Sono passati 100 anni: il 4 novembre 1918 , in Italia, finiva la prima guerra mondiale.

***
Una carneficina che insanguinò l’Europa, un’Europa che, dalla sua fondazione negli anni Cinquanta, ci ha consentito di vivere anni di pace. Una unità europea che oggi è minacciata dal rinascere dei nazionalismi, nazionalismi che furono una delle cause della Grande Guerra.

Per avere un’idea della dimensione di quel conflitto che stravolse il mondo dal 1914 al 1918, caratterizzato da una violenza senza precedenti, si devono citare dei numeri: complessivamente 9,7 milioni di uomini trovarono la morte, circa due milioni di tedeschi, un milione e ottocento mila di russi, un milione e quattrocentomila di francesi, un milione e centomila di austroungarici, 885.000 di britannici, 650.000 di italiani e 116.000 di americani e tanti di altri stati belligeranti.

I numeri non hanno un’anima, ma quelli della guerra contengono tutto il dolore degli uomini.
Paola


Articoli correlati
– Caduti osimani nella “Grande Guerra”, posted il 2 novembre 2017;

Monumenti, Targhe, Cippi e Lapidi di OSIMO: la Grande Guerra 1915 – 1918, posted il 28 ottobre 2015;

100 anni dalla Grande Guerra: presentazione del libro “SU TRE FRONTI”. Diario di guerra (1915-1918) di un osimano posted il 6 dicembre 2014;

100 anni dalla Grande Guerra: L’albero tra le trincee posted on 10 novembre 2014.