Simoncini si “incarta” da solo, le Associazioni del centro sociale S.Carlo rimarranno nelle loro sedi

La “gentile ed elegante” risposta del Sindaco Simoncini, relativamente all’interrogazione da me presentata circa il possibile “sfratto” delle associazioni ospitate presso il Centro Sociale “ S. Carlo”, mi obbliga, e lo farò ben volentieri, a divenire in questa circostanza memoria storica del Sindaco stesso.
E’ stato proprio Simoncini, durante il consiglio di quartiere di Osimo est, tenutosi prima di Natale, ad annunciare che l’Amministrazione, per ridurre le spese, sarebbe stata costretta a rivedere i contratti di affitto degli immobili che oggi sono sede di associazioni culturali e sportive. In quella circostanza, guarda caso, indicava proprio come esempio la sede di via Castelfidardo, oggetto della mia interrogazione.
Questo suo annuncio, determinando inevitabilmente forte preoccupazione nelle associazioni che hanno sede in quella via, ha indotto le stesse a  chiedere chiarimenti in proposito.

Dovere vuole che un consigliere comunale, tra l’altro rappresentante del maggior partito di opposizione, raccolte tali preoccupazioni, si rivolga all’Amministrazione con gli strumenti idonei, come appunto l’interrogazione, per capire quali siano le reali intenzioni dell’Amministrazione stessa.
Che cosa c’è di scorretto in tutto questo?

Anche di fronte ad una semplice interrogazione di un consigliere e ad un più che legittimo volantinaggio, il Sindaco  Simoncini, dimostrando tutta la sua fragilità, ha perso completamente il controllo, tanto da spingersi a  fare  dichiarazioni con uno  stile che non si addice certo al ruolo che ricopre.
Questa semplice vicenda  dimostra come il Sindaco sia solito “incartarsi” da solo, annunciando iniziative che poi è costretto di norma a rimangiarsi, evidentemente perché redarguito da chi, pur stando in maggioranza, ormai condivide sempre  meno i suoi modi di fare politica.
Ma ai cambi di versione e alle retromarce, ai proclami e alle bugie, comportamenti questi che connotano costantemente l’operato del Sindaco, ormai i cittadini sono abituati. Senza spingerci troppo lontano, basta portare come  esempio tutta la faccenda relativa alla sede della Scuola Primaria “ S.Lucia”, una questione gestita dalle liste “Simoncini&Latini” in maniera assolutamente negativa.

Credo che anche questa vicenda confermi tutta la debolezza di un Sindaco come Simoncini, privo di idee e incapace di accettare un confronto aperto, una debolezza, la sua, già chiaramente manifestata quando ha cercato di boicottare le iniziative del PD sulla Scuola e sulle società partecipate, organizzando, negli stessi giorni e nello stesso orario, le medesime iniziative, una decisione, questa, sulla cui opportunità e sul cui stile, per rispetto istituzionale, evito di pronunciarmi.

L’interrogazione da me presentata  ha, comunque, raggiunto il suo scopo che era appunto quello di capire se fosse vera l’intenzione dell’Amministrazione di chiudere il centro sociale San Carlo  oggi sede di associazioni sportive e culturali.
Il Sindaco oggi è ritornato sui suoi passi: le associazioni di via Castelfidardo e il Centro sociale San Carlo rimarranno nella loro sede e non debbono temere alcuno “sfratto”.
    Paola Andreoni
capogruppo PD Osimo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: