Vittime innocenti

La guerra civile che da mesi sconvolge la Siria colpisce anche e sopratutto i bambini, vittime innocenti di un regime oppressore e degli interessi delle grandi potenze internazionali in Medio oriente.

Osimo CheTempoFarà2012 bollettino 19 luglio – 22 luglio

Carissimi MieiOsimani,

fine settimana di sole con qualche nuvola che, specie nella giornata di sabato, potrebbe dare origine a temporali… mentre per  Domenica prevista pioggia

Bollettino Meteo da  Sabato 21 luglio a Domenica  22 luglio. ….. PIOGGIA e temperatura in DIMINUZIONE.

Bollettino Biometeo  in Osimo, gli esperti dicono  caldo in leggera attenuazione .

Domenica niente Numana, Marcelli e Porto Recanati, sarà una domenica fresca, ideale per una pausa estiva… di riflessione.

Paola

Il Senato ha bocciato l’emendamento per le quote rosa

Ieri il Senato non ha approvato l’emendamento proposto dal PD sulla parità di genere nella rappresentanza elettiva.
Il gruppo parlamentare del PD ha votato con convinzione a favore dell’emendamento per la parità di genere nella rappresentanza elettiva, le argomentazioni di chi non ha votato a favore di questa riforma sono state pretestuose e nascondono un atteggiamento ancora una volta discriminatorio nei confronti delle donne.
Un’occasione persa per dare concretezza all’articolo 51 della Costituzione che ha affidato alla Repubblica un ruolo di promozione attiva delle pari opportunità nell’accesso alle assemblee elettive

Poveri

In Italia la povertà colpisce l’11,1% delle famiglie, con un numero di oltre 8 milioni di poveri. A stare peggio sono le famiglie di operai.  Questo quanto dicono  i nuovi dati Istat sulla diffusione della povertà nel nostro Paese: 1 milione e 297 mila famiglie (il 5,2% sul totale) in condizione di povertà assoluta.

Più del doppio – 2 milioni e 782 mila (l’11,1%) quelle in situazione di povertà “relativa” e l’Italia è l’unico tra i Paesi dell’Europa a 15, con la Grecia, ad esser privo di una misura stabile per il contrasto della povertà.

Inoltre l’ Istat rileva che l’assenza di lavoro e la presenza di figli sono i due fattori determinanti per lo scivolamento delle famiglie nella condizione di povertà.

E’ una situazione intollerabile perché mina alle radici la possibilità di crescita e di sviluppo. E’ necessario intervenire da una parte con un piano straordinario per l’occupazione, a partire da quella giovanile, dall’altra con il varo di una politica fiscale finalmente a vantaggio delle famiglie con figli.
Se la spending review è doverosa – serve tra l’altro a impedire l’aumento dell’Iva – ma non può essere un alibi per allargare ancora la forbice tra ricchi e poveri nel nostro Paese. Questa forbice va chiusa attraverso una politica di redistribuzione delle ricchezze, a partire da quella robusta patrimoniale che non si è voluta o potuta ancora fare nel nostro Paese, ma che rimane forse lo strumento necessario oltre l’ inasprimento della lotta all’evasione fiscale per combattere la povertà.