Un osimano dai tanti talenti: Sandro MOSCA

Ci sono persone che vivono attorno a noi, anche nella nostra piccola comunità, nella più assoluta ombra o penombra. Li incontriamo a fare la spesa, ci si saluta per il corso ma spesso non sappiamo nulla ne tanto meno sappiamo delle capacità e delle ricchezze che nascondono.
Una di queste persone è Sandro MOSCA che sapevo musicista ma ho scoperto anche  narratore dialettale, fine disegnatore satirico  con un suo stile elegante senza mai scadere nei cascami tipici di tanta letteratura folclor-popolare.
Un osimano  dai tanti  talenti, che mi ha inviato, e con piacere condivido e pubblico, una delle ultime poesie classificatasi 2^ ex aequo (su 352 opere partecipanti al Concorso) al XXIII Premio Letterario dei Dialetti Marchigiani.
A seguire il Sandro Mosca  disegnatore umoristico in una delle strisce della serie ” Letizia e  Gedeo’ osimani da sette generaziò ” pubblicate settimanalmente su “La Meridiana”.

UN OTTIMU PAGADORE

Un tizziu va dal parugo e je dice:
“Miu caru reverendu, don Felice,
me dite ‘na messa per mi’ surella,
‘na bella funzio’, qui, ‘nte ‘sta Cappella…”.
“So’ qui probio per quesso, fijo miu…
la vòi mudesta o cume vòle Diu?
Se ‘l be’ che te je vòi è perenne,
dimejela cantada o sulenne!
Vedi, la differenza sta ‘ntel prezzu…
cuscì è le cose: nun c’è via de mezzu!”.
“Ma, padre, iu nun c’ho ‘l beccu d’un quadri’…
e già, purtroppu i fatti stanne accuscì!”.
“Cume se fa, fijolo benedettu?
La chiesa c’ha le spese: ‘l chierighettu,
j arredi, le candele, luci, fiori…
qualche baccu duvrai tirallo fòri!
Pure a fa’ ‘na cosa semplice e andante
le spese, caru miu, so’ sempre tante!”.
“Iu nun c’ho un centesimu, ve ‘ssiguru…
cu’ deo fa’, deo da pija’ a calci ‘l muru?”.
“Beh, ce sarà qualcun antru ‘n famija,
che ne so iu: un padre, ‘na fija…”.
“Magari! Mi’ surella era monniga
e dichiaru su la vostra tonniga
che, ‘nte ‘sto monno, nisciuno po’ paga’:
è morta sola suletta cum’un ca’!”.
“Pòi cunsideralla privilegiada
perché, de certu, ‘n Paradisu è ‘ndada!
Puretta, avrà pregado a tutte l’ore,
po’ avea spusado a Nostru Signore…”.
“Ah, scì? Beh, se le cose stanne accuscì,
la messa la putede di’ lipperlì!”.
“Ma, iu rmano sempre nun pagado!”.
“Stade tranquillu… paga mi’ Cugnado!!!”.
( di Sandro Mosca )

GEDEO' 806

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: