Eugenio Scalfari: Con sorriso e con rabbia Angela e Matteo fan buchi nella sabbia.

giornale La Repubblicadi Eugenio Scalfari, • 31 Gennaio 2016. Con sorriso e con rabbia Angela e Matteo fan buchi nella sabbia. Il futuro è breve per mantenere il potere.
Volevo scrivere oggi sull’Europa e della crisi che la sta devastando nonostante l’indifferenza che ha pervaso le sue istituzioni e la cosiddetta classe dirigente che le amministra; una crisi che è apparsa ancor più chiaramente nell’incontro di venerdì scorso tra Angela Merkel e Matteo Renzi a Berlino.
Lo farò tra poco, ma prima debbo premettere alcune considerazioni sull’incontro in Vaticano tra papa Francesco e Hassan Rouhani, presidente dell’Iran, ed anche sulla preannunciata riunione che avverrà il prossimo 31 ottobre in Svezia tra Francesco e i rappresentanti delle Chiese protestanti di tutto il mondo per celebrare la riforma luterana di mezzo millennio fa in quello stesso giorno, quando Martin Lutero attaccò sulla porta della cattedrale di Wittenberg le sue tesi che spaccarono in due la religione cristiana.
Cinquecento anni, durante i quali si scatenarono guerre religiose, stragi, roghi, torture inflitte da ambo le parti e con l’appoggio dei diversi sovrani che utilizzavano a proprio vantaggio politico quelle tragiche guerre religiose. Uno soltanto tentò la via della riconciliazione nel 1541 e fu Carlo V d’Asburgo, imperatore di Germania e di Spagna, ma il tentativo fallì e le guerre religiose continuarono a insanguinare l’Europa.
Il culmine fu raggiunto nella notte di San Bartolomeo nel 1572 quando gli ugonotti (i protestanti francesi) guidati dal re di Navarra, dal principe di Condé e dall’ammiraglio de Coligny, furono massacrati dai soldati di Caterina de’ Medici e da suo figlio Carlo IX di Valois. Furono ventitremila le vittime di quella mattanza a Parigi e poi continuarono per secoli.
Il 31 ottobre prossimo quella spaccatura in due della cattolicità sarà celebrata e superata. Francesco ha già chiesto perdono ai valdesi, che precedettero di molto la scissione luterana e chiederà perdono anche a Lutero e ai suoi discendenti e il perdono sarà reciproco perché i protestanti hanno anche loro responsabilità di tanto sangue sparso. L’obiettivo di entrambe le parti è di superare quelle divisioni affratellandosi di nuovo nel nome di Cristo. I riti e la liturgia resteranno distinti, ma l’affratellamento sarà aperto nell’ambito di una Chiesa pastorale e missionaria che con una svolta di queste proporzioni, alla quale sono da aggiungere gran parte degli anglicani e in un futuro prossimo anche gli ortodossi delle Chiese d’Oriente, sarà la religione numericamente più diffusa nelle due Americhe, in Europa, in Russia, in Africa, in Asia e in Australia.
Non dimentichiamo però la visita alla sinagoga di Roma di papa Francesco e l’incontro con Rouhani al Palazzo Apostolico il 26 scorso. Il comunicato emesso con l’accordo delle due parti dice così: «Durante il colloquio si sono evidenziati i valori spirituali comuni e si è poi fatto riferimento ai buoni rapporti tra la Santa Sede e la Repubblica Islamica dell’Iran. Si è altresì rivelato l’importante ruolo che l’Iran svolge, insieme ad altri Paesi della Regione per promuovere adeguate soluzioni politiche ai problemi che affliggono il Medio Oriente contrastando la diffusione del terrorismo. Al riguardo è stata ricordata l’importanza del dialogo interreligioso e la responsabilità delle comunità religiose nel promuovere la tolleranza e la pace».
Due iniziative, con i protestanti luterani e con l’Iran islamico, dalle quali esce rafforzata la libertà religiosa, la convergenza umanitaria nonché le ripercussioni politiche di queste iniziative prese in gran parte da papa Francesco. Altre volte l’ho definito profetico e rivoluzionario. Alla base del suo pensiero e della sua azione c’è sempre la fede in un unico Dio che nessuno aveva proclamato con il vigore di Francesco e che rappresenta la scomunica dei fondamentalismi di ogni genere e dei terrorismi e delle guerre che quei fondamentalismi alimentano.
****
Ed ora l’Europa e l’incontro a Berlino tra Angela Merkel e Matteo Renzi che è in ordine temporale l’episodio più recente della politica europea. Ma c’è un altro episodio con il quale desidero aprire questo capitolo domenicale: il viaggio di Renzi all’isola di Ventotene, nei pressi di Ischia, per commemorare il “Manifesto per l’Europa” redatto in quell’isola dove erano confinati gli antifascisti ai tempi del regime mussoliniano, da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi.
Sono stato amico di entrambi: Spinelli lo conobbi a casa della figlia Barbara che lavorò per molti anni con Repubblica ; Ernesto lo conobbi al Mondo di Mario Pannunzio nel 1949 e lavorammo insieme giornalisticamente e politicamente da quell’anno fino al 1963. Lo dico perché conosco, al di là del Manifesto che peraltro è chiarissimo, il loro pensiero e l’azione che sostennero per l’unità democratica dell’Europa. Spinelli e Rossi puntavano agli Stati Uniti d’Europa sul modello istituzionale degli Stati Uniti d’America. Questo volevano e per questo lavorarono finché vissero, Altiero soprattutto.
Mi rallegro molto con Renzi per questa visita a Ventotene in ricordo ed omaggio all’europeismo di Spinelli (di Rossi non ha mai parlato come se quella firma fosse inesistente) ma forse Renzi non si è mai battuto per gli Stati Uniti d’Europa, cioè per un’Europa federata e non soltanto confederata. In questi ultimi tempi Renzi si è anzi distinto per il suo contrasto con la Commissione europea, battendo i pugni sul tavolo, tenendo in testa il cappello e riaffermando l’autonomia dei governi nazionali i quali, sia pure nel quadro delle regole europee, debbono avere piena libertà di applicarle nei tempi e nei modi decisi autonomamente dai rispettivi governi.
È vero che esistono temi che l’Europa ha finora lasciato nelle mani dei governi nazionali, ma è vero anche che le regole sono emesse dalla Commissione dopo l’approvazione del Consiglio dei ministri dei 28 Stati membri e dal Parlamento di Bruxelles. Rafforzare l’autonomia degli Stati nazionali, i quali detengono la sovranità collegiale della confederazione col voto spesso unanime e talvolta a maggioranza qualificata significa non già rafforzare l’Unione europea ma indebolirla ulteriormente.
Renzi si sta dunque muovendo su una strada di totale ma consapevole incoerenza, che è già stata negativamente giudicata anche da Giorgio Napolitano oltreché dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, ma che non pare sia stata adeguatamente sostenuta dall’opposizione interna del Pd che si definisce più a sinistra di Renzi.
Questa scarsa sensibilità della dissidenza ha purtroppo un solo significato: la sinistra non c’è più o almeno non si sa che cosa significhi oggi essere di sinistra. L’ha detto più volte Alfredo Reichlin, uno dei dirigenti dell’antico Partito comunista, tuttora presente nella battaglia politica. A Renzi oggi conviene dirsi alla guida d’un partito di sinistra. Questo lo distingue dalla Merkel che capeggia una democrazia moderata, ancorché alleata con il partito socialista tedesco che peraltro conta poco o niente nel determinare la politica della Cancelliera.
Dunque un Renzi di sinistra che si distingue così dalla Merkel moderata e tende a fare tandem con lei proponendosi come il capo di governo che fronteggia o si accorda volta per volta e problema per problema con la Germania. Insomma al posto del tandem Germania-Francia, un nuovo tandem Germania-Italia. Mica male come prospettiva renziana, politicamente parlando. Resta il contrasto economico tra crescita (Renzi) e austerità (Merkel). Ma questo è un contrasto fittizio perché non dipende da nessuno dei due. Dipende invece da quanto sta avvenendo nel mondo intero: in Usa, in Cina, in Giappone, in Russia, in Brasile, nel Medio Oriente. Dipende dall’andamento di alcune materie prime e da alcune attività economiche, a cominciare dall’industria manifatturiera e dalle fonti di energia, petrolio e gas. Dipende dall’andamento climatico e dal fattore demografico. Dipende dalle diseguaglianze sociali e territoriali.
Questo è lo scacchiere. Ma non pare che Renzi ne sia consapevole. O meglio: lo sa ma è più sensibile alla raccolta del consenso, tema a breve raggio temporale. Il consenso serve subito e bisogna farlo durare almeno un anno per poi recuperarlo con nuove ricette elettoralistiche. Il futuro è breve per mantenere il potere. Ce lo ha insegnato Giulio Andreotti, che fu il meglio del peggio nella storia del nostro Paese.
****
Dell’incontro Merkel-Renzi abbiamo già detto. Riassumendolo in queste ultime righe dirò che si sono scambiati alcuni biscottini ma nulla di più, né un bel piatto di fettuccine al ragù né una bistecca di manzo. L’appetito è rimasto intatto, non tanto per la Cancelliera che mangia poco, quanto per il nostro presidente del Consiglio che è molto più giovane ed ha una fame arretrata. Quella c’è ancora e non si sa se potrà saziarla, almeno in Europa.
In Italia sì e a volte con soddisfazione generale. Anche nostra, l’ho già scritto domenica scorsa e lo ripeto oggi per quanto riguarda la legge sulle unioni civili. La legge Cirinnà avrà qualche emendamento sull’utero in affitto e sulle adozioni volute da coppie omosessuali con figli non propri. Se altri emendamenti ci fossero ci sarebbe da preoccuparsi e quindi speriamo di no.
Chiuderò con alcuni versi, tratti da una vecchia poesia di Ernesto Ragazzoni scritta nel giugno 1914. Si intitola Ballata e descrive molto bene quello che spesso accade a chi non ama il potere e si contenta di quel poco che può fare per ingannare il tempo che passa e vola via. A volte poche rime chiariscono molte cose.
«Sento intorno sussurrarmi
che ci sono altri mestieri…
bravi, a voi! Scolpite marmi,
combattete il beri-beri,
allevate ostriche
a Chioggia,
filugelli in Cadenabbia,
fabbricate parapioggia.
Io fo buchi nella sabbia.
O cogliete la cicoria
od allori, o voi, Dio v’abbia
tutti quanti in pace e gloria!
Io fo buchi nella sabbia».

Evento 'Il Cortile dei Giornalisti'

***

***

E’ questa l’offerta del SERVIZIO PUBBLICO RAI: in prima serata un pallone per dimenticare

Oggi , 27 gennaio 2016 in questo giorno particolare, mi  aspettavo  che anche un servizio pubblico come la RAI  – sempre pronta a ricordarci di onorare l’abbonamento – offrisse un palinsesto con film dedicati  alla giornata della memoria.
Tra l’altro una legge dello Stato, la legge 20.7.2000 n. 211,  ricorda  a fare memoria di questa giornata. Lo fanno le scuole, le  Amministrazioni comunali   e tanto più dovrebbe essere compito della Rai, concessionaria di un servizio pubblico,  adempiere agli obblighi di questa legge nella quale,  tra l’altro,  si sottolinea “la necessità di promozione e lo sviluppo di  iniziative volte alla conoscenza e alla riflessione sulla Shoah, affinchè il ricordo di quanto avvenuto non venga mai meno e si diffonda tra le giovani generazioni la consapevolezza di quali enormi effetti possa determinare l’odio dell’uomo contro l’uomo“.

Ebbene, questi sono i programmi in prima serata di Rai 1, Rai 2 e Rai 3 di oggi 27 gennaio 2016 giorno, della memoria:
Rai 1
ore 20:00 TG 1
ore20:30 Calcio: TIM CUP Coppa Italia 2015 / 16 Juventus – Inter Semifinale di andata
ore 23:10 Porta a Porta

Rai 2
ore 20:30 TG 2
ore 21:00 Zio Gianni Gianni e Lo Smartphone
ore 21:10 LOL 😉
ore 21:15 TELEFILM Hawaii Five – 0 – Appostamento – Giustizia per tutti
ore 22:47 Un eroe caduto
ore 23,35  TG 2 notte
ore 23,50  film Gino Bartali: il campione e l’eroe

Rai 3
ore 20:00 Blob
ore 20:15 Sconosciuti La nostra personale ricerca della felicità
ore 20:35 Un posto al sole
ore 21:05 Chi l’ha visto?
ore 00:00 TG3 Linea notte

Questa è  l’Offerta del SERVIZIO PUBBLICO RAI
Rai

***

Un bellissimo film di Ettore Scola per il Giorno della Memoria: “Concorrenza sleale”

Un bellissimo, film  di Ettore Scola per rendere omaggio alle vittime degli orrori della guerra, per onorare quanti persero la vita ribellandosi al nazifascismo e per trasmettere ai nostri ragazzi  un messaggio chiaro di pace e fratellanza fra tutti i popoli, affinché quanto accaduto non si ripeta mai più .
Vi  invito a vedere questo film insieme ai vostri figli: per apprezzare il maestro Ettore Scola recentemente scomparso, per arricchire la formazione e la coscienza dei nostri ragazzi ed aiutarli a crescere in modo più consapevole.

Il film è ambientato nel 1938 e parla di due commercianti di stoffe che hanno i propri negozi nella stessa strada romana. Fanno lo stesso lavoro, hanno famiglie simili, appartengono alla stessa classe sociale. Dapprima sono divisi da una rivalità professionale che alimentano con furbizia, ma poi, quando uno dei due, di religione ebraica, è privato delle libertà fondamentali dalle leggi razziali …….

Eugenio Scalfari: Papa Francesco sulla famiglia non ha fatto nessun passo indietro.

giornale La Repubblicadi Eugenio Scalfari, • 24 Gennaio 2016. Nel contrasto di piazza che si sta verificando tra associazioni cattoliche nel “Family Day” che avrà luogo il 30 prossimo e le molteplici associazioni laiche che andranno avanti fino a quando la legge presentata dal governo sarà discussa e, in forma emendata, approvata (dal 28 prossimo) Francesco non interviene; il compito spetta semmai all’episcopato italiano al quale tuttavia viene ricordato che non deve più occuparsi di politica ma chiarire la posizione pastorale sui problemi in discussione.
Il cosiddetto passo indietro di Francesco sul tema della famiglia non c’è dunque stato. Naturalmente Francesco, come già avvenuto nella discussione sinodale sul tema dell’accesso dei divorziati risposati che chiedono di esser riammessi ai sacramenti, deve cercare soluzioni di compromesso (temporaneo) per mantenere l’unità della Chiesa sinodale. Sul tema dei sacramenti ai divorziati risposati il compromesso è stato di affidare ai vescovi e ai confessori da essi delegati, di decidere se il richiedente può essere riaccolto oppure no. In questo modo l’uscio della riammissione è stato aperto per metà, caso per caso; ma è sempre possibile ai richiedenti della riammissione che abbiano ricevuto parere negativo dal confessore di ripresentarsi dopo qualche tempo penitenziale e formulare di nuovo la richiesta ed è altrettanto possibile, anzi è praticamente certo, che quella seconda richiesta sia accolta.
In questa fase – come sappiamo – la tensione tra il Papa e la Curia ha raggiunto il suo massimo, sicché Francesco deve tenere unita la più larga maggioranza possibile dell’episcopato che privilegia l’azione pastorale e rappresenta in questo modo la Chiesa missionaria voluta da Francesco. Questo spiega ampiamente il compromesso in materia di matrimonio e di unioni civili.
Del resto la parola famiglia è una parola pluri-significativa: designa una comunità di persone unite tra loro da vincoli di affetto o di amicizia o di semplice appartenenza ad una comunità. Nell’antica Grecia e nell’antica Roma la famiglia comprendeva uomo e donna, nonché figli e nipoti, ma anche parenti lontani nel grado di parentela e schiavi, giocolieri, buffoni. Quella insomma che nella Roma classica era chiamata “gens” e aveva anche un nome: la gens Giulia o Claudia o Scipia o Flavia. Ma in tempi attuali esistono anche in tutto il mondo le famiglie mafiose, che prendono il nome del loro capo. Sicché la famiglia matrimoniale non ha natura diversa da quella legalizzata delle unioni civili; sempre di famiglie si tratta, di unioni con analoghi contenuti ma diversi termini lessicali che li distinguono. Il Papa tutte queste varianti le conosce benissimo.
Del resto c’è un altro elemento che Francesco conosce altrettanto bene: la concezione musulmana della famiglia è completamente diversa da quella cattolica, a cominciare dalla supremazia del maschio e dalla poligamia. Ma anche la concezione ebraica è diversa perché la Bibbia dell’Antico Testamento prevede famiglie con due o anche tre mogli per un solo marito. Francesco predica il Dio unico, specialmente tra i tre monoteismi ma per tutte le forme di divinità trascendente. Un Dio unico con scritture e tradizioni diverse, ma unico comunque, sicché le diversità tra le scritture e le tradizioni hanno un impatto assai modesto e sono comunque soggetti a cambiamenti continui che incidono sulla lettera ma non sull’essenza spirituale delle religioni. E questo è tutto per quanto riguarda papa Francesco.
Ma ora c’è il côté laico da descrivere. Chi sono e che cosa pensano su questi problemi?
***
I laici si dicono tali indipendentemente dall’essere o non essere religiosi d’una qualunque religione. Di solito sono contrari alla trascendenza; una delle “bibbie” del pensiero laico è infatti Baruch Spinoza, che aveva teorizzato l’immanenza della divinità con il motto ormai famoso “Deus sive Natura”. Comunque non si è laici e non ci si autodefinisce come tali se non per il fatto che ci s’identifica con i valori di libertà, eguaglianza, fraternità. Gustavo Zagrebelsky, su Repubblica di ieri, sostiene che il laico s’identifica con la democrazia, cioè con l’attribuzione del potere al cosiddetto popolo sovrano. Vero, ma fino ad un certo punto. Non sempre infatti il popolo sovrano sostiene con fatti e non solo con parole tutti e tre quei valori. L’Atene di Pericle era piena di schiavi e così pure la Roma repubblicana e poi imperiale. Ed anche la Galilea dove Gesù di Nazaret predicò duemila anni fa. Infine la democrazia borghese ha sempre puntato sulla libertà a spese dell’eguaglianza e la democrazia operaia pur d’ottenere l’uguaglianza ha messo molto spesso in soffitta la libertà.
Concludo su questo punto che i laici sono certamente democratici sempreché quei valori siano tutti e tre considerati con pari forza, il che vuol dire la difesa dei diritti e insieme ad essi dei doveri che ciascun diritto comporta come corrispettivo in favore di quella stessa comunità che riconosce i diritti.
Personalmente critico Renzi tutte le volte (e purtroppo sono parecchie) che deturpa sia i diritti che i doveri, sia sullo scacchiere nazionale che su quello internazionale; ma nel caso in questione che riguarda le unioni civili, l’appoggio che sta dando alla legge proposta dalla senatrice Cirinnà rappresenta un impegno del nostro presidente del Consiglio che merita piena lode. Lode che si accresce quando vediamo che gli si oppongono la Lega, Forza Italia e Grillo con motivazioni prive di senso, per nascondere quella vera di attacco antirenziano. Ci sono mille possibili motivazioni di antirenzismo, a cominciare dalla legge costituzionale e dal referendum che dovrebbe confermarla, ma questa contro la legge Cirinnà no, non regge per nessuna ragione da chi professa una libertà anarchica (Grillo) o un clericalismo da strage di San Bartolomeo.
Naturalmente anche Renzi, come papa Francesco, ha studiato qualche compromesso per superare l’ostilità dei cattolici del suo partito. Ma la Cirinnà, sia pure emendata ma sostanzialmente integra, è un passo avanti notevole, del quale si parla da trent’anni senza che nulla sia stato fatto finora. Nel frattempo la questione è stata legalizzata in tutti gli altri Paesi dell’Occidente, in modo ancor più integrale; si tratta in grande maggioranza di Paesi dove le religioni dominanti sono di carattere protestante e quindi con meno remore al contrario di quanto avviene da noi. L’Italia o è laica nel senso sopraddetto o è cattolica ma oggi con un Papa aperto all’incontro con la modernità. Perciò la legge Cirinnà si discuterà il 28 prossimo e si voterà. Il risultato favorevole non è sicuro, ma probabile. L’ho già detto: spero questa volta che Renzi vinca.
Ci sarebbe ora da parlare dell’Europa. Lo faremo domenica prossima. Oggi posso solo dire che ci sono, in un’Europa divisa in mille pezzi, due sole posizioni positive: quella di Draghi che sta lottando con tutti i mezzi per uscire dal pericolo di un’altra recessione e quella di Schäuble che propone un piano Marshall europeo che aiuti i Paesi africani dove nasce l’emigrazione che ha l’Europa come obiettivo.
Mi sia consentito chiudere con un brano tratto da una poesia di Thomas S. Eliot che – mi sembra – coglie pienamente la transitorietà del tempo che ci attraversa:
“Una dopo l’altra
case sorgono cadono crollano vengono ampliate vengono demolite distrutte restaurate…
C’è un tempo per costruire
e un tempo per vivere e generare
e un tempo perché il vento infranga il vetro sconnesso…
Dobbiamo muovere ancora e ancora
verso un’altra intensità/per un’unione più compiuta, più profonda
attraverso il buio freddo e la vuota desolazione,
il grido dell’onda, il grido del vento, la vastità delle acque
della procellaria e del delfino. Nella mia fine è il mio principio”.
***
Evento 'Il Cortile dei Giornalisti'

***

***

I gesti che non fanno notizia: l’eroismo di Moussa

“Moussa è un immigrato irregolare, “bloccato” nel nostro Paese in attesa della verifica della sua posizione.
Il coraggioso Moussa è un egiziano di 29 anni che, intorno alle 20,30, stava facendo la spesa nel Lidl a Torino in via Palma di Cesnola.
A un certo punto, un signore con cappellino da baseball e occhiali da sole ha raggiunto la cassiera e, impugnando un grosso coltello, si è fatto consegnare 700 euro.
Il rapinatore non aveva però fatto i conti con il valoroso cliente, che lo ha immobilizzato per poi consegnarlo ai carabinieri.
Il malvivente, un 52enne italiano residente a Torino, è quindi stato arrestato per tentata rapina, mentre il giovane egiziano è stato accompagnato all’ufficio immigrazione della Questura, così da poter avviare le procedure per il rilascio del permesso di soggiorno per asilo politico.

L’onestà di questo giovane straniero, arrivato in Italia dopo avere attraversato il Mediterraneo a bordo di un barcone, è stata premiata con l’avvio delle pratiche per il permesso di soggiorno.
«Ringrazio tutti per la generosità – ha aggiunto  il ragazzo, che di mestiere fa il muratore e l’imbianchino – Sono felice e ora spero di migliorare la mia vita. Sono venuto qui, in Italia, per questo…».

***

27 gennaio 1945 – 2015 a 70 anni dall’apertura dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz: per sapere e per non dimenticare

Per sapere, per non dimenticare e
per scegliere la giustizia, la tolleranza e la pace

27 gennaio giorno della memoriaQuando le truppe sovietiche arrivarono al campo di sterminio nazista di Auschwitz, in Polonia, davanti a loro si presentò una scena terribile: uomini, donne e bambini ridotti a scheletro, segregati, torturati e poi uccisi e bruciati solo perché ebrei, zingari, oppositori antifascisti, omosessuali.
Era l’immagine dello sterminio. La più assurda e angosciante barbarie che mente umana abbia immaginato nel Novecento, con milioni di vittime, 6 milioni di ebrei.
Nel corso della seconda Guerra Mondiale, circa 40.000 italiani furono strappati dalle loro case dai militi della Repubblica Sociale o dalle truppe tedesche di occupazione e deportati nei Lager che i nazisti avevano allestito in tutta Europa, per l’eliminazione fisica di milioni di uomini, di donne e di bambini.
Dei deportati italiani, quasi 10.000 furono gli ebrei e circa 30.000 i partigiani, gli antifascisti, i lavoratori; questi ultimi arrestati in gran parte dopo gli scioperi del marzo 1944.
Solo 1 su 10 fece ritorno: il 90% finì i suoi giorni annientato dalla macchina hitleriana dello sterminio.
Altre guerre e altre stragi di innocenti sono seguite a quelle di Auschwitz, di Mauthausen o della Risiera di San Saba a Trieste, l’unico campo di sterminio nazista in Italia.
Stragi spesso ignorate o dimenticate.
Ecco perché la memoria.  La Memoria significa conoscere la nostra storia, anche nelle sue pagine peggiori.
Serve a ciascuno di noi per dire “voglio che quel passato non ritorni. Né qui in Europa, né altrove“.
La Memoria è la difesa di una civiltà dove nessuno possa cancellare – nel senso di eliminare – chi è diverso da lui, perché ha la pelle di un altro colore o perché prega un altro Dio.
La giornata della Memoria è un modo per ritornare col pensiero lì, all’ingresso di Auschwitz. E per rivedere il volto di chi, rinchiuso in quei campi, avrebbe voluto avere una vita serena, lunga, felice e invece gli è stata negata, con la violenza, con la sopraffazione.
Il ricordo di quegli anni tragici ci fa apprezzare ancora di più il valore, l’importanza, della pace e della libertà riconquistata, ci fa comprendere quanto grande è stato il sacrificio di chi ha sofferto e ha combattuto perché il sogno, la speranza di una vita serena, lunga, felice, non fosse/non sia più negato – a nessuno.
E’ per questo che è giusto ricordare, perché ciò che è accaduto non accada mai più.
Questa giornata deve essere, per le giovani generazioni  e per tutti noi adulti, occasione di formazione e di riflessione sull’oggi e sull’attualità di quei fatti che apparentemente sembrano lontani ed irripetibili. Il passato deve lasciare in tutti noi  un segno nel nostro presente e sulle nostre coscienze:

combattere in prima persona gli atteggiamenti di discriminazione verso l’altro.
***

***

La Giornata della Memoria sarà celebrata anche con lo spettacolo teatrale “l’Istruttoria”, Mercoledì 27 Gennaio al Teatro La Nuova Fenice, alle ore 21

L_ISTRUTTORIA-FINALE

***

L’istituzione del Giorno della Memoria in Italia è avvenuta con la legge 20.7.2000 n. 211, “La Repubblica Italiana riconosce il 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.“.

***

***

Un grande maestro del cinema italiano: Ettore Scola.

Una carriera e una vita nel segno dell’impegno civile, politico e sociale. Un grande maestro del cinema italiano: Ettore Scola.
Scola