A presto, Venarotta route

***

Destinazione Venarotta a presto.

Paola

***

Circolare applicativa per l’accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)

***
Il Dipartimento della Funzione Pubblica, ha pubblicato una circolare rivolta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, per fornire alle stesse i chiarimenti necessari alla corretta applicazione della nuova normativa sull’accesso agli atti della pubblica amministrazione (FOIA).

La circolare fornisce alle amministrazioni istruzioni operative riguardanti l’organizzazione e le procedure interne ed anche il rapporto con i cittadini.

Obiettivo della FP, dunque, è di permettere la corretta ed efficace applicazione della normativa (FOIA) riguardante l’accesso civico generalizzato.

Nello specifico, la circolare fornisce indicazioni riguardo a:

– modalità di presentazione della richiesta di accesso civico generalizzato;
– uffici competenti e tempi di decisione;
– controinteressati e rifiuti non consentiti;
– dialogo tra amministrazione e richiedenti;
– ruolo del Registro degli accessi.

Il testo della circolare ( clicca qui )

****************
Articoli correlati:
– Freedom of Information Act, accesso civico generalizzato ….. 3 gennaio 2017.
– Si chiama Foia e da oggi è legge ….. 14 giugno 2016.

***

Enrico Berlinguer, simbolo della politica corretta e pulita

***
Era la sera del 7 giugno 1984. Enrico Berlinguer stava concludendo il suo comizio in piazza della Frutta, a Padova, per la campagna elettorale delle Europee. Improvvisamente si sentì male. Riuscì a portare a termine il suo discorso, a fatica, mentre la gente lo vedeva spegnersi e gli urlava, impaurita: «Basta, Enrico!». Le gambe gli mancarono, fu tenuto sollevato dai collaboratori e riportato in hotel. Si coricò ed entrò in coma. Non si sarebbe più risvegliato.

Dopo quattro giorni di agonia, morì all’ospedale di Padova l’11 giugno per emorragia cerebrale. Alle elezioni europee, sull’onda emotiva della morte del segretario nazionale, il Pci avrebbe superato per la prima volta la Dc, diventando il primo partito italiano.

Nell’anniversario, gli è stato dedicato un monumento nella piazza della Frutta, esattamente nello stesso luogo in cui pronunciò le sue ultime parole da leader politico:

Enrico Berlinguer, in questa piazza,
il 7 giugno del 1984, fu colpito da un fatale malore.
È rimasto nei cuori dei padovani e degli italiani
come il simbolo di una politica pulita.

In ricordo di Enrico Berlinguer.
Paola

***

 

Che tristezza !! la politica che gioca sui poveri per apparire sui giornali.

Esprimo tutta la mia solidarietà a Bruna, a padre Jacques ( parroco di San Marco), a tutti gli altri volontari del centro Caritas della parrocchia di San Marco. Esprimo, inoltre,  la mia piena vicinanza a quanti usufruiscono del dono del  pane del giorno dopo messo a disposizione dall’Associazione “Il Buon Samaritano”.
L’attività di volontariato, non lucrativa, messa in piedi da Bruna Pieragostini, da anni impegnata nel contrasto alla povertà e nell’aiuto alle famiglie in condizioni di sofferenza alimentare, è stata  bruscamente  interrotta e con essa  la quotidiana distribuzione del “pane del giorno dopo”, a causa di un  esposto che, stando ai primi accertamenti  – da quel che si legge sulla stampa –  si sta rilevando infondato e privo di ogni fondamento.

Sono più di 50 le famiglie osimane alle quali il centro guidato da Bruna garantisce un  paniere di beni considerati essenziali, che oggi si ritrovano  -momentaneamente – private di questo servizio così benemerito.
La distribuzione gratuita  di alimenti effettuata nei locali del Centro di Ascolto Caritas di San Marco rappresenta un vero e proprio “salvagente” per molte famiglie del nostro territorio, colpite dalla crisi e nella propria incapacità di provvedere alle necessità quotidiane.
***

Mi auguro che il Centro possa essere riavviato quanto prima con l’aiuto e la solidarietà di tutti gli osimani, o quanto meno, di quei osimani che si richiamano ai principi di solidarietà umana ed evangelici della fratellanza, dell’amore verso il prossimo e del farsi carico degli ultimi.

Quanto accaduto, a causa di pochi,   ha segnato una brutta pagina della storia della  Osimo solidale e  deve far riflettere tutta la  nostra comunità locale sul tema della lotta allo spreco e della condivisione, coinvolgendo le famiglie, e tutte le attività economiche di generi alimentari consapevoli che non è la presenza di un centro che aiuta a superare le sofferenze della fame a determinare danni ai negozi nell’esercizio della loro attività così come paventato dagli autori dell’esposto.

La politica con la “P” maiuscola si occupa e si fa carico dei problemi della gente.
Le sofferenze di chi ha poco prevalgono sulle visioni miopi della politica ( quella che ha la “p” minuscola) che come tali non guardano al bene comune ma sempre sono rivolte al protagonismo personale di chi si fa artefice di iniziative che da più riscontri risultano prive di fondamento, con il risultato che in questi giorni chi contava su di un aiuto se ne trova purtroppo privato.
E  questo è triste, davvero molto triste !!!
***
La Presidente del Consiglio Comunale di Osimo
………………..Paola  Andreoni

 

****

Osimo e le poesie di strada: via Marco Polo

Osimo città dove si respira cultura ad ogni angolo. Ci sono poeti sparsi per la città che lasciano i loro messaggi sui muri. Sono poesie di strada, messaggi lasciati al vento ed alla pioggia per non essere dimenticati.
Quella che segue è la poesia che trovate sui muri di via Marco Polo.
***

***

Pur apprezzando i versi e la voglia di comunicare tuttavia, non scarabocchiate i muri. Volete comunicare qualcosa, un’insofferenza, un grido d’amore, una dichiarazione, un incitamento ….. fatelo ma non massacrate i muri o peggio ancora i monumenti. I muri scarabocchiati conferiscono ai nostri quartieri una deprimente atmosfera di degrado e non è rispettoso,  si tratta di una violazione di un bene comune, di una “barbaria” punibile e sanzionabile.
***
***

Allora un INVITO ai giovani “poeti di strada” osimani. I vostri versi, frammenti di canzoni, scriveteli su un classico foglio bianco A4 o semplicemente su piccoli foglietti non incollati sui muri ma, come  piccoli post al vento, disseminati per le vie della città.

Gli occhi curiosi dei passanti saranno attratti più di uno scritto su un muro, la gente si soffermerà a leggerli e a rifletterci sopra e, cosa di non poco conto, saranno apprezzati per il rispetto dimostrato.

***

Li ho visti a Mantova: post-it di poesia urbana attaccati sui pali e nelle vetrine del centro storico:
***
***

Ti aspetto alla fine dell’arcobaleno“,
Cercasi felicità anche senza esperienza
Vita da precario. Stipendio finito al 21 del calendario“.
firmati da Freccia IIXII

***

Con Mr. Jeremy Corbyn

Domani siamo con la  Juventus, ma il prossimo 8 giugno io tifo  il leader laburista Jeremy Corbyn, un autentico progressista.
***

***

Paola

***

Buongiorno, Buon 2 giugno, buon anniversario della fondazione della nostra Repubblica

2 giugno data grande e simbolica, piena di valori. E’ la festa della Repubblica del nostro Paese, è una data da celebrare con convinzione ed entusiasmo, come simbolo e massima espressione dei nostri più alti valori che come italiani ci accomunano: libertà e democrazia, giustizia e convivenza civile.

Auguri a tutti noi, italiani,  che ogni giorno  lavoriamo per un’Italia più giusta e più solidale.

Buon  71° Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana.

Paola
***
***

***************
Articoli correlati:
– 2 Giugno 2016 con i giovani neo 18enni osimani, 2 giugno 2016;
– 2 giugno 1946 – 2015: 69 anni fa nasceva la Repubblica Italiana, 2 giugno 2015;
… ad Osimo FESTA della REPUBBLICA e il 70° anniversario dell’affermazione del diritto di voto alle donne italiane.

***