che gestisce il servizio.”
La risposta: Sono ben a conoscenza, come tutti i cittadini osimani, che il servizio è esternalizzato all’Astea spa, ma   presumo comunque che il Comune di Osimo eserciti sull’Astea un minimo di controllo così come sulle altre società affidatarie di servizi “in house”.

2) dichiarazioni di  Latini: ” Nella sostanza perché così si crea una falsa promessa, come quella relativa ai rimborsi sulla depurazione, vicenda che è ancora tutta in divenire. ”
La risposta: Ma chi è l’autore della “falsa promessa” dei rimborsi del canone di depurazione? Qualcuno lo conosce? Vogliamo tirare fuori gli articoli di giornale su tale questione per scoprire  chi ha alimentato in piena campagna elettorale questa falsa aspettativa del rimborso del canone di depurazione, parliamo di un esponente delle liste di latini a capo di una società partecipata ?

3) dalle dichiarazioni di  Latini: ” Allo stesso modo, anche nella vicenda dell’Iva, la sentenza della Corte Costituzionale deve essere recepita dal Ministero competente con una apposita interpretazione modificativa della legislazione in atto, che per quanto riguarda le tariffe è stata voluta e generata da un governo di Centrosinistra. ”
La risposta: Ma come? Il candidato alla direzione generale del Comune, dall’alto della sua esperienza amministrativa non ricorda che il passaggio dalla TARSU alla tariffa era facoltativo? E che la sua amministrazione lo ha deciso da un giorno all’altro, forse per quadrare frettolosamente un bilancio altrimenti zoppo? E si è dimenticato delle proteste delle categorie di esercenti che hanno visto decuplicare, se non di più, le somme da pagare per lo stesso servizio? E che dire del raddoppio della spesa a carico alle utenze delle famiglie osimane ? Altri comuni vicino al nostro non pagano la Tariffa e sono rimasti in regime di Tassa: pagano molto di meno delle famiglie osimane, hanno livelli di raccolta differenziata superiore a quello del nostro comune  e i loro amministratori  responsabilmente non lamentano vittimismo incolpando altri per le scelte fatte.

4) dalle dichiarazioni di  Latini: “Detto ciò, essendo l´Iva una partita di giro, potrebbe scattare, con ogni probabilità il fatto che a pagare le conseguenze siano proprio i cittadini che potrebbero vedersi aumentare il costo del servizio. E non vogliamo, con ciò, sollevare paura, ma solo un legittimo dubbio “. 
La risposta: Anche qui la nostra futura punta di diamante della macchina amministrativa accusa qualche lacuna in fatto di finanze. Proprio perché per l´Astea l´Iva è una partita di giro a pagare l´Iva al 10% sono solo i cittadini. Non è che si vuole  approfittare anche del fatto che l´Iva viene tolta per aumentare ancora senza motivo il costo del servizio…?

5) dalle dichiarazioni di  Latini: ” Quello che comunque risulta certo è:  1) che l’opposizione chiede sempre interventi economici più consistenti da parte del Comune di Osimo e più forti detrazioni pensando che viviamo nel paese di Bengodi, dove si può spendere e spandere senza fondo e senza copertura, cosa che denota una grave assenza di cultura amministrativa…. ”
La risposta: I fatti richiamati sopra dimostrano l’altissima cultura amministrativa delle liste civiche, le scelte scellerate che sono state fatte e gli scarsissimi risultati ottenuti in termini di efficacia, efficienza ed economicità del servizio. Ad es. la percentuale della raccolta differenziata è molto più bassa dei limiti di legge.

6) dalle dichiarazioni di  Latini: “A questo modo di fare della Sinistra osimana si può controbattere facilmente dicendo che allora la Regione faccia comunque l’Ospedale in Osimo, tanto il problema di trovare i soldi poi non è nostro; 2) che il Comune di Osimo ha messo in piedi un sistema di tariffazione urbana che prevede tramite applicazione di servizi Astea (vedi porta a porta) e l’impiego di strutture (vedi nuovo impianto di selezione) una diminuzione generale del costo della tariffa, che dopo dieci anni si deve ancora vedere il tutto intercalato da progetti per le energie rinnovabili che dovrebbero consentire al Comune di Osimo nuovi introiti.
La risposta: Allora… è o non è tutta colpa del centrosinistra? Oppure vediamo talmente rosso dappertutto da dimenticarci quali sono i veri problemi della città e di un servizio di primaria importanza che il Comune deve garantire?
L’amministrazione comunale osimana sta sottovalutando gli effetti di questa sentenza. La Corte disegna uno scenario nuovo che valorizza il ruolo del comune quale soggetto attivo del tributo.
– Non si tratterrà più di un affidamento in concessione di un servizio ma di un appalto, con la conseguenza che la scelta dell’appaltatore dovrà ora avvenire con nuovi bandi di gara;
– il passaggio dall’affidamento in concessione all’appalto determinerà  modifiche nelle modalità di gestione del servizio e del tributo oltre tutta una serie di modifiche da apportare al vigente  Regolamento Comunale in ordine alla disciplina dell’accertamento, della liquidazione, delle sanzioni e dek contenzioso del tributo;
– cambiamenti riguarderanno anche il Bilancio Comunale – già dal preventivo 2010 – che dovrà accogliere  la previsione di entrata Tia e le spese dell’appaltatore.

Perderemo anche questa volta l’occasione di fare scelte ragionate su questioni complesse che la sentenza della Corte Costituzionale ci impone di affrontare? Non è bene che la Amministrazione osimana coinvolta da questa sentenza, a causa della scelta operata di applicare nel nostro territorio la  Tariffa dei rifiuti, invece di fare proclami contro le opposizioni, prenda questa iniziativa delle minoranze, così come era nei propositi, per esaminare attentamente e da subito le mosse da fare con l’obiettivo di rendere un servizio sempre migliore, tutelare i cittadini osimani studiando le modalità per abbassare il costo della TIA e comunque non far pagare agli stessi la  “partita di giro” dell’Iva, verificare attentamente con l’Astea le conseguenze complesse ( normative, procedurali gestionali, ecc.) derivanti dalla sentenza della Corte ?

La Lega e la maggioranza al governo come i “novelli Bravi” di don Rodrigo.

mariage 3Arrivano le contestazioni dalle riviste cattoliche ( Famiglia Cristiana) alla legge sulla sicurezza.
Nel mirino del settimanale cattolico questa volta finiscono i vincoli imposti ai matrimoni tra stranieri e nelle unioni miste.
“Ironia della sorte – vi si legge – è toccato a Verona, la città di Romeo e Giulietta, aprire le danze”. Prosegue poi, il settimanale , affermando che , ” Quanto alla legge sulla sicurezza, che per le nozze miste sembra scritta da don Rodrigo (ma chiedere a un politico leghista di leggere i Promessi Sposi del ‘gran lombardo’ Alessandro Manzoni è chiedere troppo), essa sarà probabilmente spazzata via da una sentenza della consulta non appena qualcuno la impugnerà “.
Nel frattempo, propaganda dopo propaganda, qualunquismo dopo qualunquismo, inseguendo poco alla volta tutte le paure e le fobie di un Nord sempre pià chiuso e piegato su se stesso, la Lega sara forse riuscita a conquistarsi qualche voto in più e magari anche le poltrone di governatore della Lombardia e del Veneto.
Tutto questo avverrà dice il giornale sacrificando solo “qualche centinaio di migliaia di extracomunitari , che in fondo avranno dovuto rinunciare solo al loro sogno di sposarsi e metter su famiglia”.
In fondo queste nozze, dicevano i bravi di don Rodrigo , “non sanno da fare”.
Con altrettanta baldanza così ha deciso anche la Lega, imponendo il suo programma alla maggioranza, ” con buona pace di quelle centinaia di migliaia di stranieri clandestini, badanti comprese, che non hanno il diritto d’innamorarsi, amarsi e creare una famiglia fondata sul matrimonio e protetta giuridicamente. In spregio a un diritto fondamentale della persona, sancito dalla Costituzione (agli articoli 29 e 30), dalle leggi dell’unione, dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, da quel diritto naturale e universale che muove il mondo e che è alla base del Vangelo: l’amore “.

Mi auguro e questo penso sia il sentimento comune della maggioranza degli italiani,  che questa legge sia destinata ad essere abrogata  ed essere cancellata per gli evidenti limiti costituzionali . Nel fratttempo,  però avrà dato i suoi frutti a chi l’ha voluta, e procurato danni evidenti , ai sentimenti ed agli affetti di migliaia di persone, ma anche all’immagine internazionale del nostro paese.