Effetto El Sharawi – Balotelli: un’Italia più multietnica

Non sono una grande esperta di calcio, ma ricordo l’Italia degli ultimi europei e come avranno fatto tanti italiani, ho apprezzato le belle giocate  di Balotelli. Ora a detta di alcuni sondaggisti, l’acquisto di Balotelli al Milan potrebbe spostare 1 o 2 punti in più a favore del Pdl, con addirittura quasi 100.000 voti in più in Lombardia? Non ci credo a questa ipotesi, e mi auguro, che gli italiani, e i lombardi, siano persone serie e responsabili, che daranno il loro voto in base a ben più concreti criteri.
Balotelli 451Piuttosto, con un Milan che vede in attacco un giovane italo-egiziano (El Sharawi) e un giovane di colore (Balotelli, appunto), chissà se Berlusconi  e Maroni sono ancora contrari ad un’Italia multietnica…

Non può diventare italiano perchè down

L’’attuale legge sulla cittadinanza è proprio inadeguata e va cambiata. L’ingiustizia di questa legge non finisce mai di stupire. Ad esempio, rende impossibile ai ragazzi down, nati e cresciuti nel nostro Paese, di diventare italiani una volta spente le diciotto candeline. Il caso è stato sollevato in questi giorni da una cittadina albanese che vive regolarmente in Italia da molti anni, si è recata nel suo Comune di residenza chiedendo: “Mio figlio è nato qui e ha appena compiuto 18 anni ma è affetto dalla sindrome di down. Può diventare cittadino italiano entro il compimento del suo diciannovesimo compleanno? Posso presentare io per lui la domanda al Comune di residenza?” Implacabile la risposta della legge italiana: no, la domanda sarà respinta, perché la nostra legge non considera un ragazzo down idoneo a presentare la richiesta. Il motivo? È incapace di intendere e volere.

Occorre subito una legge per dare la cittadinanza a chi nasce in Italia.

Paola

bambino down

La Banca

Banca

La Banca è un posto dove ti prestano l’ombrello quando c’è bel tempo e
te lo chiedono indietro quando inizia a piovere
( Mark Twain )

Costituzione Commissione comunale di sorveglianza e monitoraggio del territorio, o altro ?

Notizie dal Comune 3Con un atto di Giunta, delibera n°277 del 12 dicembre 2012, il sindaco Simoncini e i suoi Assessori, propongono la costituzione di una Commissione Comunale di Sorveglianza e Monitoraggio del Territorio. Nelle premesse di questo atto amministrativo  si legge:

…Premesso che negli ultimi anni sul territorio comunale sono stati realizzati impianti produttivi che hanno destato nella popolazione motivo di allarme per la ricaduta, sull’ambiente, degli effetti delle lavorazioni e/o comunque per il tipo di alimentazione (vedi biomasse, bitumificio e simili);

che tali impianti, pur debitamente autorizzati secondo le procedure di legge sia ai fini ambientali che paesaggistici, ovvero sotto il profilo della salute e della pubblica incolumità, necessitano di monitoraggio e vigilanza per prevenire ed eliminare situazioni non conformi alle autorizzazioni medesime; che a tal fine appare opportuno e utile la costituzione della “Commissione Comunale di Sorveglianza e Monitoraggio del Territorio

Corrono d’obbligo due riflessioni.

La prima:  benissimo, non si può non condividere l’iniziativa (anche perché aperta a rappresentanti dei comitati del territorio) che va considerata come una  verifica riflessiva delle scelte, ad oggi fatte, rispetto al  governo del territorio. Verifica, questa, che a mio avviso è estremamente tardiva , viste le gravi “ferite” riportate dal nostro territorio dopo 15 anni di governo  “Simoncini&Latini”. Le politiche urbanistiche, messe in atto in questi anni delle liste al governo della città, hanno puntato più all’eccessivo sfruttamento e consumo del territorio ( con scarso riguardo alla tutela dell’ambiente e alla cura del nostro paesaggio) piuttosto che alla riqualificazione e al riuso e, in conseguenza di ciò, oggi la maggior parte delle risorse di bilancio sono ormai impegnate per fronteggiare i danni riportati dal nostro  territorio reso estremamente debole e fragile.

La seconda: il  nostro Statuto comunale prevede agli articoli 24 e 25 la possibilità per il Comune di dotarsi di COMMISSIONI. In particolare l’articolo 25 dello Statuto Comunale disciplina la costituzione di Commissioni Speciali di Controllo e Garanzia, ne regolarizza la composizione, le modalità di funzionamento, i poteri che può esercitare. In particolare il comma 1 così recita “ Il Consiglio, a maggioranza assoluta dei propri membri computando il Sindaco, può istituire al proprio interno, commissioni di controllo e garanzia con composizione proporzionale ai componenti dei gruppi consiliari regolarmente costituiti”  e al comma 2 si legge “ …Alla presidenza, a termini del precedente articolo 18, è nominato un Consigliere, appartenente alle minoranze, che ha conseguito il maggior numero di voti da parte dei membri delle minoranze,…..”.

Dal raffronto del dettato statutario con quanto disposto  dalla Giunta del Sindaco Simoncini si evidenziano alcune discordanze. Nei disegni del sindaco Simoncini , la proposta Commissione viene nominata dalla Giunta e non dal Consiglio e ancor più strano é che il Sindaco Simoncini ha un’idea del tutto “personale” di tale  Commissione; egli infatti si attribuisce la possibilità di nominare il Presidente e la maggior parte dei componenti lasciando alle minoranze un unico componente, in pratica si tratta di  un “Consiglio di tecnici” di sua nomina. Ma gentile Sindaco non funzionano così le Commissioni “di SORVEGLIANZA”.

Il controllato che decide,  nomina, delinea le modalità di intervento e il ruolo  a cui deve attenersi il controllore: queste le intenzioni del Sindaco e della sua Giunta.

Un controllato che ha più “voce” e prende decisioni  in ordine ai suoi controllori. Ma quale credibilità avrebbe una tale  commissione ?

Ci auguriamo che dal confronto consiliare Sindaco e componenti della maggioranza prendano atto di tali rilievi e si arrivi alla costituzione di questo nuovo importante organismo in linea e nel rispetto delle  previsioni Statutarie. Se così non fosse  dovremmo denunciare ai componenti delle liste e alla città che l’operazione “COMMISSIONE  COMUNALE di SORVEGLIANZA e MONITORAGGIO del TERRITORIO” non sarebbe altro che l’imbarazzante tentativo, di chi ha deciso le sorti della città negli ultimi 15 anni, di voler far avallare la  politica del territorio da esperti da loro stessi  nominati .

In tal caso se passasse questa scelta abbiate almeno il pudore di non chiamarla “Commissione di Sorveglianza”  ma con il suo più appropriato nome: “Comitato di appoggio“.

Ancora un’osservazione. Tale commissione è una nuova istituzione che si interpone alle Consulte, al Consiglio e alle Commissioni già previste dal nostro Statuto? Forse queste istituzioni non stanno funzionando? O forse lo Statuto deve essere integrato e rivisto? O ideare l’ennesimo organismo di controllo finisce per passare un po’ come Ponzio Pilato ?

Paola

delibera di Giunta Comunale n° 277/2012 del 12 dicembre 2012

…………………………….

Statuto Comunale del Comune di OSIMO

Art.25 Commissioni Speciali di Controllo e Garanzia
1. Il Consiglio a maggioranza assoluta dei propri membri computando il Sindaco può istituire al proprio interno, commissioni di controllo e garanzia con composizione proporzionale ai componenti dei gruppi consiliari regolarmente costituiti.
2. Alla presidenza, a termini del precedente articolo 18, è nominato un Consigliere, appartenente alle minoranze, che ha conseguito il maggior numero di voti da parte dei membri delle minoranze, a seguito di votazione ad essi riservata nella stessa seduta di istituzione della commissione.
3. La Commissione opera nell’ambito del mandato affidatogli, utilizza le strutture ed il personale dell’ente e cessa allo scadere del termine fissato nella delibera istitutiva.
4. La Commissione ha il potere di acquisire informazioni da Amministratori e Funzionari che sono liberati, a tal fine, dal segreto d’ufficio e tenuti a fornire ogni atto richiesto.
5. Il regolamento sul funzionamento del consiglio disciplina l’elezione del Presidente ed il funzionamento della Commissione.

Berlusconi per un “pugno di voti”

Ricevo e pubblico questa “news”  da quel burlone di Savonarola.

Berlusconi: ” l’ho fatto pensando al mio prossimo futuro”

602938_10151248889853595_1488112152_n (1)

Savonarola

L’Italia e gli italiani gli devono molto

Perchè non dedicare una via cittadina a Oscar Luigi Scalfaro ex Presidente della Repubblica ?
Ad un anno dalla sua scomparsa, invece di inventarsi intitolazioni di vie a personaggi alquanto discutibili della storia italiana, la Giunta farebbe bene intitolare una via cittadina a Oscar Luigi Scalfaro.

Suggerisco alle “Liste Simoncini&Latini” anche le motivazioni :

“Oscar Luigi Scalfaro, deceduto il 29 gennaio 2012,  padre costituente, si è sempre caratterizzato come un Presidente “democratico”, dimostrando un profondissimo rispetto per la laicità dello stato e una grande fermezza nella difesa della Costituzione.Durante la sua Presidenza Scalfaro ha sempre sostenuto con passione la centralità dell’assemblea elettiva, la separazione dei poteri e la difesa precisa e puntuale della magistratura ”.

Simoncini sceglie ancora una volta l’Ass. “il Campanile”, invece di far lavorare i nostri giovani disoccupati

Notizie dal Comune 3Il lavoro per il Censimento generale della popolazione ( un’attività che fa capo ai comuni per conto dell’Istat)  è solitamente occasione per offrire una temporanea occasione di   lavoro, di 2-3 mesi per un guadagno di circa 1.000,00 – 1.500,00 €,  a qualche giovane   disoccupato o a qualche universitario. In Osimo no, anche questa opportunità viene assegnata all’ ass. “Il Campanile”

Paola 

logo comune di Osimo bndetermina di liquidazione n° 00001/001657 del 12/12/2012
LIQUIDAZIONE IN FAVORE DELL’ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE – IL CAMPANILE- PER ATTIVITA’ DI COLLABORAZIONE PRESTATA PER IL 15¯ CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI la somma complessiva di €. 4.000,00

http://217.58.27.51/italsoftcgi/eloq.cgi/URL_VEDI?TOKEN=0000210021789806078-01&albo=2013012826&conta_tes=1&nome=2013012826_1.pdf

—————–——–————————————–

PD Osimo 87Alla c.a. Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Osimo

INTERROGAZIONE con richiesta di RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: Contributi economici finanziari comunali liquidati a favore di associazioni per l’attività di collaborazione prestata nell’ambito degli adempimenti relativi al 15° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni

La sottoscritta consigliere comunale, capogruppo del Partito Democratico, Paola Andreoni
…………………………………………..PRESO ATTO
del contenuto della determina di liquidazione n.1/001657 del 27 dicembre 2012 pubblicata all’Albo Pretorio – di € 4.000,00 in favore della Associazione “Il Campanile” di Osimo, dell’importo di € 4.000,00 a titolo di saldo del contributo economico alla stessa riconosciuto per l’attività per attività di collaborazione prestata per il 15° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni;
…………………………………..INTERROGA IL SINDACO
…………………………………………per conoscere
1) se l’Associazione “Il Campanile” per l’attività di collaborazione prestata per il 15° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni ha presentato apposita istanza, nei termini, in conformità al Regolamento Comunale per l’Erogazione di contributi, sovvenzioni, sussidi, ausili finanziari e vantaggi economici, con il quale sono state stabilite le modalità per l’accesso ai contributi economici da parte di associazioni, enti ed altri soggetti che svolgono attività di rilevante interesse pubblico;

2) se codesta Amministrazione, attraverso altri atti non noti, ha già elargito nel corso del 2012 un contributo alla medesima Associazione e, in caso affermativo, l’ importo del contributo e per quale tipologia di attività svolta di rilevante interesse pubblico;

Inoltre, lo scrivente consigliere comunale, attesa la necessità di acquisire elementi di giudizio tali da consentire lo svolgimento dei compiti di istituto demandati ai Consiglieri Comunali dalla normativa in materia (T.U. D.Lgs. 267/2000, Statuto Comunale, Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale; Regolamento Comunale per l’Erogazione di contributi, sovvenzioni, sussidi, ausili finanziari e vantaggi economici ecc.)
…………………………………………..C H I E D E  inoltre
ai sensi dell’art. 22 e seguenti della Legge n. 241 del 07/08/90, modificata e integrata dalla Legge n. 15 del 11/02/2005, di esercitare il proprio diritto d’accesso ai documenti amministrativi mediante il rilascio di copia semplice, di tutte le domande di contributo finanziario per gli anni 2011 e 2012 presentate dall’Associazione “Il Campanile” di Osimo, con eventuali allegati.

Campagna elettorale 2013: Volete che questo personaggio ritorni a guidare l’Italia ?

campagna elettorale 2013

E dopo aver detto che Mussolini, a parte le leggi razziali, fece bene, Berlusconi si assopisce alle celebrazioni per il Giorno della Memoria.  Volete che questo personaggio ritorni a guidare  l’Italia ?

Paola

(seguono le foto)
http://www.repubblica.it/politica/2013/01/27/foto/shoa_il_cedimento_di_berlusconi-51391156/1/?ref=fbpr#5

Gli Osimani, fanno la differenziata. Cosa e quanto abbiamo avviato al recupero nel 2012

rifiutiLa raccolta differenziata con la “ separazione in casa dei rifiuti” è entrata ormai nelle quotidiane abitudini dello stile di vita degli osimani. Da parte di tutti i cittadini osimani c’è consapevolezza che attraverso la raccolta differenziata, si contribuisce a salvaguardare l’ambiente in cui viviamo. Ma forse non tutti gli osimani hanno cognizione di un altro vantaggio che deriva da questi comportamenti corretti di raccolta differenziata. E’ un vantaggio di tipo economico , perché grazie alla raccolta differenziata il comune potrà risparmiare sui costi di smaltimento dei rifiuti. Meno rifiuti indifferenziati si portano in discarica, meno si paga per il loro smaltimento. Quindi, più è alta la percentuale di differenziata, più bassa è ( dovrà essere) la tariffa che le nostre famiglie e le attività economiche pagano per far smaltire i rifiuti.
Grazie all’impegno degli osimani, nell’anno 2012, la percentuale dei rifiuti raccolti in modo differenziato è stata del 65,89%. Un risultato importante, frutto in primo luogo dell’impegno dei cittadini che – insieme alle iniziative messe in atto dall’ Astea con il “porta a porta” – hanno portato al conseguimento di un buon risultato percentuale di raccolta differenziata che allinea la nostra città fra i Comuni più virtuosi e soprattutto gli consente di rispettare l’ obiettivo previsto dalla normativa nazionale (Decreto Legge n. 152/2006).
65,89 % significa che più della metà dei rifiuti prodotti viene smaltita dagli osimani, in maniera corretta nel bidone o nel cassonetto giusto, trattando i rifiuti come una risorsa preziosa, recuperandone una porzione molto consistente, con ragguardevoli benefici ambientali ed economici.
Su questi risultati così importanti, che qualificano il livello di civiltà di una comunità, credo che l’ente gestore del servizio debba dare una maggiore comunicazione, (una sollecitazione che sottopongo all’attenzione dell’Astea al fine di migliorare il servizio offerto). Trovo singolare che ai cittadini osimani così virtuosi non si comunichi e si descriva, in modo trasparente il ciclo di vita dei rifiuti, il sistema di filiera del recupero, il risultato della  trasformazione dei materiali grazie al riciclo e da ultimo i risvolti-benefici economici derivanti dal riutilizzo dei rifiuti.

Ritengo che tali “informazioni-comunicazioni” siano particolarmente necessarie in quanto permettono di “rendere conto” ai cittadini di dove vanno a finire i rifiuti una volta  differenziati e conferiti ad Astea e risulterebbero una forma di  gratificazione, allo sforzo ed all’ impegno dei cittadini che da anni si prodigano per un corretto conferimento contribuendo alla tutela ambientale della nostra comunità.

Come consigliere comunale ho richiesto mensilmente ad Astea alcuni di questi dati, a mio parere, utili per capire la gestione del ciclo rifiuti nella nostra città e conseguentemente poter controllare l’andamento dei costi del servizio di raccolta e smaltimento .

rifiuti 2012 Osimo

dati 2012

Confrontando e analizzando i dati in mio possesso ( risultati definitivi  2011 – 2012 ricavati da Astea) si può notare un primo effetto importante, il decremento del rifiuto indifferenziato conseguito quest’anno, pari a  kg.  247.330 (da kg. 6.846.230 del 2011 a kg. 6.598.900 del 2012). Un risultato importante, circa 247 tonnellate di rifiuti non inviati alla discarica che rappresentano mancati costi di smaltimento che dovranno tramutarsi in benefici economici per le utenze, vale a dire che c’è da aspettarsi un bel risparmio per le tasche dei cittadini e un minor costo per i bilanci delle attività economiche osimane. I rifiuti differenziati sono invece aumentati di kg. 605.114 (passati da kg. 12.139.784 del 2011 a kg. 12.744.898 del 2012). Si può rilevare da ultimo il dato dell’incremento  totale annuale dei rifiuti ( circa 358 tonnellate) un incremento  nonostante  il calo dei consumi che deve essere da stimolo per cercare nuove strategie  innovative per puntare  all’obiettivo della contrazione complessiva dei rifiuti.

confronto anni

Seguono i  dati dello specifico della  raccolta differenziata 2012.

diffe2012

dett.diff2012Rispetto all’anno passato si sono avute le seguenti variazioni. L‘organico è aumentato di kg. 434.870 (da 3.124.650 kg. del 2011 a 3.559.520 kg. del 2012), un aumento di circa  +2%. Quasi 603.370 kg in più (da 1.827.630 a 2.431.000 kg) corrispondente a un +4% per quello che riguarda il quantitativo del verde, derivante dal maggior conferimento delle potature di alberi e siepi. La raccolta di multimateriale: plastica, vetro, tetrapak etc..  risulta invece diminuita di kg. 593.061 (da 5.113.124 kg del 2011 a 4.520.063 kg del 2012 ). Nel 2012 la raccolta differenziata di carta e cartone resta sostanzialmente stabile (+0,45%), in termini assoluti,  sono state raccolte 2.181 tonnellate di carta e cartone pari a circa 60 kg di media procapite per ogni osimano. E’ diminuita  invece di circa Kg. 100.000 la raccolta del vetro.

I dati della differenziata sono in definitiva incoraggianti e dimostrano che i veri protagonisti del successo sono gli osimani. Ma, come si dice in queste occasioni, non può bastare.
Amministrazione Comune e Astea devono esercitare meglio i loro compiti e fra questi, reputo prioritario quello di rendere trasparente il processo che segue l’impegno quotidiano di ogni cittadino che sceglie di fare la raccolta differenziata. Far sapere al cittadino-utente per dimostrargli, l’effettiva utilità, in termini ambientali ed economici, di separare correttamente i rifiuti.

Paola

Campagna elettorale 2013: Monti assolda il “guru” di Obama

campagna elettorale 2013Monti per la sua campagna elettorale ha assoldato il consulente David Axelrod, ex responsabile della campagna elettorale di Obama. I giornali riferiscono che il primo consiglio è stato: “aggredire i rivali”.

E pensare che guardavamo con invidia alle campagne  elettorali americane basate sul fair play. Quelle campagne  elettorali dove immaginavamo si rispettava l’avversario e si poteva discutere in modo oggettivo – e non discriminatorio e lesivo della dignità altrui – temi quali la migrazione, l’integrazione, ….

Paola

Al poeta della canzone italiana

Io vorrei essere là
sulla mia verde isola
ad inventare un mondo
fatto di soli amici ….

Luigi Tenco

Cementificazione del “campetto dei frati” e addio al Cinema Concerto, FATTO: le liste “Simoncini&Lat”

I grandi “ILLUMINATI” progetti delle liste del sindaco  Simoncini per la nostra città:  PARCHEGGI PRIVATI, PARCHEGGI A PAGAMENTO, NEGOZI al posto del “campetto dei frati”, del mercato coperto e del Cinema Concerto.

Questo il bando.  La presentazione delle  offerte scade il 30/01/2013.

BANDO DI SELEZIONE DELLA MIGLIORE OFFERTA TECNICO-ECONOMICA RELATIVA ALL’ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DENOMINATI “MERCATO COPERTO COMUNALE E LOCALI EX CINEMA CONCERTO” E “EX CAMPETTO DEI FRATI”
IL DIRIGENTE DEL DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO

        Premesso che:

1. Questo Ente, intende dare attuazione alle previsioni del Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni dei beni immobili per l’anno 2012 approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 27/06/2012 ed integrato con delibere di Consiglio Comunale n°64 del 29/08/2012 e n.78 del 9/11/2012;
2. Necessita dare urgente avvio alle procedure di alienazione ai beni di cui alla citato atto C.C. n.64/2012 che sono costituiti da :
-Bene A ) TERRENO sito in Osimo, nei pressi di via Fontemagna, denominato “Ex campetto dei Frati” distinto al Catasto Terreni del Comune di Osimo al Fg. 42 mapp. 524, 622, 830, 831, 832, 1222 .
-Bene B) FABBRICATI costituenti il Mercato Coperto Comunale (compresi i locali già sede di attività ricreative) e locali ex Cinema Concerto individuati a seguito di aggiornamento catastale al Catasto Fabbricati del Comune di Osimo al Fg. 41 mapp. 42 Sub 4, mapp. 43 sub 17, mapp. 49 sub 13, mapp. 43 sub 18, mapp. 43 sub 7-9.
– In esecuzione dell’atto G.C. n. 256 del 21/11/2012;

… Articolo 2 – Finalità
Il Comune di Osimo, in qualità di Ente proprietario degli immobili di cui in premessa, si propone :
Bene A) Di promuovere la realizzazione di un parcheggio pubblico custodito in posizione strategica a servizio del Centro Storico cittadino, servito da ascensore e rampe per autoveicoli su Fonte Magna,ed anche con annessi box privati quest’ultimi in misura non superiore al 50%di quelli pubblici. La localizzazione di detto nuovo impianto viene individuata nel terreno di proprietà comunale usualmente denominato “Campetto dei
Frati”.
Bene B) Di promuovere il recupero di un complesso parzialmente degradato sito nel Centro Storico ed individuato dai fabbricati che costituiscono il Mercato Coperto Comunale (compresi i locali già sede di attività ricreative) e locali ex Cinema Concerto censiti al catasto fabbricati al fg. 41 mapp. 42 Sub 4, mapp. 43 sub 17, mapp. 49 sub 13, mapp. 43 sub 18, mapp. 43 sub 7-9. Mantenendo la destinazione commerciale ed eventualmente quella mercatale.

……………………..

Mi auguro che il bando vada deserto e che al più presto la città sappia liberarsi di chi sta progettando la sua devastazione. Chi vuole il futuro di una città di 35.000 abitanti senza un importante spazio culturale, di socializzazione e di formazione qual’è una sala cinematografica, chi vede in uno spazio verde se non la possibilità di costruire parcheggi e  case, non ha a cuore la tua città.
Paola

Conosco una sola razza quella umana

Giorno-della-Memoria 5Tenere viva la memoria della Shoah è un dovere imprescindibile, senza alcuna riserva.

Il ricordo nelle parole di Giuliana Tedeschi Fiorentino, spentasi a 96 anni due anni or sono, una delle ultima testimone ebrea della deportazione nazista che al Teatro Regio di fronte ad una platea immensa disse:

Siamo tornati, siamo tornati in pochi, anzi in pochissimi; abbiano lasciato laggiù milioni di essere umani, consumati dalle malattie, dagli stenti, dalle violenze; milioni di donne, bambini, vecchi trasformati in fumo. Siamo tornati in un mondo in cui ci siamo subito sentiti estranei, dove non abbiamo trovato ascolto ma sola una desolata solitudine. Allora abbiamo scritto: prima gli uomini, poi a poco a poco le donne che faticosamente uscivano dalla propria riservatezza e dai propri pudori. Abbiamo scritto con le lacrime per un bisogno estremo di sfogo personale e con disperata rabbia per vendicare le offese e le violenze subite. Ma oggi abbiamo la certezza di avere condannato, con la nostra testimonianza, all’esecrazione universale, una intera generazione di feroci, disumani assassini, per i quali non potrà mai esistere perdono. Le parole sono pietre e pietre auspichiamo che restino i nostri racconti, li lasciamo a voi perché li trasmettiate agli altri, in una catena che non trovi interruzione, perché i nostri racconti rappresentano anche le voci di chi non è tornato.

Il suo ricordo sia di benedizione per tutti noi.

QUESTO E’ STATO

Campagna elettorale 2013: non si sente parlare delle questioni del Mondo

campagna elettorale 2013

Osservo che, fino ad ora, nessuno dei leader politici che partecipano alla  campagna elettorale ha pronunciato una sola parola per sottolineare un impegno per la difesa dei diritti umani nel mondo.
A nessuno, fino ad ora, è venuto in mente di spendere delle parole per ricordare le migliaia di vittime siriane, ragionando sulla possibilità di impedire nuovi genocidi nel mondo.

Paola

MPS, la responsabilità è di chi ha detto no al blocco dei derivati e di chi ha detto no alla reintroduzione del falso in bilancio

Monte Paschi SienaFa bene Bersani a respingere con nettezza gli attacchi che arrivano sul caso del Monte dei Paschi. Il Partito Democratico è stato in questi anni l’unico partito a combattere per bloccare i derivati e, solo per fare un altro esempio, a chiedere la reintroduzione del falso in bilancio.
Anche ad Osimo, il PD ha criticato il ricorso al finanziamento tramite, i così detti, “Swap e finanza derivata” e con determinazione ha spinto il Comune a recedere ( cosa che poi l’amministrazione delle liste ha fatto) dal contratto fatto con alcuni istituti bancari, operazioni rilevatesi a dir poco azzardate e piene di incognite con gravi rischi e pregiudizi per la finanza locale e per i cittadini.

Quelli che oggi provano a inventare una nuova polemica che non sussiste, indirizzino i loro strali verso chi ha detto sempre no alle richieste e proposte del Partito Democratico per la trasparenza della finanza, a cominciare dall’ex ministro dell’Economia Tremonti e dalla Lega di Maroni e naturalmente da Berlusconi.
Come ha già detto Bersani: “il PD ha agito in questi anni nel totale rispetto reciproco fra autonomia della politica e autonomia delle banche; se ci sono punti da chiarire su questa vicenda, confidiamo che le autorità di vigilanza, di cui abbiamo piena fiducia, facciano fino in fondo il loro lavoro“.

Paola

Per celebrare il ‘Giorno della Memoria”

In occasione del Giorno della Memoria, molti Comuni organizzano  e promuovono iniziative rivolte alla cittadinanza proprio per mantenere la memoria di quanto è successo, affinché non possano più ripetersi tragedie analoghe. Uno dei mezzi di comunicazione preferiti dagli studenti e dai giovani, per il messaggio che arriva con particolare attenzione,  è il cinema.  Sono molti i film prodotti  per celebrare e ricordare la Shoah.

Il nostro Comune purtroppo guidato da una Amministrazione a dir poco “miope” ha lasciato chiudere l’unica sala cinematografica presente in città privando gli osimani, le scolaresche, i giovani, di occasioni per poter condividere la visione di film che fanno pensare e riflettere.

Uno dei più bei film che ho visto, legato al tema della Shoah è “Sopravvivere coi lupi“, un film che Vi consiglio di vedere. Invito che rivolgo sopratutto ai giovani miei concittadini al fine di conoscere e fare memoria della Shoah, dello sterminio del popolo ebraico e  della vergogna delle leggi razziali.

Paola

sopravvivere con i lupi

A Guido Rossa, operaio, assassinato dalle BR

Il 24 gennaio 1979 alle 6.35 del mattino, Guido Rossa – operaio all’Italsider di Genova, militate del PCI, delegato FIOM-CGIL – viene ucciso con sei colpi di arma da fuoco dalle brigate rosse  per punirlo di aver segnalato alle autorità un loro collaboratore.

Guido Rossa«Sindacalista componente del consiglio di fabbrica di un importante stabilimento industriale, costante nell’impegno a difesa delle istituzioni democratiche e dei più alti ideali di libertà. Pur consapevole dei pericoli cui andava incontro, non esitava a collaborare a fini di giustizia nella lotta contro il terrorismo e cadeva sotto i colpi d’arma da fuoco in un vile e proditorio agguato tesogli da appartenenti ad organizzazioni eversive. Mirabile esempio di spirito civico e di non comune coraggio spinti fino all’estremo sacrificio. Genova, 24 gennaio 1979.»
– Roma, 26 gennaio 1979 – Motivazioni della Medaglia d’oro al valore civile della Repubblica Italiana.