Un BUON inizio, il rinnovamento c’è: Laura Boldrini alla Camera e Piero Grasso al Senato

Grasso e Boldrini Le nostre istituzioni non sono solo, come qualcuno vorrebbe disegnarle,   “casta” e corruzione.
Piero Grasso è ex magistrato capo dell’antimafia mentre Laura Boldrini ha lavorato per anni nel campo dei diritti civili, ex portavoce dell’Alto commissariato dei rifugiati dell’Onu. Entrambi, e le loro comuni storie di impegno per la giustizia, per gli ultimi e per i diritti delle persone,  ci forniscono la testimonianza del fatto che il rinnovamento è in atto con rigore, umiltà e passione. Due persone autorevoli e due figure nuove e credibili che rompono completamente con gli schemi del passato.
Bene anche gli eletti grillini che hanno dato dimostrazione di RESPONSABILITA’, ed hanno saputo scegliere per la parte giusta: il BENE COMUNE. Ora il Governo per salvare&cambiare l’Italia.

Paola

Scelte importanti: atti simbolici e non solo

Laura Boldrini eletta Presidente della Camera. Il PD  e Bersani dimostrano  con i fatti come il cambiamento sia reale, a dispetto di quanti hanno criticato il nostro segretario. Ora mi aspetto  grandi novità anche al Senato.

Atti e scelte simboliche ? Forse, ma in certi momenti i simboli pesano più della sostanza.  Anche sulla questione “costi della politica” bisognerebbe fare la stessa cosa: atti simbolici.  Complimenti a Bersani.

Boldrini

17 marzo: giornata dell’Unita’ nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera

Italia bandiera Si celebrerà per la prima volta quest’anno la “Giornata dell’Unita’ nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera” in occasione del 17 marzo, il giorno in cui, nel 1861, fu proclamata a Torino l’Unita’ d’Italia.
La nuova festa è stata introdotta da una legge dello scorso novembre con finalità didattiche: “promuovere i valori di cittadinanza fondamento di una positiva convivenza civile – recita la norma – nonché riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica”.
La ricorrenza, che non comporta chiusura degli uffici né vacanza nelle scuole, verrà commemorata anche ( lo ricordo al sindaco Simoncini al quale questi obblighi di legge spesso sfuggono) con l’esposizione della bandiera nazionale e di quella europea sugli edifici pubblici.

Credo sia importante rivalutare, in questo preciso contesto storico, il valore dell’identità nazionale, perché significa attualizzare i principi, che hanno spinto tanti valorosi patrioti a combattere per la libertà, per l’amor di patria, per l’unità di uno stato che fonda la sovranità proprio dalla gente. Il percorso, che condusse a questo traguardo, fu delineato da episodi di lotta civile altamente drammatici nella storia del nostro paese. Chi lottava per l’Unità d’Italia era mosso dall’orgoglio e dall’alto principio di uno stato unico, da un’identità di radici, che si è sviluppata in tutto il Risorgimento non solo come ideale per una lotta comune, ma anche come processo di rinnovamento culturale. Oggi il nostro Paese  è chiamato a ripartire, deve rinascere recuperando il valore dell’identità nazionale per un’idea aperta e non statica di Nazione che consideri i mutamenti storici in atto, perchè l’Italia sia unita e patria per tutti gli italiani!

Paola

Se sapessi parlare di …..

 

    Una nota per ogni domenica

                                                                                       

                                                                                        –

               –

Buona Domenica a tutti Voi.

Un ricordo, sono 10 anni che è scomparso Giorgio Gaber.
Non solo canzoni. I suoi testi ci hanno interrogati, … ci hanno cresciuti

” Se potessi mangiare un’idea,avrei fatto la mia rivoluzione… ”

” Se sapessi parlare di Maria se sapessi davvero capire la sua esistenza
avrei capito esattamente la realtà
la paura, la tensione, la violenza
avrei capito il capitale, la borghesia
ma la mia rabbia è che non so parlare di Maria…”

“Non insegnate ai bambibi,
stategli sempre vicini date fiducia all’amore il resto è niente… ”

“Tutti noi ce la prendiamo con la storia
ma io dico che la colpa è nostra
è evidente che la gente è poco seria
quando parla di sinistra o destra. ”