Qualcosa sta cambiando… ma non da noi dove la trasparenza è ancora a “zero stelle”.

fabio-fucci-pomezia-

Fabio Fucci neo sindaco ( 5stelle) di Pomezia

 Non si tocca niente, la scusa è spesso rappresentata dalla scusa dei: “DIRITTI ACQUISITI“.
C’è da chiedersi: COME SI ACQUISISCONO I PRIVILEGI COSI’ SI POSSONO ELIMINARE, APPUNTO, PERCHE’ SONO PRIVILEGI.

In data 29 marzo 2013 ho presentato una interrogazione scritta chiedendo quali fossero i compensi in favore degli Amministratori, degli eletti e quelli corrisposti ai  Dirigenti.
Naturalmente in barba alla normativa sulla trasparenza , contravvenendo alle norme dello Statuto, senza nessun intervento del Presidente del Consiglio ( che dovrebbe tutelare il ruolo e le prerogative  dei Consigliere comunali e delle minoranze), oggi, dopo 91 giorni ancora non ho ricevuto alcuna risposta.

Questo vuol in Osimo svolgere il ruolo  di Consigliere di Minoranza. L’ amministrazione delle liste “Simon&Lat”  fa di tutto pur di non far sapere, di non far trapelare, contravvenendo anche a regole e a disposizioni di legge.
Questi impedimenti e  non risposte, di fatto,   ostacolano e impediscono l’ azione di controllo e di verifica della gestione amministrativa della città e alla fine sono un danno per tutti i cittadini.

A proposito del’equità e dei privilegi delle caste come quelle dei dirigenti della pubblica amministrazione , funzionari che arrivano ad accumulare anche più di 1000mila euro annui, leggo con piacere che in alcuni Comuni le cose sanno cambiando.
http://www.controcopertina.com/m5s-il-neo-sindaco-di-pomezia-taglia-retribuzione-dirigenti-dell80/

Bravo Fabio Fucci, appena eletto sindaco del Movimento 5 Stelle a Pomezia.
E da noi com’è la situazione ?
Top secret, sono informazioni riservate, tenute nascoste nelle segrete stanze del Palazzo del Comune.  Solo al Sindaco ed al  cerchio magico delle sue liste a ” ZERO stelle” è dato sapere.
Questo è  la trasparenza nella nostra città: ai consiglieri comunali di opposizione e  a tutti i cittadini osimani meglio non far sapere.

Paola

——–——————

Alla c.a. Sig. Presidente del Consiglio Comunale Comune di Osimo

.

INTERROGAZIONE SCRITTA

.

Oggetto: Interrogazione   in merito ai compensi agli  Amministratori, agli eletti ed ai Dirigenti.

La sottoscritta PAOLA ANDREONI consigliere Comunale capogruppo del Partito Democratico,

Premesso  che

L’articolo 21 della legge nazionale 69/2009 e s.m. dispone, tra gli altri, che “… la pubblica amministrazione … ha l’obbligo di pubblicare nel proprio sito internet le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti  e dei segretari comunali …” . Il sito Internet dei Comuni di Osimo riporta parzialmente questi dati nell’apposita sezione: “Trasparenza, valutazione e merito” che rende disponibili solo i curriculum-vitae dei dirigenti, l’importo parziale delle retribuzioni ai Dirigenti, gli indirizzi di posta elettronica e telefono dei Dirigenti e Segreteria Comunale, la retribuzione della Segreteria Comunale, congiuntamente ai dati sulla presenza dei dipendenti ed altre informazioni correlate. Nulla viene riportato in ordine al curriculum-vitae ed alla retribuzione dei funzionari incaricati di alta professionalità e lo stesso dicasi per i curriculum-vitae degli amministratori e dei compensi erogati in loro favore ed erogati agli eletti.

Al fine di migliorare il rapporto amministrati/Amministratori e nell’invitare i responsabili ad adeguare il sito Internet del Comune di  Osimo  ai dettami della legge di cui sopra,

Fatte queste premesse la sottoscritta,

INTERROGA IL SINDACO
per conoscere
con richiesta di  risposta scritta

1)   le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2010 con specifica per ogni singola posizione in ordine:

 retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2010

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

         
         
         

2)   le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2011 con specifica per ogni singola posizione in ordine:

retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2011

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

         
         
         

3)   le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2012 con specifica per ogni singola posizione in ordine:

retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2012

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

         
         
         

4)   le retribuzioni lorde annuali erogate agli Amministratori ed agli eletti relative agli  anni 2011 e  2012.

Osimo lì, 29 marzo 2013

           Il consigliere comunale
capogruppo del Partito Democratico
———-Paola Andreoni

Compensi ai Dirigenti, agli Amministratori ed agli eletti del Comune di Osimo: interrogazione.

Nel segno di una sempre migliore trasparenza dell’attività amministrativa e al fine di migliorare il rapporto amministrati/Amministratori richiamo l’attenzione sulla necessità di rendere pubblici tramite Internet i curriculum-vitae dei Dirigenti degli Amministratori e degli eletti nonchè i loro compensi. Trasparenza vorrebbe che anche le spese di rappresentanza e le spese per i dirigenti delle partecipate societarie del Comune di Osimo fossero rese pubbliche .
Si tratta di rispettare obblighi di legge (Dirigenti, legge 69/2009 articolo 21), e dall’altro (per quanto riguarda gli Amministratori) di dare una migliore informazione alla collettività.

Paola

——–——————

INTERROGAZIONE

Alla c.a. Sig. Presidente del Consiglio Comunale Comune di Osimo


Oggetto:  
Interrogazione con richiesta di RISPOSTA SCRITTA in merito ai compensi agli Amministratori, agli eletti ed ai Dirigenti.

La sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni pone l’interrogazione di  cui all’oggetto, anche a seguito delle sollecitazioni di cittadini e cittadine

Premesso che

L’articolo 21 della legge nazionale 69/2009 e s.m. dispone, tra gli altri, che “… la pubblica amministrazione … ha l’obbligo di pubblicare nel proprio sito internet le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti e dei segretari comunali …” . Il sito Internet dei Comuni di Osimo riporta parzialmente questi dati nell’apposita sezione: “Trasparenza, valutazione e merito” che rende disponibili solo i curriculum-vitae dei dirigenti, l’importo parziale delle retribuzioni ai Dirigenti, gli indirizzi di posta elettronica e telefono dei Dirigenti e Segreteria Comunale, la retribuzione della Segreteria Comunale, congiuntamente ai dati sulla presenza dei dipendenti ed altre informazioni correlate. Nulla viene riportato in ordine al curriculum-vitae ed alla retribuzione dei funzionari incaricati di alta professionalità e lo stesso dicasi per i curriculum-vitae degli amministratori e dei compensi erogati in loro favore ed erogati agli eletti.
Al fine di migliorare il rapporto amministrati/Amministratori e nell’invitare i responsabili ad adeguare il sito Internet del Comune di Osimo ai dettami della legge di cui sopra,

INTERROGA IL SINDACO
per conoscere tramite RISPOSTA SCRITTA

1) le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2010 con specifica per ogni singola posizione in ordine: retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2010

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

2) le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2011 con specifica per ogni singola posizione in ordine: retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2011

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

3) le retribuzioni dei Dirigenti e dei funzionari incarichi di alta professionalità per l’anno 2012 con specifica per ogni singola posizione in ordine: retribuzione Dirigenti e funzionari incaricati di alta professionalità anno 2012

nominativo dirigente o incaricato alta professionalità

Compenso tabellare

Retribuzione posizione

Retribuzione risultato

Totale annuo Lordo

4) le retribuzioni lorde annuali erogate agli Amministratori ed agli eletti relative agli anni 2011 e 2012.

Osimo lì, 21 marzo 2013

           Il consigliere comunale
capogruppo del Partito Democratico
———-Paola Andreoni

Interrogazione scritta in attesa di risposta da 15 mesi: l’esatta entità dell’aumento tariffario del Servizio Rifiuti per l’anno 2010

Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Com.                        
Alla  c.a.    Sig.   Sindaco Comune di Osimo                        

 

 

 

INTERROGAZIONE 
con richiesta di risposta scritta

oggetto: l’esatta entità dell’aumento tariffario  del Servizio Rifiuti per l’anno 2010

La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni 

PREMESSO 

che con deliberazione di Giunta Comunale n° 75 del 17 marzo 2010 l’Amministrazione ha   approvato il Piano Finanziario di Astea spa relativo al Servizio Tariffa Rifiuti  – ex art. 8 del D.P.R. 27/4/1999 n° 158 –  per l’anno 2010;

che costituisce parte integrante e sostanziale della delibera di Giunta Comunale  n° 75 del 17/3/2010 il suddetto Piano Finanziario  con il quale si evidenzia un costo totale annuale del servizio,  di € 5.633.133,00;

 che la deliberazione di Giunta Comunale n° 75 del 17/3/2010 va a revocare un precedente atto avente analogo oggetto con il quale si approvava un Piano Finanziario e Tariffario per il 2010 per un importo di € 5.150.645,00.

Interroga il Sindaco
per avere informazioni SCRITTE in ordine

1) Alla correttezza dei dati riportati  nell’atto di Giunta n° 75 del 17/3/2010 al punto 4) del deliberato, laddove si rileva  che la  Giunta  comunale ha approvato le risultanze del nuovo Piano Finanziario di Astea spa relative alla Tariffa Rifiuti  per l’anno 2010 le quali evidenziano un costo   complessivo di € 5.633.133,00;
2) Al costo complessivo del Piano Finanziario e Tariffario  relativo al Servizio Rifiuti per l’anno 2009,  deliberato dal Consiglio Comunale nel 2009;
3) Alla  correttezza dei dati riportati  nell’atto di Giunta n° 75 del 17/3/2010 laddove nelle  premesse si afferma che “… il nuovo Piano Finanziario e Tariffario di igiene urbana per l’anno 2010 evidenzia un ….. incremento dei costi pari ad €  1.257.467,00  rispetto al 2009”
4) Alla variazione del  numero delle nuove utenze domestiche e non domestiche relative al servizio e tariffa rifiuti per l’ anno 2010;
5) Come fa a verificarsi  l’indicazione riportata nell’atto di Giunta n° 75 del 17/3/2010 laddove nelle premesse si dice “…Dato atto che le tariffe con la loro nuova formulazione, mantengono  un aumento medio rispetto al 2009, di circa il 16% medio come già evidenziato con la delibera di G. C. n° 275 del 28/10/2009”;
6) Perché si continua a dare indicazioni di un aumento tariffario medio del 16%  rispetto alle tariffe 2009  ( il 16% di aumento si riferiva  al Piano Tariffario – contenuto nella delibera n° 275/2009 – dell’importo complessivo di € 5.150.645,00, atto e Piano Finanziario revocati con la nuova deliberazione) quando l’incremento è maggiore ?;

Osimo lì, 14 maggio 2010

         Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
             Paola Andreoni

…………………………..

Una interrogazione con richiesta di risposta scritta presentata circa 15 mesi  fa che ancora aspetta risposta. Una interrogazione troppo imbarazzante ? Il Sindaco ha paura a rispondere ? O non sa cosa rispondere perchè non si è detta la verità ai cittadini in ordine all’effettivo incremento dei costi e di conseguenza aumento delle bollettte del servizio rifiuti  ? O semplicemente non ha tempo per farlo ? La sua attività professionale gli impedisce di esercitare appieno il compito affidatogli dagli osimani ? O ha deciso di non voler dare spiegazioni alla sottoscritta consiglere e a tutta la città di come si è determinata e della vera  entità degli aumenti apportati alla Tariffa dei Rifiuti  e fatti pagare alle famiglie ed alle imprese osimane ? 

Scopo della interrogazione è cercare di far luce sugli importi riportati perchè leggendo le delibere ho riscontrato inconguenze ed errori.  Credo che avere risposte e spiegazioni dall’Amministrazione possa aiutare a dissipare gli interrogativi proposti sempre nell’unico interesse della salvaguardia degli interessi delle famiglie e delle imprese del nostro territorio, alle quali in momenti così difficili penso non dispiaccia avere buoni servizi a costi sostenibili. Quando non si risponde si rafforza sempre di più il sospetto che in realtà non si tratti di sviste e/odi errori materiali, ma ancora una volta ci sia la volontà di “mascherare dati” e in questo caso specifico, aver diffuso e fatto passare informazioni non veritiere sulla esatta entità dell’aumento del costo del servizio della gestione dei rifiuti per l’anno 2010. 

Anche in questo caso aspetto fiduciosa la risposta dopo aver letto le dichiarazioni del sindaco, il quale ha commentato che nel nostro Comune la trasparenza e il rispetto delle leggi  ” è sacro“.
Dispiace rilevare ancora una volta che la realtà è ben diversa da quella idilliaca voluta rappresentare  dal sindaco Simoncini. Questa Maggioranza, ha sempre poco tollerato ogni sorta di controllo sui propri atti di gestione e questo atteggiamento continua anche oggi, disattendendo anche norme e leggi.

La “ proclamata sacralità per la trasparenza e il rispetto delle leggi” il sindaco Simoncini vorrebbe affibbiarsi   (visto che alla data odierna, decorsi abbondantemente i 30  giorni previsti, non risulta pervenuta alla scrivente nessuna risposta, sebbene la Legge, lo Statuto  e i Regolamenti prevedono espressamente che : … alle interrogazioni  per le quali si richiede risposte scritte deve essere dato riscontro entro 30 giorni dalla data di acquisizione al protocollo…)  anche in questo caso si configura  come VIOLAZIONE della Legge e dei DIRITTI e delle GARANZIE dei Consiglieri Comunali. Comportamenti tesi e finalizzati ad ostacolare le funzioni di vigilanza e di controllo dalla legge assegnate ai consiglieri comunali.

Il Presidente del Consiglio Comunale a cui spetta il compito di tutela delle prerogative dei consiglieri comunali è stato anche per  questa istanza sempre opportunamente e formalmente notiziato ed invitato ad intervenire.

Paola

Interrogazione scritta in attesa di risposta da 11 mesi: contenuto di un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo da parte delle “Liste civiche”.

Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Com.                        
Alla  c.a.    Sig.   Sindaco Comune di Osimo                        

 

 

 

INTERROGAZIONE 
con richiesta di risposta scritta

oggetto: spiegazioni sul contenuto di un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo da parte delle “Liste civiche”.

La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni 

PREMESSO  CHE

Sul sito istituzionale del Comune di Osimo, nella rubrica “MAGGIORANZA”, in data 27 febbraio 2010 è comparso il seguente comunicato a firma Liste Civiche 

   27-2-2010 LISTE CIVICHE: Astea, emergono verità interessanti.
Dai documenti Astea in nostro possesso cominciano ad emergere verità interessanti sulla destinazione dei soldi del Comune di Osimo impiegati dal 2004 al 2006 dall’Azienda, per andare a chiudere i “buchi” con cui il presidente Secchiaroli voleva a tutti i costi fare la fusione. Adesso spettiamo che anche su questa vicenda Strologo denunci il tutto alle competenti autorità”     Liste Civiche

CONSIDERATO CHE

La legge attribuisce a questo civico consesso, quale massima espressione istituzionale della propria comunità,  il luogo privilegiato deputato alla conoscenza e alla rendicontazione amministrativa e contabile  dei fatti, notizie e informazioni che riguardano sia l’Ente Comune che le aziende e le istituzioni dipendenti dal Comune

SI CHIEDE al SINDACO

1) di  relazionare in ordine ai fatti, notizie riferite dal succitato comunicato stampa scritto a firma delle proprie liste civiche  e pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo;
2) di fornire alla scrivente interrogante copia della documentazione menzionata, specificando la provenienza della stessa.

 Osimo lì, 15 settembre 2010                                                                      
          Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
                  Paola Andreoni

…………………………..

Una interrogazione con richiesta di risposta scritta presentata circa un anno fa che ancora aspetta risposta. Una interrogazione troppo imbarazzante ? Il Sindaco ha paura a rispondere ? O non sa cosa rispondere perchè è all’oscuro o fa finta di essere all’oscuro dei fatti e delle notizie riportate dal comunicato stampa della sua maggioranza ? Il Sindaco non può rispondere perchè non conosce la sigla  “Liste Civiche” ? O semplicemente non ha tempo per farlo ? O ha deciso che non vuole dare spiegazioni alla sottoscritta consiglere e a tutta la città di cosa è successo all’interno dell’Astea spa sempre sotto la guida e il controllo dell’amministrazione “Simoncini&Latini” per fatti e per circostanze  che a quanto sembra potrebbero avere anche rilevanza per responsabilità contabili e/o penali ? 

Scopo della interrogazione è cercare di avere notizie su quanto è accaduto perchè parliamo di soldi dei cittadini osimani ( si parla di soldi dal 2004 al 2006) e la cosa grave e rilevante potrebbe essere anche l’eventuale responsabilità per  omissione di denuncia di fatti e/o di eventuali illeciti ( desumibili dal tono intimidatorio del comunicato).  Notizie e documenti  che le liste “Simoncini&Latini” ben conoscono e tengono ancora oggi secretate nei cassetti del Palazzo del Comune all’oscuro del civico consesso e negate a tutta la cittadinanza osimana. 

Anche in questo caso aspetto fiduciosa risposta dopo aver letto le dichiarazioni del sindaco, il quale ha commentato – e rappresenterebbe una svolta rispetto al passato – che nel nostro Comune la trasparenza e il rispetto delle leggi  ” è sacro“.
Dispiace rilevare ancora una volta che la realtà è ben diversa da quella disegnata dal sindaco Simoncini. Questa Maggioranza, ha sempre poco tollerato ogni sorta di controllo sui propri atti di gestione.

La “ proclamata sacralità per la trasparenza e il rispetto delle leggi” nell”azione amministrativa del  Sindaco Simoncini  (visto che alla data odierna, decorsi abbondantemente i 30  giorni previsti, non risulta pervenuta alla scrivente nessuna risposta, sebbene la Legge, lo Statuto  e i Regolamenti prevedono espressamente che : … alle interrogazioni  per le quali si richiede risposte scritte deve essere dato riscontro entro 30 giorni dalla data di acquisizione al protocollo…)  anche in questo caso si configura  come VIOLAZIONE della Legge e dei DIRITTI e delle GARANZIE dei Consiglieri Comunali. Comportamenti tesi e finalizzati ad ostacolare le funzioni di vigilanza e di controllo dalla legge assegnate ai consiglieri comunali.

Il Presidente del Consiglio Comunale a cui spetta il compito di tutela delle prerogative dei consiglieri comunali è stato anche per  questa istanza sempre opportunamente e formalmente notiziato ed invitato ad intervenire.

Paola

Interrogazione scritta in attesa di risposta da 1 anno e 5 mesi: addizionale irpef e numero effettivo dei contribuenti

Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Com.                        
Alla  c.a.    Sig.   Sindaco Comune di Osimo                        

 

INTERROGAZIONE SCRITTA

 
oggetto: addizionale irpef e numero effettivo dei contribuenti.

La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni  interroga il Sindaco per sapere ed avere risposta scritta in ordine:

1)  a quanto ammonta l’imponibile dell’addizionale Irpef, l’importo dell’addizionale riscossa  e il numero effettivo dei contribuenti, relativamente agli anni 2007, 2008, 2009.

Osimo lì, 10 marzo 2010                                                                      
          Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
                  Paola Andreoni

…………………………..

Una interrogazione con richiesta di risposta scritta presentata un anno e mezzo fa che ancora aspetta risposta. Una interrogazione troppo difficile ? Il Sindaco non tiene i conti del Comune sotto controllo e in ordine ? o non ha tempo per farlo ? Non crede sia importante vigilare sull’ importo delle tasse che si chiedono ai cittadini ? Anche perchè non è legittimo mettere le mani nelle tasche dei cittadini per ottenere AVANZI di amministrazione anzichè offrire servizi.

Come riscontrato ed evidenziato in sede di approvazione di Bilancio Prev.2011,  il nostro Comune non mette in Bilancio annualmente nella voce Entrate addizionale Irpef il valore attestato e certificato dal Ministero degli Interni -Finanza Locale,  ma un importo inferiore      di circa 150.000,00 €.

Scopo della interrogazione è cercare di avere dall’amministrazione risposte che giustificano questa prudenziale sottostima dell’importo messo in Bilancio, la cui entità viene attestata dal Ministero (e quindi qualificabile contabilmente come  importo accertato) e calcolato sulla base delle entrate tributarie dichiarate dai cittadini residenti.
Aspetto fiduciosa risposta dopo aver letto le dichiarazioni del sindaco, il quale ha commentato che nel nostro Comune la trasparenza e il rispetto delle leggi  ” è sacro“.
Dispiace rilevare che la “presunta proclamata sacralità per la trasparenza e per il rispetto delle leggi” del  Sindaco Simoncini  ( visto che alla data odierna, decorsi abbondantemente i 30  giorni previsti, non risulta pervenuta alla scrivente nessuna risposta, sebbene la Legge, lo Statuto  e i Regolamenti prevedono espressamente che : … alle interrogazioni  per le quali si richiede risposte scritte deve essere dato riscontro entro 30 giorni dalla data di acquisizione al protocollo…  )  in questo caso si qualifica come VIOLAZIONE della Legge e dei DIRITTI e delle GARANZIE dei Consiglieri Comunali.
Comportamenti tesi e finalizzati ad ostacolare le funzioni di vigilanza e di controllo,  dalla legge assegnate ai consiglieri comunali.

Il Presidente del Consiglio Comunale a cui spetta il compito di tutela delle prerogative dei consiglieri è stato sempre opportunamente e formalmente notiziato ed invitato ad intervenire.

Paola

Interrogazione: Beni di proprietà del Comune di Osimo utilizzati a vario titolo da Associazioni, Comitati, Cooperative, enti etc

Ho presentato la seguente INTERROGAZIONE con rischiesta di risposta scritta.

———————————————–

Alla  c.a.    Sig.  Presidente del Consiglio Comunale Comune di Osimo

Alla  c.a.    Sig.   Sindaco Comune di Osimo

 e   p.c.             Alla  c.a.     Sig.   Segretario Generale  Comune di Osimo

INTERROGAZIONE con RICHIESTA di RISPOSTA SCRITTA
della  Consigliere  PAOLA ANDREONI

oggetto: Beni di proprietà del Comune di Osimo utilizzati a vario titolo da Associazioni, Comitati, Cooperative, enti etc.
La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni

 Premesso

 – che associazioni, comitati, cooperative, enti etc. possono essere sostenuti mediante la concessione di immobili o locali di proprietà del Comune a titolo gratuito o dietro il versamento di canoni vantaggiosi oppure attraverso l’esonero dal pagamento delle utenze (acqua, elettricità, gas etc.) e/o di servizi ( tarsu etc.);

 Considerato

 –  che è opportuno offrire alle diverse organizzazioni le medesime possibilità di accesso alle suddette agevolazioni;

–  che è opportuno garantire la massima trasparenza riguardo all’utilizzo dei beni di proprietà del Comune di Osimo da parte delle diverse organizzazioni.

 interroga il SINDACO per conoscere con RISPOSTA SCRITTA

 – l’elenco dettagliato delle organizzazioni private e/o pubbliche, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.) che usufruiscono a titolo gratuito o a titolo oneroso di immobili o locali di proprietà del Comune di Osimo, nonché il valore di mercato dei canoni di locazione non versati da tali organizzazioni;

 – l’elenco dettagliato delle organizzazioni private o pubbliche, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.)  che usufruiscono a titolo gratuito o a titolo oneroso di un diritto di superficie su terreni di proprietà del Comune di Osimo;

 – l’elenco dettagliato delle organizzazioni private o pubbliche, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.)  che usufruiscono, da parte del Comune di Osimo, di una  agevolazione di qualunque tipo riguardo alle utenze ( contributo o esonero dal pagamento delle bollette, etc);

 – l’elenco dettagliato delle organizzazioni private o pubbliche, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.)  che utilizzano a titolo oneroso immobili o locali del Comune di Osimo con l’indicazione dei canoni previsti e degli eventuali arretrati nel pagamento dei medesimi;

 – Si richiede inoltre di sapere a quale associazione privata o pubblica, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.)   sia concesso l’utilizzo del PalaBaldinelli, come ne è regolamentato l’utilizzo e le modalità di gestione, quanto ammontano le spese annuali di gestione  chi se ne fa carico e  come queste sono ripartite;

 – Si richiede inoltre di sapere a quale associazione privata o pubblica, con qualunque forma giuridica ( associazioni, comitati, cooperative, enti etc.)   sia concesso l’utilizzo dello stadio Diana di via Olimpia, come ne è regolamentato l’utilizzo e le modalità di gestione, quanto ammontano le spese annuali di gestione  chi se ne fa carico e  come queste sono ripartite.

 Osimo lì, 20 giugno 2011                                                       

           Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
                   Paola Andreoni

………………………………….

La RICCHEZZA di una città – e questo vale anche per Osimo – è data dalle Associazioni no profit che coinvolgono nelle loro iniziative centinaia di volontari. Un orecchio attento alle istanze che vengono da questa variegata realtà è quanto ci si aspetta dai politici locali.
L’attuale amm.comunale di Osimo sta sostenendo e aiutando queste Associazioni e lo fa con pari e giusta considerazione ?

Paola

Pagamenti in ritardo, molte imprese in difficoltà.

Aziende in crisi di liquidità perché i committenti pubblici non pagano. Questo il grido di allarme di molte imprese preoccupate per i pesanti ritardi nella riscossione dei pagamenti dal settore pubblico,
I tempi medi di pagamento nel settore pubblico sono passati da 90 giorni a 220, con picchi che arrivano fino a un anno nella sanità. E’ una situazione che mette in serie difficoltà le imprese che lavorano con la pubblica amministrazione.
Raccolgo  le preoccupazioni delle piccole e medie imprese, le più colpite dalla crisi,  che si trovano con  costi fissi da onorare, con meno lavoro e con le banche che non le sostengono a sufficienza.
Per questo motivo ho presentato l’allegata interrogazione scritta.

Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Comunale
Alla  c.a.   Sig.   Dirigente Dipartimento Affari Generali
Alla  c.a.   Sig.   Segretario Generale
                                   Comune di Osimo

INTERROGAZIONE SCRITTA  

 Oggetto:  richiesta informazione in ordine ai tempi relativi ai pagamenti nei confronti dei propri fornitori.

 La sottoscritta Consigliere Comunale del  Partito Democratico,      Paola Andreoni

Interroga il Sindaco
per avere informazioni SCRITTE

 1) circa i tempi medi relativi ai pagamenti effettuati dal Comune di Osimo nei confronti dei propri fornitori di prodotti e servizi per  il primo semestre 2010, in considerazione anche dei vincoli di spesa imposti dal patto di stabilità.

Osimo lì, 27 settembre 2010                                                                           

__________Consigliere  comunale
_______capogruppo Consiliare del P.D.
___________Paola Andreoni

Nel frattempo una buona notizia  viene dall’Europa. La Commissione Europea d’accordo con l’Europarlamento e con il Consiglio dei ministri ha varato una direttiva contro i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione. La norma prevede tempi massimi di 60 giorni, con una penale dell’8%.
L’Italia ha due anni per recepirla.
Mando la presente ai parlamentari Pd marchigiani al fine di invitarli a portare a Roma le preoccupazioni delle nostre  aziende, e perchè prendano iniziativa ad  accelerare i tempi di recezione delle suddette disposizioni comunitarie.

Interrogazione scritta: spiegazioni sul contenuto di un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo da parte delle “Liste civiche”.

Ho  presentato una interrogazione con richiesta di risposta scritta al sindaco per chiedergli conto di una dichirazione apparsa sul sito istituzionale del Comune a firma delle Liste Civiche. 

                                                               

 Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Comunale Comune di Osimo
Alla  c.a.    Sig.   Sindaco  Comune di Osimo                       

______________INTERROGAZIONE  con richiesta di risposta scritta
Oggetto: spiegazioni sul contenuto di un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo da parte delle “Liste civiche”. 

La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni

____________________________PREMESSO CHE
Sul sito istituzionale del Comune di Osimo, nella rubrica “MAGGIORANZA”, in data 27 febbraio2010 è comparso il seguente comunicato a firma: Liste Civiche
27-2-2010 LISTE CIVICHE: Astea, emergono verità interessanti.
Dai documenti Astea in nostro possesso cominciano ad emergere verità interessanti sulladestinazione dei soldi del Comune di Osimo impiegati dal 2004 al 2006 dall’Azienda, per andare a chiudere i “buchi” con cui il presidente Secchiaroli voleva a tutti i costi fare la fusione. Adesso spettiamo che anche su questa vicenda Strologo denunci il tutto alle competenti autorità ”
__________________________CONSIDERATO CHE
La legge attribuisce a questo civico consesso, quale massima espressione istituzionale della propria comunità,  il luogo privilegiato deputato alla conoscenza e alla rendicontazione amministrativa e contabile  dei fatti, notizie e informazioni che riguardano sia l’Ente Comune che le aziende e le istituzioni dipendenti dal Comune;

_________________________SI CHIEDE al SINDACO
1) di  relazionare in ordine ai fatti, notizie riferite dal succitato comunicato stampa scritto a firma delle proprie liste civiche  e pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Osimo;
2) di fornire alla scrivente interrogante copia della documentazione menzionata, specificando la provenienza della stessa.
Osimo lì, 15 settembre 2010   

 Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
Paola Andreoni

Impianti fotovoltaici su terreni agricoli in Osimo. Ecco la risposta del Sindaco.

Dopo quattro mesi  è arrivata finalmente la risposta ( prot. 26718 del 25/8/2010) alla interrogazione scritta sugli impianti fotovoltaici  sui terreni agricoli. A tal riguarda vanno ricordate le diverse posizioni.
Da una parte la sottoscritta che si dichiara a favore dell’utilizzo di questa fonte di energia ma allarmata e contraria all’eccessivo consumo del terreno agricolo ( fotovoltaico si ma sui tetti,  su  terreni già compromessi,  sui tetti di capannoni , sui tetti dei parcheggi, ecc.); inoltre  ritiene  opportuno che l’Amministrazione Comunale si doti di un regolamento al fine di scongiurare fenomeni di “fotovoltaico selvaggio”.
Dall’altra, la posizione degli inquilini di palazzo del Comune –  Simoncini&Latini – per i quali il problema non sussiste,  (anzi, coinvolte attivamente  dal  fenomeno del ” fotovoltaico a terra “: Latini come produttore,  mentre un assessore risulta progettista di tali opere),  si sono dichiarati contrari a ogni freno , a qualsiasi vincolo circa la possibilità d’installare impianti di produzione di energia rinnovabile nel nostro territorio, quindi favorevoli al consumo  senza freni dei terreni agricoli.
A supporto delle loro posizioni, e  in modo demagogico come nel loro stile,  hanno giustificato che il ricorso al fotovoltaico aiuta l’economia degli agricoltori osimani gravemente colpiti dalla crisi economica e mi hanno incolpato “ di essere acerrima avversaria dei poveri agricoltori costretti  a produrre  fotovoltaico, perché la campagna non rende più “.
Con la risposta fornita dall’amministrazione alla mia interrogazione con la quale chiedevo di conoscere quante erano le istanze presentate  per l’installazione degli impianti fotovoltaici nei terreni agricoli, diventa immediatamente  chiaro a tutti che la maggior parte dei richiedenti non sono agricoltori.
Ecco l’elenco delle istanze di domanda ( triplicate nel 2010 rispetto al 2009) per l’ installazione di impianti fotovoltaici su terreni agricoli osimani, con specifica dell’indicazione della collocazione degli impianti e dei KW di potenza energetica di ciascun impianto.  ( Ho omesso dall’elenco  gli impianti inferiori a 200 Kwp):

richiedente

Ubicaz.impianto Kwp
Sun Solution srl Via Chiaravallese 1.620
Fotosolar Enery spa Via di Jesi 1.040
M.R.G. srl Via Linguetta 1.999
Lanari A. e M. Via Molino Basso 1.958
Latini A. – Latini Dino Via Molino San Polo 1.903
Pesaresi M. – Pesaresi P. Via San Valentino 1.903
Apollo Europe srl Via Cagiata, 84 1.754
Tenuta Casenuove srl Via Coppa 1.717
Del Monte A. Via Fosso 1.716
OMAC Via Osteriola 1.702
C.P.E. snc Via Bellafiora 1.700
Az.Agricola Fava G. Via Colle San Biagio 1.691
Vignoni M. Via Abbadia 1.650
Novapover R1 srl Via Cola, 27 1.576
Hercolani Fava Simonetti Via Fontemurata 1.500
Ist.Campana Via delle Querce 1.497
Mezzelani A. M. Via Soderini 1.459
Cons.Bonifica del Musone Via Coppa 1.304
Fortecno snc Via Fratte, 24 1.300
Az.Agr. Bietti F. Via San Biagio 1.200

Nella maggioranza dei casi sono società di capitali e ciò dimostra che dietro  questi campi voltaici non ci sono i “poveri agricoltori” ma ditte, a volte  società appositamente costituite.
Con l’ interrogazione si chiedeva di  dare regole al fenomeno  del fotovoltaioco a terra,  cercare di conciliare i diversi interessi: quelli degli imprenditori da una parte tesi a cogliere delle legittime opportunità e quelli che si richiamano al benessere collettivo, alla tutela ambientale e paesaggistica dall’altro il cui primo difensore deve essere proprio l’Ente Locale.

Bene ha fatto quindi la Regione Marche che è intervenuta sulla problematica – cogliendo  il pericolo ambientale e paesaggistico che deriva dalle distese di pannelli solari che  consumano  il suolo – ponendo il   limite di 200 kilowatt per la assoggettabilità degli impianti fotovoltaici alla procedura di valutazione di impatto ambientale. Questo malgrado il consigliere Latini ( che qualcuno ingenuamente pensa che  in Regione rappresenti gli interessi della nostra città) abbia proposto un emendamento con il quale voleva che tale limite fosse 500 Kw. Emendamento che è stato sonoramente bocciato e rispedito al mittente dalla maggioranza.

Emendamento n. 2/7 del Consigliere Latini: (pag.38 Allegato Resoconto verbale)
Al comma 1, lettera n decies, il punto 2) è sostituito dal seguente:
“la cui potenza complessiva sia inferiore o uguale a 500 kW a condizione che non ricadano in ambiti sottoposti a vincolo di tutela integrale del PPAR o vincolo d’inedificabilità assoluta imposta dai PRG ad esso adeguati;”.
Lo pongo in votazione.   ( – L’Assemblea legislativa non approva – )

—-Paola Andreoni
capogruppo PD Osimo

L’Amministrazione Simoncini&Latini snobba le interrogazioni scritte dei consiglieri.

L’amministrazione Simoncini&Latini continua a snobbare le interrogazioni scritte dei consiglieri. Sono passati oltre tre mesi eppure, il Sindaco ancora non si degna di rispondere a nessuna delle interrogazioni scritte che ho presentato. L’ interrogazione  scritta con la quale richiedevo i dati delle autorizzazioni degli impianti di  fotovoltaico rilasciati dal Comune, risale al 28 aprile scorso. Il silenzio di palazzo del Comune è il sintomo più evidente della sostanziale inefficienza dell’amministrazione guidata dalle Liste, che evidentemente considera le interpellanze dei consiglieri come meri esercizi accademici e non come lecite richieste d’intervento da parte dei legittimi rappresentanti dei cittadini osimani.

Le interrogazioni scritte e le richieste di accesso agli atti che aspettano risposta:

– Interrogazione a risposta  scritta: Addizionale Irpef e numero effettivo dei contribuenti ( presentata il 10 marzo 2010 ).

– Interrogazione a risposta orale e scritta: Installazione di impainti fotovoltaici su terreni agricoli ( presentata il 28 aprile 2010 ).

– Accesso agli atti: copia dell’Albo dei Beneficiari di provvidenze e contributi di natura economica erogati dal Comune di Osimo nell’anno 2009 ( presentata il 30 aprile 2010 ).

– Interrogazione a risposta scritta: l’esatta entità dell’aumento tariffario del Servizio Rifiuti per l’anno 2010 ( presentata il 4 maggio 2010 ).

– Interrogazione a risposta scritta: richiesta dati sul personale comunale, dotazione organica( presentata il 6 maggio 2010 ).

– Interrogazione a risposta  scritta: numero e costo delle utenze di telefonia mobile che il Comune di Osimo ha in essere ( presentata il 9 giugno 2010 ).

Quanto costa l’albero-piramide natalizio in struttura metallica ?

Un Natale all’insegna del risparmio e della sobrietà ? Questo sarà il Natale 2009 degli italiani e degli osimani.
Fa discutere in città l’idea dell’Amministrazione Simoncini&Latini di installare in piazza del Comune  un albero-piramide  in struttura metallica ( altezza mt. 15, diametro mt. 7,50).
Altro che vecchi sapori di tradizione, non voglio esprimere giudizi,  lascio ai miei concittadini le valutazioni in merito alla scelta fatta dalla amministrazione delle liste al governo della città in ordine all’idea, all’estetica e  allo spirito di sobrietà natalizia che la struttura, installata in piazza del Comune, dovrebbe richiamare.

Come Consigliere Comunale non voglio entrare nel merito di una discussione-polemica che abbia per oggetto “l’Albero di Natale”. Voglio solo precisare che se in linea di principio la decisione della Giunta Comunale di non impegnare risorse sulle luminarie in occasione delle festività natalizie 2009 è condivisibile e giustificata dalla volontà di aderire ad un clima di sobrietà e di austerità in linea con una stagione di grande preoccupazione e difficoltà per le famiglie, mi auguro che il costo sostenuto per questa struttura e per il presepio realizzato dal componente lo staff del sindaco, Cartuccia A. siano inferiori al costo del  noleggio delle  luminarie con cui si poteva adornare il corso cittadino.

Queste le motivazioni della seguente interrogazione con la quale si chiede al Sindaco di rendere pubblici, con tanto di rendicontazione analitica, il costo dell’albero natalizio in struttura metallica commissionato alla ditta Omac srl, installato in piazza del Comune e del presepio realizzato dal componente lo staff del sindaco – sig. Alberto Cartuccia – in mostra nell’atrio comunale.                             

   Alla  c.a.  Sig. Presidente del Consiglio Comunale
Comune di Osimo                            

INTERROGAZIONE SCRITTA

oggetto: costo struttura natalizia realizzata nella Piazza e modalità di scelta della ditta.

La    sottoscritta consigliere comunale, Paola Andreoni

premesso che

 – con atto di G.C. n° 293 del 2/12/2009 l’Amministrazione – si legge –  “ha demandato alla società ASSO srl la realizzazione e l’allestimento dell’albero di Natale da sistemare in Piazza del Comune”;

 – con atto di G.C. n° 293 del 2/12/2009 l’Amministrazione ha approvato il progetto tecnico come da allegato “A” che prevede anziché l’allestimento di un tradizionale e modesto albero di natale, una struttura metallica di cui agli elaborati a firma della ditta Omac architetture in Acciaio srl datati 2 dicembre 2009;

 – che nell’allegato “A” contenente la proposta della ditta  Omac architetture in Acciaio srl datata 2 dicembre 2009 non si fa menzione dei costi dell’ “opera”, della sua messa in opera e sistemazione;

 – senza entrare nel merito della scelta adottata da questa Amministrazione di allestire in piazza del Comune anziché un tradizionale ed anche modesto albero di Natale, una struttura in acciaio;

 interroga il Sindaco e la Giunta per sapere

 1)    Le procedure che si sono adottate per la scelta  della ditta e  se sono stati richiesti preventivi ad altre ditte così come prevede la normativa dell’attività negoziale delle pubbliche amministrazioni anche in ipotesi di acquisti di servizi e di forniture sotto soglia;

2)    Il responsabile della suddetta procedura;

 3)   Il costo analitico della struttura metallica “natalizia” documentabile dai documenti fatti pervenire  dalla ditta Omac in ordine alle spese della struttura, della messa in opera, autorizzazioni rilasciate e  quant’altro, con invito ad allegare preventivo della spesa e fattura emessa.

Osimo lì, 4 dicembre 2009           

          Il  consigliere  comunale
capogruppo  del Partito Democratico
               Paola Andreoni

 

Interrogazione: richiesta informazione se ad oggi gli attuali amministratori locali osimani hanno fatto richiesta di essere collocati in aspettativa non retribuita per l’espletamento del mandato.

interr1

Alla  c.a.  Sig.Presidente del Consiglio Comunale Comune di Osimo
Alla  c.a. Sig.Sindaco Comune di Osimo

INTERROGAZIONE SCRITTA  

oggetto:  richiesta informazione se ad oggi gli attuali amministratori locali osimani, componenti della Giunta, hanno fatto richiesta di essere collocati in aspettativa non retribuita per l’espletamento del mandato

 La sottoscritta Consigliere Comunale del  Partito Democratico,      Paola Andreoni

                                                                                     Ai sensi
dell’art. 41 comma 3  del Regolamento del Consiglio Comunale,
                                                                              Prmesso quanto
stabilito all’art.51 della Carta Costituzionale che riconosce a coloro che ricoprono cariche pubbliche il diritto di distogliere tempo dell’attività lavorativa per dedicarla alle funzioni pubbliche rivestite, conservando il posto di lavoro;
                                                                                         Visto
l’art. 81 D.Lgs. 267/00, inserito nel capo IV “Status degli Amministratori Locali” del T.U. , con il quale si è dato attuazione al diritto costituzionalmente garantito dell’accesso agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di uguaglianza sostanziale rimuovendo gli ostacoli che impediscono l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica-amministrativa.

                                                                                      Precisato
che in base all’art. 82 comma 1 del D.Lgs 287/2000 le indennità di funzione per gli Amministratori sono dimezzate per i lavoratori dipendenti che non hanno richiesto l’aspettativa

Interroga il Sindaco
per avere informazioni scritte

1) se ai sensi delle vigenti disposizioni legislative, gli attuali amministratoti locali osimani hanno fatto richiesta – avvalendosi del diritto loro concesso – di essere collocati in aspettativa non retribuita per l’espletamento del mandato;
2) in ordine alla posizione lavorativa attualmente ricoperta dagli amministratori:
– Sindaco Simoncini Stefano: __________________________________;
– Vice Sindaco Pirani Francesco: ________________________________;
– Assessore  Ginnetti Achille: __________________________________;
– Assessore  Giacchetti Gilberta: _______________________________;
– Assessore  Antonelli Sandro: _________________________________;
– Assessore  Triscari Francesca: ________________________________;
– Assessore  Alessandrini Giancarlo: ______________________________;
– Assessore  Francioni Roberto: _________________________________;

 Osimo lì, 4 settembre 2009                                                                          
                                                                                                   Il  consigliere  comunale PD
                                                                                                                  Paola Andreoni

Interrogazione scritta: i compensi spettanti agli amministratori per indennità di funzione.

interrogazione86

Alla  c.a.    Sig. Presidente del Consiglio Comunale  Comune di Osimo
Alla  c.a.   Sig.   Sindaco Comune di Osimo

INTERROGAZIONE SCRITTA  

oggetto:  compensi spettanti per l’indennità di funzione

            La sottoscritta Consigliere Comunale del  Partito Democratico,      Paola Andreoni 

 Ai sensi

dell’art. 41 comma 3  del Regolamento del Consiglio Comunale,

 Interroga il Sindaco
per avere informazioni scritte

in ordine  ai compensi spettanti per indennità di funzione per gli Amministratori e consiglieri del Comune di Osimo, invitando la S.V. a fornire le informazioni richieste come da seguente prospetto:

Indennità di funzione per gli Amministratori e consiglieri del Comune di Osimo

 

Indennità di funzione mensile

Indennità di funzione annua

Note

Sindaco

€ _.___.__

€ ___.___,__

 

Vice Sindaco

€ _.___.__

€ ___.___,__

pari al __% dell’indennità di funzione del Sindaco

Assessore

€ _.___.__

€ ___.___,__

pari al __% dell’indennità di funzione del Sindaco

Presidente del Consiglio Comunale

€ _.___.__

€ ___.___,__

pari al __% dell’indennità di funzione del Sindaco

Gettone di presenza dei Consiglieri Comunali

Gettone di presenza per la partecipazione ad ogni seduta di Consiglio e di Commissione Consiliare

 

Consiglieri comunali

€ __,__

Nota: gli importi sono al lordo dell’IRPEF.

Osimo lì, 4 settembre 2009                                                                           

Il  consigliere  comunale PD Paola Andreoni

Aspetto risposta e poi invito il Sindaco  a pubblicare il  prospetto 
–  completo dei  dati richiesti  –  nel sito istituzionale del Comune.
Un piccolo segnale di trasparenza verso i cittadini osimani.