Palestina, primo riconoscimento, grazie anche all’Italia

Palestina 2All’ONU Palestina ammessa e riconosciuta come “stato osservatore”. A favore ha votato anche l’Italia, contro (purtroppo) Israele e Stati Uniti (e anche l’Europa non è stata compatta).
Potrebbe essere il primo passo per dare finalmente l’ufficialità alla creazione di uno Stato Palestinese e avviare così un processo di pace che al momento sembra proprio un’utopia.

Annunci

Agli Osimani e alle mie concittadine Osimane che hanno votato alle Primarie del Centrosinistra.

Grazie.

In tutto il Paese e anche in Osimo, grazie a Voi, abbiamo dato una prova tangibile e concreta che la “buona politica” è possibile e che, idee e partecipazione, non sono solo un esercizio retorico ma la concreta possibilità di diventare un Paese normale. Dopo il disastro di questi anni abbiamo dato di nuovo significato, valore alla democrazia attraverso la faccia e i cuori di milioni di persone. Un grazie va anche ai sostenitori e agli attivisti dei comitati che hanno sostenuto Nichi Vendola, Laura Puppato, Bruno Tabacci e Matteo Renzi. E’ stato bello e arricchente il confronto e sarà bene non rovinarlo.

Ora siamo alla scelta finale. Il ballottaggio tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, come si è visto in questi giorni anche dal confronto diretto fra di loro, apre davvero alla speranza di una fase nuova della politica italiana.

Vi chiedo di non rinunciare a questo ultimo atto. E’ importante che tutti tornino a votare per dare ulteriore forza, nella competizione che verrà, a quello che abbiamo costruito in questo ultimo mese.

Io Vi chiedo, convinti, di sostenere Pierluigi Bersani. Pierluigi non è un altro dei tanti leader malati di egocentrismo che abbiamo subito in questi anni. Pierluigi è il loro contrario. E’ il garante di una politica fondata sul noi, sulla vocazione a scegliere e decidere unendo le persone anziché dividerle. Concreto e capace di innovare davvero e non solo di annunciare novità. Lo ha dimostrato da amministratore locale e da ministro. Lo ha dimostrato guidando il più grande partito del Paese promuovendo nuovi dirigenti e nuove idee.
Ma anche questo potrebbe non bastare senza una idea di futuro, di come dovrebbe essere l’Italia. Innanzitutto il LAVORO. Il lavoro come bene comune, come energia che fa avanzare la società. Senza lavoro questo Paese non ha futuro e noi vogliamo con tutte le nostre forze credere di nuovo nel nostro futuro. Oggi il lavoro va difeso e tutelato da una idea di mercato sbilanciata sulla finanza, sul profitto e su una visione liberista pericolosa. C’è poi una grande e crescente questione di GIUSTIZIA SOCIALE. La crisi uccide e distrugge la società, rende più deboli i deboli e più forti i forti. Il centrosinistra di Bersani misurerà ogni provvedimento e ogni scelta con il punto di vista dei più deboli rafforzando i diritti individuali e rendendoli veramente esigibili. In terzo luogo credo che Bersani potrà, finalmente, trasformare questa brutta politica.
Una POLITICA sobria e partecipata, istituzioni snelle e pulite, partiti trasparenti, nuove facce nei posti chiave e riduzione dei costi della politica. E poi l’AMBIENTE da difendere come leva principale di un nuovo modello di sviluppo sostenibile, di attenzione al territorio e alla salute. E, infine, una idea forte di PARI OPPORTUNITA’ in grado estirpare lo scandalo delle discriminazioni di genere e di generazione che ancora ci fanno vergognare di fronte al mondo, accanto ad un’attenzione urgente ai DIRITTI CIVILI che contraddistinguono il livello di civiltà di un popolo.

Credo che per tutti noi, Bersani rappresenti una grande opportunità.
Per questo vi chiedo di votare Domenica 2 Dicembre e di votare PIERLUIGI BERSANI

Paola Andreoni capogruppo PD Osimo

Paola 51

“Sono ancora quello lì”: grazie Bersani

Abbiamo un grande segretario e sono sicura avremo un grande Presidente del Consiglio, grazie Bersani. 
Paola

Primarie Centro Sinistra. BERLINGUER,c’è chi inquina e disinforma: è quel furbetto di Renzi

C’è chi sta provando ad inquinare l’informazione e a disinformare“. Così il presidente dei garanti Luigi Berlinguer interviene contro le pagine a pagamento su alcuni quotidiani che invitano a votare al ballottaggio sostenendo che basta una mail per votare: “Ma questo – sostiene Berlinguer – non è quello che abbiamo d eciso insieme”.
Il presidente dei garanti spiega poi che “ai comitati stanno arrivando una serie di richieste di registrazioni, non singole ma seriali, e questo inganna gli elettori e turba il sereno svolgimento del ballottaggio”.
Il presidente del Comitato ricorda che “al secondo turno abbiamo previsto qualche deroga per chi non ha potuto votare al primo turno per ragioni indipendenti alla sua volontà. Sono casi eccezionali ed individuali e le richieste di votare vanno motivate perchè i comitati provinciali devono valutare la motivazione“.

Chi non sa rispettare le regole, creando confusione può essere credibile alla futura guida del nostro Paese ? Li abbiamo visti fin troppi,  in questi anni, di personaggi che hanno modificato  le regole a proprio vantaggio e tornaconto. Il Paese ha bisogno di altro. Cambiamo il nostro Paese: solidarietà, nuove prospettive di lavoro, una scuola pubblica valida, equità e giustizia sociale, diritti per tutti i cittadini, difesa degli “ultimi”, una società più civile, una speranza per i nostri giovani. Domenica 2 dicembre vieni a votare per il futuro Presidente del Governo del nostro Paese e , come me,  scegli Pierluigi Bersani

Paola

Il mondo sindacale, per Bersani

Epifani Guglielmo

Giorgio Benvenuto, Pierre Carniti, Sergio Cofferati, Sergio D’Antoni, Guglielmo Epifani, Franco Marini – ex segretari generali di Cgil, Cisl e Uil in diverse epoche – hanno firmato un documento a sostegno della candidatura del segretario del PD, Pier Luigi Bersani, a premier del centrosinistra.

«Alla vigilia delle primarie – spiegano – con altre numerose persone che hanno speso una vita nel movimento sindacale ci siamo fatti promotori di un appello per il voto a Pier Luigi Bersani. Lo rinnoviamo oggi in vista del ballottaggio del 2 dicembre, per le stesse ragioni che hanno motivato il nostro iniziale sostegno alla sua candidatura».

«Per uscire dalla crisi ed avviare un nuovo ciclo di sviluppo sostenibile e socialmente giusto – prosegue la nota congiunta – il Paese ha bisogno infatti di rimettere al centro delle sue politiche economiche, industriali e fiscali, il lavoro e i suoi diritti per creare maggiore e migliore occupazione; di lottare contro le diseguaglianze sociali e gli squilibri territoriali a partire dal Mezzogiorno; di contribuire ad un cambiamento di rotta della costruzione europea in senso progressista».
«Siamo convinti – continuano – che Pier Luigi Bersani, per le sue idee, per le sue proposte, per le prove date nel suo impegno di governo, sia all’altezza di queste sfide e possa guidare con autorevolezza ed efficacia la coalizione di centro sinistra nell’opera di ricostruzione economica, sociale e civica che il Paese attende, dato che di questo e non di altro si tratta di decidere con il voto del 2 dicembre.
Ci rivolgiamo quindi alle donne e agli uomini del mondo del lavoro come ai troppi giovani che ne sono ancora ingiustamente esclusi, perché non facciano mancare il loro voto a Pier Luigi Bersani, e permettano così di aprire una nuova stagione di speranza per l’Italia e di affermare una politica capace di coniugare il rinnovamento necessario con la solidità delle convinzioni e dell’esperienza».

Mercoledì 28 novembre 2012, Consiglio Comunale

MERCOLEDI’  28  NOVEMBRE 2012 –  alle ore 17,45  CONSIGLIO COMUNALE

Per discutere il seguente ordine del giorno:

1) Comunicazioni del Sindaco:
2) Variazioni da apportare al Programma Triennale dei LL.PP. 2012/2014  e all’Elenco Annuale 2012.- Art.128 del Codice degli Appalti;
3) Assestamento Generale del Bilancio di Previsione 2012 ai sensi dell’art.175, 8° comma, del D.Lgs.n.267/00 con contestuali variazioni al Bilancio Pluriennale 2012/2014 – Provvedimenti conseguenti;
4) Art.16, c.6bis del D.L. n. 95/2012, art.8, c.3 del D.L. n. 174/2012 e D.M.I. del 25.10.2012:  Anticipata estinzione dei Mutui Cassa DD.PP. posizioni nn: 4117189/00 – 4027460/00 – 3212354/00 – Provvedimenti conseguenti;
5) Riconoscimento della spesa relativa a lavori pubblici di somma urgenza;
6) Variante parziale al PRG per ampliamento dell’ambito di tutela EO-12 ed individuazione di nuovi Ambiti di Trasformazione. Approvazione in adeguamento al parere provinciale;
7) Adesione alla campagna promossa da UNICEF Italia “IO COME TU” – Ordine del Giorno per il conferimento simbolico della cittadinanza onoraria ai bambini nati nel territorio italiano e figli di immigrati stranieri residenti in Osimo;

8) Ordine del Giorno sulla proposta di declassamento dell’aeroporto delle Marche.

per seguire il Consiglio Comunale in diretta audio
dalle ore 17,45   di Mercoledì 28 novembre

Clicca per ascoltare

Attenzione alla scadenza delle assicurazioni auto: dal 2013 non ci sarà più la tolleranza dei 15 giorni.

A partire dal 1 gennaio 2013, il contratto di assicurazione RCA per l’auto non si rinnoverà più automaticamente, per cui non opererà la tolleranza di 15 giorni dopo la scadenza: chi non provvederà, entro tale data, al rinnovo della polizza sarà soggetto al sequestro del veicolo.
Come noto, sino ad oggi, nel caso di contratto di assicurazione RCA con la clausola di rinnovo tacito della polizza alla scadenza (quasi la totalità dei casi), era stabilita una tolleranza di quindici giorni durante i quali, se l’assicurato non aveva richiesto la disdetta, poteva comunque giovare della copertura assicurativa pur in assenza di pagamento del premio. Con la conseguenza che all’automobilista non veniva elevata alcuna multa se trovato con l’assicurazione scaduta purché entro i quindici giorni successivi a detta scadenza.
Tuttavia, una recentissima riforma (art. 22 del DL. 179 del 18.10.2012, che ha introdotto l’art. 170-bis al D.lgs. 209/2005  c.d.codice delle assicurazioni private), a tutti passata inosservata, ha cambiato questa regola. Dal primo gennaio prossimo, per tutti i contratti di assicurazione obbligatoria RCA l’assicurato non potrà più beneficiare, alla scadenza, della tolleranza di quindici giorni. Infatti, la nuova legge impedirà il rinnovo tacito delle polizze assicurative che, pertanto, avranno una durata massima di un anno. Le eventuali clausole in contrasto con tale dettato saranno nulle.
Per le clausole di tacito rinnovo previste nei contratti anteriori al 20 ottobre 2012, la nullità scatterà solo a partire dal 1° gennaio 2013. In caso di contratti in corso di validità alla data del 20 ottobre con clausola di tacito rinnovo, le imprese di assicurazione dovranno comunicare per iscritto ai contraenti la perdita di efficacia della clausola con congruo anticipo rispetto alla scadenza del termine originariamente pattuito.
Questa modifica cambierà anche le regole rispetto ai controlli effettuati dalle forze dell’ordine: chi sarà trovato senza copertura assicurativa, anche durante il “vecchio” periodo di franchigia dei 15 giorni, subirà una sanzione di 798 euro e il sequestro immediato del veicolo finalizzato alla confisca.

                             La notizia e importante informazione  è tratta  dall’ interessantissimo sito dell’avv. Angelo  Greco