Mercoledì 11 APRILE 2012, Consiglio Comunale

MERCOLEDI’ 11 APRILE  2012 –  alle ore 17.30 Consiglio Comunale

 Per discutere il seguente ordine del giorno:

1. Comunicazioni del Sindaco;
2. Interrogazioni, interpellanze, mozioni (allegato elenco);
3. Ordine del Giorno a favore della riduzione delle spese militari;
4. Proroga dei termini relativi ai permessi di costruire e dei piani attuativi convenzionati;
5. Lottizzazione artigianale-commerciale in via L. Fagioli – proroga termini della convenzione urbanistica per scadenza opere di urbanizzazione primaria;
6. Ordine del Giorno dei Consiglieri Comunali Andreoni, Bernardini, Cardinali, Pugnaloni e Severini in merito all’esenzione IMU dei fabbricati a servizio dell’attività agricola.
7. Adozione Varianti Puntuali al PRG vigente.

INTERROGAZIONI, INTERPELLANZE E MOZIONI

2.1) Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito a emergenza neve e chiusura scuole, determinazione in ordine alle rette asili nido e spesa servizio mensa a carico delle famiglie per il mese di febbraio 2012;
2.2) Interrogazione del Consigliere Comunale Severini in merito alle squadre giovanili di basket;
2.3) Interrogazione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni, Bernardini, Cardinali e Pugnaloni in merito a Museo Civico, sezione archeologica presso Palazzo Campana;
2.4) Interrogazione dei consiglieri comunali Latini e Beccacece in merito a stato di attuazione del progetto di illuminazione della pista ciclabile di Campocavallo;
2.5) Interrogazione dei consiglieri comunali Latini e Beccacece in merito a vendita ex I.T.C. Filippo Corridoni;
2.6) Interrogazione dei consiglieri comunali Latini, Onori e Beccacece in merito ad incarichi parenti dei componenti dell’opposizione consiliare in seno al Comune di Osimo o sue società partecipate;
2.7) Interrogazione dei consiglieri comunali Latini, Onori e Beccacece in merito ad iscrizioni alla scuola Caio Giulio Cesare;
2.8) Interrogazione dei consiglieri comunali Latini, Onori e Beccacece in merito ad associazione “Lilliput” e canone di locazione casa ex giardiniere comunale;
2.9) Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito a rispetto delle prescrizioni e delle condizioni poste per l’installazione degli impianti fotovoltaici sui terreni agricoli nel territorio comunale;
2.10) Mozione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito all’adozione di una Variante Generale al PRG 2005-2008 in considerazione dei rilievi formulati dalla Provincia di Ancona in sede di parere ex art.26 L.R.n.34/92;
2.11) Mozione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito a prestazioni di servizi cooperative tipo B.;
2.12) Mozione dei consiglieri comunali Latini e Beccacece in ordine a messa in sicurezza frazione Osimo Stazione e zone limitrofe;
2.13) Mozione dei consiglieri comunali Latini, Borra, Beccacece, Onori e Cappanera in merito a imparzialità dell’attività amministrativa e didattica della scuola “Caio Giulio Cesare”;
2.14) Mozione dei consiglieri comunali Latini, Cappanera, Onori e Beccacece in merito ad ospedale di Osimo.

per seguire il Consiglio Comunale in diretta audio
dalle ore  17,45 di Mercoledì 11  aprile

Clicca per ascoltare

Annunci

Le liste “Simoncini&Latini” banalizzano le problematiche del settore agricolo

Ieri sera in Consiglio Comunale il Partito Democratico ha presentato un ordine del giorno con il quale si chiedeva all’Amministrazione Comunale di adoperarsi, in tutte le sedi opportune, perché il Governo esenti dall’Imu i fabbricati di servizio alla attività agricola ( stalle, fienili, strutture di ricovero per macchine ed attrezzi). Tutto ciò nella convinzione che tali strutture costituiscono gli strumenti di lavoro dell’agricoltore e non possono, quindi, come tali ,essere considerati alla stregua di pura e semplice ricchezza accumulata. Si chiedeva inoltre di mantenere, sull’intera materia un rapporto di informazione e consultazione con le organizzazioni professionali e agricole.

Le liste “Simoncini&Latini” hanno dimostrato un completo disinteresse verso le problematiche che il settore agricolo sta attraversando , trasformando la discussione consiliare in una polemica squallida e di basso profilo caratterizzata esclusivamente da attacchi contro il Partito Democratico, banalizzando, di fatto, le problematiche che investono il suddetto settore.

Riporto il “contributo” che il Sindaco di Osimo , Latini e le liste, hanno dato  – in Consiglio Comunale  – alla problematica che investe il settore agricolo:

1° emendamento a firma del Sindaco Simoncini, aggiunto al testo dell’OdG promosso dal PD
“ ….che la manovra del Governo Monti in questo colpevolmente appoggiato anche dal gruppo parlamentare del PD che con altri formano la maggioranza parlamentare….”

2° emendamento sempre a firma del Sindaco Simoncini, aggiunto al testo dell’OdG promosso dal PD
“ ….vista la totale insensibilità della maggioranza parlamentare PD compreso che sostiene il Governo verso il mondo agricolo italiano in forte crisi manifestatasi con l’emanazione di un tale provvedimento….”

3° emendamento a firma di Latini, aggiunto al testo dell’OdG promosso dal PD
“ ….preso atto che l’iniziativa in corso del PD della provincia di Ancona, che sta presentando ai consigli comunali del territorio e in consiglio provinciale un ordine del giorno sull’eliminazione dell’Imu sugli immobili agricoli, stigmatizza l’incapacità dimostrata dal PD non intervenendo in sede parlamentare, o in altre sedi per tutelare i lavoratori del settore agricolo….”.

Il Sindaco Simoncini ha addirittura chiesto al gruppo del Pd di ritirare l’ordine del giorno a sostegno della categoria degli agricoltori. Come definire questo comportamento perpetuato nel Civico Consesso dalle liste alla guida della città, se non irresponsabile, irrispettoso, provocatorio ?.  La grave situazione economica delle famiglie e delle imprese della nostra città dovrebbe indurre ad assumere ben altri atteggiamenti .

Il Pd non ha ritirato l’ordine del giorno, ritenendo prioritari gli obiettivi contenuti nell’ordine del giorno stesso.
Ancora una volta il Partito Democratico rileva l’irresponsabilità delle liste civiche che antepongono la polemica alla ricerca di risposte da dare ai cittadini e alle categorie economiche delle nostra città.

      Paola Andreoni
capogruppo PD Osimo

Mercoledì 21 marzo 2012, Consiglio Comunale

MERCOLEDI’ 21  MARZO 2012 –  alle ore 17.30  CONSIGLIO COMUNALE

Per discutere il seguente ordine del giorno:

1. Comunicazioni del Sindaco;
2. Interrogazioni, interpellanze, mozioni (allegato elenco);
3. Sostegno alla mozione approvata dal Comune di Falconara Marittima per il mantenimento del 5° N.E.C. – unico presidio militare regionale;
4. Integrazioni e modifiche al vigente Piano Generale degli Impianti Pubblicitari;
5. Lottizzazione artigianale-commerciale in via L. Fagioli – proroga termini della convenzione urbanistica per scadenza opere di urbanizzazione primaria;
6. Ordine del Giorno dei Consiglieri Comunali Andreoni, Bernardini, Cardinali, Pugnaloni e Severini in merito all’esenzione IMU dei fabbricati a servizio dell’attività agricola.
7. Adozione Varianti Puntuali al PRG vigente.

INTERROGAZIONI, INTERPELLANZE E MOZIONI

– Interrogazione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito ad ubicazione servizi immobili in vendita .
– Interrogazione del consigliere comunale Severini in ordine a trasformazione urbanistica PPA 2012.
– Interrogazione del consigliere comunale Severini in ordine a pagamento ICI aree contestate.
– Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito a emergenza neve e chiusura scuole, determinazione in ordine alle rette asili nido e spesa servizio mensa a carico delle famiglie per il mese di febbraio 2012.
– Interrogazione scritta del Consigliere Comunale Andreoni in merito all’emergenza neve e spese sostenute dal Comune di Osimo
–  Interrogazione del Consigliere Comunale Severini in merito alle squadre giovanili di basket
– Mozione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito a Custodia Archivio Sinibaldi.
– Mozione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito all’adozione di una Variante Generale al PRG 2005-2008 in considerazione dei rilievi formulati dalla Provincia di Ancona in sede di parere ex art.26 L.R.n.34/92.

per seguire il Consiglio Comunale in diretta audio
dalle ore 17,45 di Mercoledì 21 marzo

Clicca per ascoltare

Mercoledì 7 Marzo 2012, Consiglio Comunale

MERCOLEDI’ 7  MARZO 2012 –  alle ore 17.30  CONSIGLIO COMUNALE

Per discutere il seguente ordine del giorno:

1. Comunicazioni del Sindaco;
2. Interrogazioni, interpellanze, mozioni (allegato elenco);
3. Modifica ed integrazione al vigente Regolamento Edilizio Comunale;
4. Presa d’atto Elaborati Gestionali del PRG aggiornati secondo le modifiche di cui alle delibere consiliari n.89 del 09.12.2011 e n.5 del 25.01.2012;
5. Piano di Recupero Urbano ex L.457/78 “Stabilimento Agrinova” Nuovo Borgo, sito in località San Biagio, Via Colle San Biagio. Adozione;
6. Adozione Varianti Puntuali al PRG vigente.

INTERROGAZIONI, INTERPELLANZE E MOZIONI

– Interrogazione del cons. comunale Paola Andreoni in merito ad Albo Pretorio on-line;
– Interrogazione del cons. comunale Paola Andreoni in merito all’ “esposizione debitoria” del Comune di Osimo nei riguardi di tutte le società partecipate osimane;
– Interrogazione dei cons.comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito a Centro Aquilone San Sabino;
– Interrogazione dei cons.comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito ad ubicazione servizi immobili in vendita;
– Interrogazione del cons.comunale Severini in ordine a trasformazione urbanistica PPA 2012;
– Interrogazione del cons.comunale Severini in ordine a pagamento ICI aree contestate;
– Interrogazione del cons. comunale Paola Andreoni in merito all’ emergenza neve e chiusura scuole, determinazione in ordine alle rette asili nido e spesa servizio mensa a carico delle famiglie per il mese di febbraio 2012;
– Mozione dei consiglieri comunali Riderelli, Latini, Sabbatini, Lucchetti, Falcetelli, Onori e Borra in merito alla proposta di Legge ad iniziativa popolare sui tagli ai costi della Politica;
– Mozione dei cons.comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito a Custodia Archivio Sinibaldi.
– Mozione dei ccons.comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito all’adozione di una Variante Generale al PRG 2005-2008 in considerazione dei rilievi formulati dalla Provincia di Ancona in sede di parere ex art.26 L.R.n.34/92;
– Mozione dei cons.comunali Severini, Cardinali, Bernardini, Pugnaloni e Andreoni in merito a prestazioni di servizi cooperative tipo B.

per seguire il Consiglio Comunale in diretta audio
dalle ore 17,45 di Mercoledì 7 marzo

Clicca per ascoltare

Mercoledì 25 gennaio 2012 Consiglio Comunale

MERCOLEDI’ 25  GENNAIO 2012 –  alle ore 17.30  CONSIGLIO COMUNALE

Per discutere il seguente ordine del giorno:

1. Comunicazioni del Sindaco.
2. Interrogazioni, interpellanze e mozioni (segue elenco).
2.1 Interrogazione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni, Cardinali e Pugnaloni in merito a stato di attuazione mozioni approvate.
2.2 Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito a periodico comunale “Nuovo Cinque Torri”.
2.3 Interrogazione dei consiglieri comunali Severini, Cardinali e Bernardini in merito ad elettrodotto ad altissima tensione Fano-Teramo.
2.4 Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito ad Albo Pretorio on-line.
2.5 Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito ad “esposizione debitoria” del Comune di Osimo nei riguardi di tutte le società partecipate osimane.
2.6 Mozione dei consiglieri comunali Pugnaloni, Andreoni, Bernardini e Cardinali in merito ad istituzione servizio “Tata a domicilio”.
2.7 Mozione dei consiglieri comunali Riderelli, Latini, Sabbatini, Lucchetti, Falcetelli, Onori e Borra in merito alla proposta di Legge ad iniziativa popolare sui tagli ai costi della Politica.
3. Esame ed approvazione modifica del Regolamento Comunale per l’alienazione del patrimonio immobiliare”.
4. Esame ed approvazione modifica del Regolamento Comunale di Polizia Rurale.
5. Variante al vigente PRG per il riequilibrio della qualità urbana attraverso il reperimento di standards urbanistici complementari.
6. Variante parziale al PRG senza aumento di carico urbanistico per la trasformazione urbanistica di aree da edificabili ad agricole. Approvazione definitiva.
7. Adozione definitiva della Variante Parziale al PRG e del Rapporto Ambientale per l’ampliamento dell’ambito di tutela EO-12 e l’individuazione di nuovi Ambiti di Trasformazione.
8. Atto di indirizzo politico-amministrativo a favore del mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace.
9. Ordine del Giorno a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare “Norme per la partecipazione politica ed amministrativa e per il diritto di elettorato senza discriminazioni di cittadinanza e di nazionalità” e della proposta di legge di iniziativa popolare “Modifiche alla Legge 5 febbraio 1992, n.91. Nuove norme sulla Cittadinanza”. Campagna “L’Italia sono Anch’io”.
10. Approvazione Ordine del Giorno proposto dalla Federazione Provinciale Coldiretti relativo alle azioni territoriali a sostegno del vero “Made in Italy” agroalimentare.
11. Sostituzione del componente dimissionario della Commissione della Biblioteca e dell’Archivio Storico Sig.ra Franca Maria Magnalardo.
12. Comunicazione circa utilizzo Fondo di Riserva.

Sbagliato sopprimere l’ufficio del Giudice di Pace

Massimo impegno del gruppo consiliare PD per il mantenimento della sede osimana del Giudice di Pace, soppressa dal Ministero della Giustizia insieme a tutte le sedi che non coincidono con i tribunali.  E’ una decisione che ovviamente penalizza il territorio di Osimo e l’intera area servita dall’ufficio. L’Ufficio del Giudice di Pace di Osimo esplica la propria competenza territoriale, oltre che per l’intero territorio Osimano (33.500 abitanti) anche per i Comuni di Agugliano (4.300 abitanti), Castelfidardo (18.600 abitanti), Filottrano (9.745 abitanti),  Loreto (12.325 abitanti),  Offagna (1.857 abitanti) e Polverigi (4.035 abitanti). La sede giudiziaria osimana ha una posizione strategica e serve un ampio

 bacino di utenza, ma questi elementi evidentemente non sono bastati per scongiurarne la soppressione.

Che sia urgente una riforma del sistema giudiziario è del tutto evidente, per poter garantire davvero la giustizia in tempi accettabili per una società civile,  ma la scelta di aver individuato come primo passo la soppressione degli uffici dei giudici di pace, che rappresentano il livello in cui l’accesso alla giustizia è più vicina al cittadino, non è accettabile né sostenibile. La revisione delle circoscrizioni giudiziarie degli uffici dei Giudici di Pace penalizza un servizio attraverso il quale i cittadini hanno avuto la possibilità di accedere ad una giustizia che, per l’appunto, si chiama “di prossimità” , proprio perché è vicina alle comunità locali che vi si rivolgono.

Come gruppo consiliare PD garantiremo il massimo impegno, per salvare quest’ufficio.
Il decreto legislativo che disciplina la materia prevede che un Comune sede di Giudice di Pace possa mantenerla accollandosi le spese, anche in consorzio con gli altri Comuni serviti dallo stesso ufficio.  E’ chiaro che un impegno di questo tipo sarebbe più sostenibile se ci fosse un’ampia partecipazione da parte di tutti i territori interessati.

———–———-———–

Alla c.a. Sig. Presidente del Consiglio Comunale
Comune di Osimo

ORDINE DEL GIORNO

I sottoscritti Consiglieri Comunali del Partito Democratico Andreoni Paola, Bernardini Daniele, Cardinali Flavio, Pugnaloni Simone, Severini Argentina chiedono la trattazione e discussione del seguente ordine del giorno

oggetto: Contro la chiusura dell’ufficio del Giudice di Pace di Osimo

IL CONSIGLIO COMUNALE DI OSIMO
PREMESSO CHE

Con la Legge 14 settembre 2011, n. 148 di conversione, con modificazioni, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, il Parlamento ha delegato al Governo la riorganizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari;
Il Consiglio dei Ministri n. 7 del 16 dicembre 2011 ha approvato in prima lettura lo schema del primo dei Decreti Legislativi di attuazione della delega sulla revisione delle Circoscrizioni Giudiziarie, riferito agli Uffici dei Giudici di Pace, che sarà trasmesso alle Camere per i relativi pareri;
Lo schema di Decreto Legislativo relativo alla revisione delle Circoscrizioni Giudiziarie – Uffici dei Giudici di Pace è stato pubblicato sul sito internet del Ministero della Giustizia;
L’art. 1 del suddetto schema di Decreto Legislativo relativo alla revisione delle Circoscrizioni Giudiziarie – Uffici dei Giudici di Pace prevede la soppressione degli Uffici del Giudice di Pace di cui alla tabella A allegata al decreto;
Ricompreso nella tabella A vi è anche l’Ufficio del Giudice di Pace di Osimo, destinato dunque alla soppressione;
Detto schema comunque prevede, all’art. 2, comma I, lettera a), punto 2 che con Decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Giustizia, sentiti il Consiglio Giudiziario ed i Comuni interessati, possono essere istituite sedi distaccate;
Al successivo art. 3 comma II, è previsto che entro 60 giorni dalla pubblicazione della tabella gli enti locali interessati, anche consorziati tra loro, possono richiedere il mantenimento degli Uffici del Giudice di Pace, con competenza sui rispettivi territori, di cui è proposta la soppressione, anche tramite eventuale accorpamento, facendosi integralmente carico delle spese di funzionamento e di erogazione del servizio giustizia nelle relative sedi, ivi incluso il fabbisogno di personale amministrativo che sarà messo a disposizione dagli enti medesimi;
Il comma III dell’articolo di cui sopra prevede che entro il termine di 12 mesi successivi ai 60 giorni dalla pubblicazione, il Ministro della Giustizia, valutata la rispondenza delle richieste e degli impegni pervenuti, può apportare con proprio decreto le conseguenti modifiche alla tabella;
Nel caso di mantenimento dell’Ufficio rimarrebbe a carico dell’Amministrazione Giudiziaria unicamente la determinazione dell’organico del personale di magistratura onoraria entro i limiti della dotazione nazionale complessiva;
 ————————————–…———-CONSIDERATO CHE

La chiusura dell’Ufficio Giudiziario, priverebbe la città di Osimo di un importante presidio di legalità e di sicurezza su un vasto territorio; infatti l’Ufficio del Giudice di Pace di Osimo esplica la propria competenza territoriale, oltre che per l’intero territorio Osimano (33.500 abitanti) anche per i Comuni di Agugliano (4.300 abitanti) , Castelfidardo (18.600 abitanti) , Filottrano (9.745 abitanti), Loreto (12.325 abitanti), Offagna (1.857 abitanti) e Polverigi (4.035 abitanti).
La soppressione del medesimo Ufficio comporterebbe inesorabilmente la perdita di un ulteriore servizio, creando forte disagio agli utenti di Osimo ed agli altri utenti residenti nelle città ricomprese nella competenza del Giudice di Pace di Osimo, oltre al trasferimento dei molti professionisti che oggi frequentano bar e ristoranti ed altre attività commerciali, durante i giorni dedicati alle udienze, con conseguente aggravio della già precaria situazione commerciale della nostra città.
L’organico dell’Ufficio è composto attualmente da soli due dipendenti (in comando dal Comune di Osimo) che oggi assolvono a tutti i compiti demandati all’ufficio stesso, mentre la dotazione completa prevede 3 dipendenti in organico. Inoltre la sede dove è ospitato l’Ufficio del Giudice di Pace è già di proprietà comunale;
Pur trattandosi di un impegno finanziario considerevole, l’eventuale spesa per il personale amministrativo e per la gestione dell’ufficio andrebbero ripartite tra 7 diversi Comuni tutti interessati al mantenimento del presidio giudiziario;
Inoltre, l’eventuale soppressione dell’Ufficio del Giudice di Pace, rappresenterebbe il primo passo verso la possibile soppressione della Sezione Distaccata del Tribunale;
Tutto ciò premesso,

IL CONSIGLIO COMUNALE DI OSIMO

1) impegna il Sindaco e l’intera Amministrazione Comunale all’immediato intervento presso gli Organi di Governo e presso il Ministero della Giustizia, al fine di sensibilizzare dette Istituzioni perchè le motivazioni addotte siano tenute in debita considerazione, nella fase di attuazione della ridistribuzione degli uffici Giudiziari nel territorio;
2) esprime il proprio unanime dissenso alla proposta di soppressione dell’Ufficio del Giudice di Pace di Osimo, presidio di giustizia indispensabile per un intero comprensorio, e considera comunque di primaria importanza per la città e per il suo comprensorio il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace, anche da un punto di vista di impegno finanziario;
3) impegna il Sindaco, la Giunta Municipale a porre in atto, nei tempi più brevi possibili, tutte le iniziative necessarie al mantenimento dell’Ufficio;
4) invita il Sindaco a prendere immediatamente contatto con i Sindaci dei Comuni di Agugliano, Castelfidardo, Filottrano, Loreto, Offagna e Polverigi, interessati dal circondario del Giudice di Pace di Osimo, al fine di predisporre concretamente, anche in via preventiva, quanto richiesto per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace e cioè un concreto progetto consortile per far eventualmente fronte comune agli impegni richiesti.
Con richiesta, data l’urgenza, di discutere il presente ordine del giorno nella seduta del prossimo Consiglio Comunale.
Osimo il 20 gennaio 2012

Il capogruppo consigliare del PD f.to Paola Andreoni
Il consigliare comunale del PD f.to Daniele Bernardini
Il consigliare comunale del PD f.to Flavio Cardinali
Il consigliare comunale del PD f.to Simone Pugnaloni
Il consigliare comunale del PD f.to Argentina Severini

Consiglio Comunale Osimo, venerdì 9 e sabato 10 dicembre 2011

LUNEDI’  19 DICEMBRE 2011 – alle ore 17.30

con questo Ordine del Giorno:

1) Comunicazioni del Sindaco;

2) Interrogazioni, interpellanze e mozioni (vedi elenco allegato):
2.1) Interrogazione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni, Cardinali e Pugnaloni in merito a stato di attuazione mozioni approvate;
2.2) Interrogazione del consigliere comunale Andreoni contro la chiusura sportelli sede INPS di Via Antica Rocca;
2.3) Interrogazione del consigliere comunale Andreoni in merito a liquidazioni commerciali fuori stagione, verifiche e controlli;
2.4) Mozione dei consiglieri Pugnaloni, Severini, Cardinali ed Andreoni in merito a gestione integrata servizi pubblici locali – valutazione su possibile costituzione Unione di Comuni;
2.5) Mozione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni, Bernardini e Cardinali in merito a nuovo plesso secondaria di primo grado Istituto Comprensivo F.lli Trillini.
2.6) Mozione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni e Pugnaloni in merito a Custodia Archivio Sinibaldi;
2.7) Mozione dei consiglieri comunali Severini, Andreoni, Bernardini e Cardinali in merito all’adozione di una Variante Generale al PRG 2005-2008 in considerazione dei rilievi formulati dalla Provincia di Ancona in sede di parere ex art.26 L.R.n.34/92.
2.8) Mozione dei consiglieri comunali Pugnaloni, Andreoni, Bernardini e Cardinali in merito ad istituzione servizio “Tata a domicilio”.

3) Esame osservazioni. Approvazione variante alla lottizzazione residenziale “ex CIMA” in loc. Abbadia.
4) Servizio di Tesoreria per il periodo 1/1/2012-31/12/2017 – Provvedimenti;
5) Nomina componenti del Consiglio di Amministrazione della “Fondazione Osimana Padre Bambozzi”;
6) Esame ed approvazione modifica del Regolamento Comunale sulla tutela degli animali da affezione”;


 è possibile seguire il Consiglio Comunale in diretta audio tramite il sito internet

AGORADIO Osimo