Emergenza Odio: davanti ai social media c’è chi perde ogni dignità e il senso del rispetto.

Siamo in un momento di forte imbarbarimento generale. La soglia di tolleranza di ciò che è dicibile si sta spostando. Sempre più persone che non si sarebbero mai permesse di dire certe cose, ora lo fanno apertamente. I social media hanno enormemente contribuito a questo imbarbarimento della nostra vita civile e sociale.
A proposito di social media e odio gratuito, sulla prima pagina del Corriere, nel suo Caffè quotidiano, Massimo Gramellini racconta la storia dello chef Paolo Palumbo che, colpito di SLA, è stato ammesso a un nuovo protocollo di cure in Israele e ha promosso una raccolta di fondi per pagarselo. Sui social fioccano insulti e auspici di morte. “Pare – sottolinea Gramellini – che a scrivere i messaggi più acidi siano alcuni parenti dei malati che non avevano i requisiti per accedere al protocollo”.
Che desolazione e tristezza.


Paola

***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: