La partecipazione è un diritto sancito dalla Costituzione

Trova ampio spazio sui giornali la notizia dell’ insegnante che ha minacciato gli studenti che avrebbero partecipato alla manifestazione delle ‘sardine’ a Fiorenzuola, scrivendo sul suo profilo FB che avrebbe reso loro la vita scolastica impossibile rendendo la sufficienza nelle sue materie una chimera.
Mi chiedo a che punto siamo arrivati. I social sono diventati la piazza per dare libero sfogo alle posizioni di tifoso, anche da parte di colleghi che, non dovrebbero mai dimenticare l’importante   ruolo formativo a cui sono tenuti  all’interno, ma anche all’esterno della scuola.
La partecipazione dei ragazzi ad un movimento libero, apartitico, spontaneo come quello delle cosiddette ‘sardine’ dovrebbe essere visto come un fatto positivo, magari commentato in classe per capire i bisogni di questi ragazzi, nel momento in cui ci si lamenta che i giovani non sanno più appassionarsi a niente, che disdegnano la politica, che forse si è troppo allontanata dalle piazze e da quella capacità di appassionare le persone.
La partecipazione è un diritto sancito dalla Costituzione. Abbiamo bisogno di giovani che hanno voglia di essere protagonisti, che vogliono dire la loro, che vogliono far sentire il loro pensiero ed esprimere le proprie esigenze. Un insegnante dovrebbe essere orgoglioso di avere nelle sua classe ragazzi che hanno voglia di partecipare e imparare per farsi una propria idea, per essere un giorno un miglior cittadino.

***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: