Consiglio comunale dei Ragazzi e delle Ragazze: voce e visibilità alle numerose idee dei ragazzi e delle ragazze della nostra città

Una bel momento e un’aria di festa quella che si è respirata questa sera nella sala consiliare del Comune di Osimo. La presentazione e l’incontro del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, eletti direttamente nelle scuole di Osimo, è stato per me motivo di soddisfazione e di riflessione per la maturità e l’impegno che i ragazzi hanno dimostrato  per questa iniziativa.
Un grazie a tutti i ragazzi ed ai loro genitori, una grazie a tutti i colleghi insegnanti  ed ai Dirigenti scolastici che hanno risposto con entusiasmo al progetto sulla cittadinanza che ho loro proposto all’inizio dell’anno scolastico.

Il Presidente del Consiglio comunale
Paola Andreoni
ConsCom Ragazzi_Ragazze 27_2_2015

ConsComRagazzi_Ragazze 27_22015 2

Per vedere tutte le foto:

clicca qui

o

qui sulla pagina Facebook

Annunci

Personale delle pubbliche amministrazioni: risoluzione del rapporto di lavoro obbligatoria per coloro che hanno maturato i requisiti per la pensione di vecchiaia, oppure il diritto alla pensione anticipata, avendo raggiunto l’età limite ordinamentale

L’articolo 1 del decreto legge 24 giugno 2014, n.90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014 n. 114, ha abrogato la disciplina generale del trattenimento in servizio dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni e ha ridefinito la risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro da parte delle pubbliche amminisrazioni.
L’intervento legislativo, si legge nella circolare, è volto a favorire il ricambio e il ringiovanimento del personale nelle pubbliche amministrazioni. Con l’entrata in vigore delle recenti modifiche, il sistema prevede la risoluzione del rapporto di lavoro: obbligatoria per coloro che hanno maturato i requisiti per la pensione di vecchiaia, oppure il diritto alla pensione anticipata, avendo raggiunto l’età limite ordinamentale.

Ora è stata  pubblicata sul sito della funzione pubblica la circolare esplicativa n.2/2015

Vuoi sapere quanto spende e come spende i tuoi soldi il Comune di Osimo ?

Per vedere quanto spende e come spende i tuoi soldi
il Comune di OSIMO   clicca qui

Oggi i contribuenti hanno a disposizione un nuovo strumento che consente di soddisfare questa curiosità: si tratta del sito Soldipubblici-reloaded.
I dati utilizzati per popolare il database alla base di SoldiPubblici.Reloaded provengono dal sito internet SoldiPubblici.Gov.it, il sito Governativo  che  mostra le spese degli enti locali.
E’ possibile consultare statistiche sia generiche sull’elenco dei comuni in ordine di spesa, sia per ciascun codice SIOPE un dettaglio dei comuni che spendono di più in una particolare tipologia di spesa (ad esempio la raccolta rifiuti) e all’interno di queste singole categorie trovare i più alto spendenti e l’elenco completo di tutti i singoli comuni per quella particolare spesa.

Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi di Osimo

logo ConComRagazzi_e

VENERDI’  27  Febbraio 2015  alle ore 17,30

CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

Venerdì 27 febbraio 2014, alle ore 17.30, si terrà presso la sala Gialla del Comune di Osimo, il Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze degli istituti Comprensivi  osimani per discutere i seguenti punti all’Ordine del Giorno.

1) Comunicazioni del Presidente del Consiglio.
2) Interrogazioni, e proposte dei ragazzi e delle ragazze:

2.1) Interrogazione: il Cinema nel centro di Osimo ( il testo dell’interrogazione).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo  “C.G.Cesare”, delle classi 4^A e 4^B del plesso Fornaci Fagioli ( quesito n° 4)

2.2) Proposta che ad Osimo ci sia un cinema, così non dobbiamo andare ad Ancona, e per migliorare la cultura nel nostro paese ( il testo dell’interrogazione).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo” ( quesito n° 4)

2.3) Interrogazione ristrutturazione dell’edificio accanto al plesso della scuola primaria “Bruno da Osimo”, e quando sarà riconsegnato al nostro Istituto ( il testo della interrogazione).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo” ( quesito n° 1)

2.4) Proposta adeguamento e  ristrutturazione di tutti i plessi scolastici così che questi ultimi risultino accoglienti, moderni, colorati, a misura di bambino ed in particolare quello di Campocavallo ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo  “C.G.Cesare”, Scuola Primaria “Campocavallo” ( quesito n° 1)

2.5) Interrogazione – segnalazione problemi relative al servizio scuolabus ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Padiglione classe IV^” ( quesito n° 1)

2.6) Interrogazione riparazione della serra della scuola secondaria di I grado “C. Krueger” –  danneggiata dalla neve del 2012-   e ripulita l’area che andrebbe utilizzata per l’orto per i nostri laboratori ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo” ( quesito n° 2)

2.7) Proposta rinnovo dei giochi negli spazi pubblici, parco-giochi ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo  “C.G.Cesare”, Scuola Primaria “Fornace Fagioli” ( quesito n° 2)

2.8) Proposta per uno spazio polifunzionale al fine di svolgervi attività ricreative a Passatempo ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Passatempo classe V^” ( quesito n° 2)

2.9) Proposta che  ad Osimo venga aperta una Ludoteca, così noi bambini possiamo ritrovarci e giocare insieme nel tempo libero ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo” ( quesito n° 3)

2.10) Proposta di aprire nel territorio dei centri di aggregazione dove poter fare attività ricreative e creative ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo  “C.G.Cesare”, Scuola Primaria “Borgo San Giacomo” ( quesito n° 3)

2.11) Proposta per una scuola efficiente  a misura di bambino a Montetorto ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Montetorto classe V^” ( quesito n° 3)

2.12) Proposta destinazione spazio dell’ex consorzio a museo-pinacoteca e  sede della biblioteca comunale ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Marta Russo classe IV ^ A” ( quesito n° 4)

2.13) Proposta che i bagni dei giardini pubblici di Piazzanuova siano sempre puliti, chiusi da una porta, uno per i maschi e uno per le femmine e che ci sia sempre la carta igienica ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo” ( quesito n° 5)

2.14) Proposta per il migliore utilizzo degli spazi adiacenti la Scuola Elementare “Marta Russo” ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Marta Russo classe IV ^ B” ( quesito n° 5)

2.15) Proposta: no allo spreco di cibo in tutte le mense scolastiche del Comune di Osimo ( il testo della proposta).
Gli alunni dell’Istituto Comprensivo “F.lli Trillini”, Scuola Primaria “Marta Russo classe V ^ C” ( quesito n° 6)

IL PRESIDENTE del CONSIGLIO COMUNALE
F.to Paola Andreoni

ConsiglioRagazzieRagazze

Sandro PERTINI

I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi,
di onestà, di coerenza e di altruismo.

 Sandro Pertini

Pertini Sandro

nell’anniversario della morte, 24 febbraio 1990.

La SCUOLA che cambia

scuola che cambiaDomani, domenica 22 febbraio, sarò alle 9 a Roma all’iniziativa “La scuola che cambia, cambia l’Italia”, nel corso della quale Matteo Renzi incontrerà il mondo della scuola.
Cercherò di portare il mio piccolo contributo, il contributo di chi ha a cuore il mondo della scuola, vivendola con impegno, coinvolgimento e passione ogni giorno, tutti i giorni.
Cercherò di capire, anche, se Renzi ci crede per davvero alla Scuola e come intende effettivamente investirci.

Dove sta andando la nostra Sanità ?

Le tragedie di Catania, Napoli e Trapani, che hanno visto 3 bambini vittime della malasanità degli ospedali, evidenziano una sempre maggiore perdita di qualità nel settore dei servizi sanitari, dovuta a continui tagli e a strategie discutibili, in cui i pazienti non sono più considerati esseri umani ma spesso solo numeri.
Mi auguro che escano fuori le  responsabilità in queste tremenda vicende di malasanità che ha visto come vittime innocenti tre poveri bambini.
Ho tuttavia l’impressione che il  personale sanitario di tutte le strutture italiane si sia ridotto a lavorare in luoghi dove le priorità non sono più i pazienti.