10 febbraio, un giorno da ricordare. In memoria dell’esodo giuliano-dalmata e delle vittime del genocidio anti-italiano

La storia del nostro Paese è fatta anche di date da non dimenticare. Si celebra il 10 febbraio il Giorno del ricordo, istituito in Italia nel 2004, in memoria dell’esodo giuliano-dalmata, delle vittime delle foibe e del genocidio anti-italiano.

10 febbraioIn seguito al Trattato di Pace del 10 febbraio 1947 le province di Pola, Fiume e Zara, ma anche parte di quelle di Trieste e Gorizia, passano alla Jugoslavia: 350 mila italiani lasciano case e terre, nel famoso esodo istriano o esodo giuliano-dalmata, ossia il fenomeno di diaspora che si verificò al termine della seconda guerra mondiale dall’Istria, e dalla Dalmazia da parte della maggioranza dei cittadini di lingua italiana e di coloro che diffidavano del nuovo governo iugoslavo, in seguito all’occupazione di tali regioni da parte dell’Armata di Tito.
Le foibe sono inghiottitoi naturali di natura carsica dove furono gettati e, successivamente, rinvenuti i cadaveri di centinaia di vittime. Questi eccidi furono perpetrati in Venezia Giulia e Dalmazia tra l’autunno del ’43 e la primavera del ’45 ai danni di migliaia di cittadini italiani considerati come “nemici del popolo jugoslavo”.
Paola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: