“Prima di dimenticare”: un prezioso dono da parte di zio Piero

Sabato 8 settembre,  il prof. Piero Alessandrini, ricercatore e già docente universitario con all’attivo diversi premi e riconoscimenti nazionali ed internazionali, autore di libri, saggi ed articoli di natura economica-finanziaria, presenterà in Osimo il suo ultimo libro: Prima di dimenticare. Storia di Alessandro e Nunzia raccontata dai figli.

Come si può ben capire dal titolo, questa volta il prof. Alessandrini non si è impegnato sulle tematiche economiche per le quali è famoso e conosciuto: investimenti, i distretti industriali, il risparmio, i rapporti banca-impresa, il sistema finanziario italiano…
Il nuovo lavoro è un omaggio ai suoi genitori, i miei nonni materni, Alessandro e Nunzia e a tutto ciò che ci hanno insegnato.

Zio Piero ci ha regalato, con questo libro, memorie della storia di alcuni aspetti del passato della nostra famiglia ricca di valori, di vita e di speranza. Un libro dove traspare l’amore e la riconoscenza per nonno Alessandro e nonna Nunzia.
Un libro che va ad arricchire la storia di Osimo perché ben documenta, ( in un arco temporale che va dalla metà dell’Ottocento e attraversa tutto il Novecento) attraverso la nostra storia familiare, le vite difficili di mezzadri, calzolai, filandaie, fino all’ascesa sociale di piccoli imprenditori e artigiani osimani. Ricostruisce il duro lavoro in filanda, in officina e nelle attività domestiche, i momenti drammatici della guerra, il crollo della casa di famiglia, la formazione scolastica dei figli, la loro educazione sentimentale, i giochi in strada, i divertimenti, l’organizzazione quotidiana di una famiglia numerosa.
Osimo, la chiesa di San Marco e via Cappuccini sono protagoniste in molte pagine del libro, per questo motivo invito la cittadinanza e quanti amano la storia della nostra città, alla presentazione del libro:

“Prima di dimenticare.
Storia di Alessandro e Nunzia raccontata dai figli”

Sabato 8 settembre 2018 alle ore 18

presso il Chiostro di San Francesco ( in caso di pioggia presso il Collegio Campana).
Con l’autore Piero Alessandrini, presentano Marco Morroni e Lucilla Niccolini.

Paola


Alcune foto contenute nel libro:
***
1947 zio Nazzi e zio Piero il muretto è quello sovrastante i tre Archi
***

nonna Nunzia e nonno Alessandro, maggio 1950 festeggiano le nozze d’argento

***
Alessandro e Nunzia, fidanzati
***
i nonni festeggiano le Nozze d’oro, 1975
***

 

#OSIMANI con l’hashtag: il maestro Claudio Buccetti.

Una nuova proposta, #Osimani,  che vuole raccontare la nostra comunità  attraverso i volti dei suoi abitanti. Una raccolta di ritratti e brevissime storie di tanti cittadini come noi,  del passato ma anche del nostro quotidiano per diffondere il lato positivo delle persone che abbiamo conosciuto e che desideriamo ricordare o delle persone  con le quali ci confrontiamo ogni giorno.
Testimonianze, persone, fatti che aiutano a capire meglio chi eravamo e chi siamo … con tutto quello che ne consegue.
Storie familiari, sociali, lavorative e culturali che hanno caratterizzato il passato e che caratterizzano  il nostro quotidiano e da cui ogni lettore avrà la possibilità di attingere, evitando di perdere un “qualcosa” di importante del nostro essere comunità.

Una raccolta #Osimani, a cui chiedo a tutti Voi di partecipare e di arricchire  per condividere  insieme una storia di eroi… perché ogni giorno ognuno di noi combatte le sue battaglie: nel lavoro, nelle passioni o semplicemente nel nostro modo di essere…

linea

Claudio BUCCETTI

***
claudio-buccetti_1***
Claudio Buccetti classe 1920 ( come mi ha sussurrato il giorno di Natale: ” altri tre… e farò 100″ ) un grande uomo, ironico e profondo che ho  la fortuna di avere come zio.
Il “maestro Buccetti” ha trascorso buona parte della sua vita tra i banchi delle scuole elementari di Osimo.
Il suo volto e le sue parole sono  impresse  nel cuore di generazioni di bambini che, per tanti anni, hanno seguito le sue lezioni tra i banchi di scuola. Un maestro che con passione, ha instillato per tanto tempo l’amore per lo studio ai suoi giovani alunni osimani. Per lui l’insegnamento era molto più di una passione, quasi una missione. Un maestro amato dagli studenti e stimato dai colleghi.

***
claudio-buccetti-anno-scolastico-1959festa con gli ex alunni anno scolastico 1958/1959

***
Di zio Claudio ho tante immagini: quella  di affettuoso marito di zia Marisa; di padre premuroso per le sue 2 figlie Anna Maria e Adriana; di persona che ha fatto dello sport il suo valore di vita.
Per Claudio lo  sport non era inteso come competizione ma  come “esempio di naturalezza”. E la montagna, in particolare,  è stata la sua grande passione e tributo.  La sua casa a Sassotetto è stata per tanti anni  meta di parenti ed amici osimani, accolti sempre con la sua affabile ospitalità ed allegria. Ricordo ancora le partenze all’alba per le escursioni alla Priora, a Pizzo tre Vescovi o alla valle dell’Ambro e zio Claudio che si metteva in cammino, inspiegabilmente,  con quel suo zaino stracolmo per scoprire quando ci fermavamo per mangiare che – come sempre – lui aveva portato il peso  del vino da offrire a tutti e della cioccolata per noi nipoti.
Claudio era un uomo di compagnia, con battute pronte, sempre allegro e le sue erano sempre parole di verità e di saggezza.

***claudio-buccetti-classe-1920Claudio con i suoi coetanei osimani del 1920

Una persona squisita a cui purtroppo, oggi,  il peso dell’età ha tolto molto della sua originaria vivacità, ma che ho voluto ricordare con queste poche righe  perchè, per me e credo per tanti altri osimani, il maestro Claudio Buccetti rimane un esempio, per la sua voglia di scoprire, per la sua passione per la vita che l’accompagna alla soglia dei 100 anni, perchè Claudio come tutti gli uomini amanti della  montagna è stato, e lo è ancora oggi, una persona vera.

claudio-buccetti-1984-pizzo-berroPizzo Berro, Monte Priora , 1984
claudio-buccetti-1984-madonna-dellambro-dopoMadonna dell’Ambro, 1994 ( …poi l’immancabile momento conviviale )
***
claudio-buccetti-1988-frontignanoClaudio sulle piste di Frontignano, 1988.
***

by Paola Andreoni 

( credits foto  AnnaMaria e Adriana Buccetti )

osimani

***