Dalla parte di tutti i “Nazareni” del mondo, perseguitati a ragione della propria fede.

Pace e NLa  “N” come “Nazareno” – cioè cristiano – apposto  come un “marchio della vergogna” sulle case dei cristiani in Iraq, dai fondamentalisti musulmani sunniti dell’Isis. Quella “N” la voglio portare anche io, nell’anima e in questo blog, come piccolo segno di solidarietà e partecipazione alla sorte delle donne e degli uomini cristiani di Mosul e non cristiani  di ogni altro  posto del mondo perseguitati a ragione della propria fede o dal colore della loro pelle: Nazareni nel mondo.
Quella “N”  – oggi incisa in Iraq e in tante altre parti del Mondo per infamare, per umiliare e per prevaricare –  diventi  un simbolo di speranza, un principio di una nuova regola   di fraternità che si fondi su:

nessuno aggredisca il fratello, nessuno su di lui commetta ingiustizia.

Mi è venuto, allora naturale accanto a  quella “N”  accostarci la bandiera della Pace  e tutto quello che questa rappresenta per ribadire  quali sono i valori sui quali va costruita la convivenza fra i popoli.  Scriveva  Leone Tolstoj: “Come non si può spegnere il fuoco con il fuoco, né asciugare l’acqua con l’acqua, così non si può eliminare la violenza con la violenza”.
Sono dalla parte di  tutti i “Nazareni” del mondo.
Paola

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: