Le donne nel Consiglio Comunale di Osimo: Maria AGOSTINELLI in Castellani

Per le donne la partecipazione alla vita politica e sociale della città non è facile. Quando una donna si dedica alla gestione della cosa pubblica deve mettere nel conto che, nella maggior parte dei casi e in misura maggiore rispetto ad un uomo, tale attività si andrà a sommare a quella lavorativa e a quella della cura della famiglia.
L’iniziativa del 2 giugno vuol essere anche questo, un doveroso ringraziamento a tutte noi che negli anni abbiamo compiuto questa scelta nonostante le difficoltà cui sapevamo e sappiamo andare incontro.
Sicuramente 50 anni fa la partecipazione delle donne alla vita politica e sociale era ancora più difficile perchè la politica era degli uomini.

Nel mandato amministrativo 1964 – 1970, sindaco Vincenzo ACQUA, le donne nel Civico consesso osimano erano solo due.
– Flora GIRI eletta dalla lista del PSDI;
– Maria AGOSTINELLI in Castellani  poi anche Assessore alla Pubblica Assistenza

I figli Franca, Franco e Gloria Castellani così mi hanno scritto a ricordo dell’impegno etico , della passione politica della loro madre: Maria (detta Marina) AGOSTINELLI.
Agostinelli 3

Non crediamo che nostra madre conoscesse il discorso di Pericle agli ateniesi ( e agli altri popoli) pronunciato nel 461 avanti Cristo:
Abbiamo una costituzione che non emula le leggi dei vicini, in quanto noi siamo più d’esempio ad altri che imitatori. E poiché essa è retta in modo che i diritti civili spettino non a poche persone, ma alla maggioranza, essa è chiamata democrazia” ……..…..” Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.
Nostra madre, con un vissuto di aderente attiva nell’Azione Cattolica Italiana, nel suo impegno sociale ha dato piena attuazione al significato di “democrazia” interpretando il ruolo di amministratore come un servizio ai cittadini, senza secondi fini, dimostrando che è possibile riporre piena fiducia nello Stato e nelle sue istituzioni, nonostante tutto, avendo un’altissima coscienza civica e morale.
Un esempio che abbiamo avuto la fortuna di avere come Madre.
Franca, Franco e Gloria Castellani

Agostinelli MariaRoma 16 maggio 1965 all’altare della Patria in occasione del ventennale del voto alle donne.
Nostra madre è la terza partendo da destra con la collana al collo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: