Quando nel campo c’erano campioni veri.

 Ricevo da Savonarola e pubblico.

Ci ha lasciati “fornaretto”. Oggi a Roma i funerali di Amedeo Amedei.
Era il 1936 e Amedeo Amadei esordiva in serie A. Aveva 15 anni e ancora oggi il suo record è imbattuto. È il più giovane esordiente nella massima divisione del campionato italiano. È morto a 92 anni “fornaretto”, come lo soprannominarono i suoi tifosi, o anche l’ ”ottavo re di Roma” per la sua grande popolarità. E’ stato un grande centravanti, un grande campione negli stadi  e nella vita. Malgrado la popolarità non ha mai abbandonato i suoi genitori nella gestione del forno, da questo fatto il soprannome di “fornaretto”.

Quante cose potrebbero imparare da queste storie gli attuali presunti assi del calcio, a partire dal giovane Mario Balotelli.

Savonarola

Annunci

L’emergenza carceri secondo il PDL

Quagliariello:
‘Via libera all’amnistia?
Allora si applichi anche a Berlusconi’.

spero che dopo questa prevedibile e scontata uscita il PD non si divida più.

savonarola 1Savonarola

Berlusconi per un “pugno di voti”

Ricevo e pubblico questa “news”  da quel burlone di Savonarola.

Berlusconi: ” l’ho fatto pensando al mio prossimo futuro”

602938_10151248889853595_1488112152_n (1)

Savonarola

MERDE, questo sono

 MERDE queste sono.

 Colpire ragazzi delle superiori è una dimostrazione di vigliaccheria e inumanità. Ora più che mai uniti contro le mafie.
Esprimo la mia vicinanza alla Città di Brindisi e a tutti i ragazzi.

Savonarola

Anche Savonarola si è laureato

Ricevo e pubblico questo “gossip-confessione”  di Savonarola.

” Confesso, non potevo più tenermi dentro questo assillo, anch’io come il Trota mi sono preso una bella Laurea in Albania.  Mi sono Laureato a distanza in FISICA  NUCLEARE.

 
Per tutti Voi che non avete avuto nella vita tempo per studiare, o per chi ha avuto a scuola problemi di socializzazione e di allergie nei confronti dei libri, vi INVITO  ad entrare in questo  sito dove potete prendere una laurea a distanza, senza obbligo di presentarsi agli esami.  Ciao a tutti i futuri colleghi dottori. “

Savonarola

Ai tanti, autentici, amanti del calcio

 A quanti amano il calcio, quello vero, con le sue bellissime storie, raccomando la lettura di un libro da poco uscito nelle librerie: Un ragazzo giapponese.
Il libro racconta la storia di Yuto Nagatomo. Forse solo i tifosi interisti come me sanno chi è questo giocatore. E’ un terzino dell’Inter, è uno dei nuovi talenti asiatici approdati nei campionati europei. Idolo in patria e molto amato anche dai tifosi italiani che apprezzano la sua dedizione e la sua grinta in campo. In questa autobiografia Yuto ripercorre la sua folgorante carriera calcistica, dall’infanzia difficile dopo il divorzio dei genitori, all’esordio a ventidue anni nella J-League, la serie A nipponica, fino all’arrivo in Italia e alla maglia neroazzurra.        Savonarola

La storia insegna

 Quando i plebei iniziarono la loro lotta contro i patrizi romani, Menenio Agrippa passò alla storia per questa sua famosa arringa:
« Una volta, le membra dell’uomo, constatando che lo stomaco se ne stava ozioso [ad attendere cibo], ruppero… con lui gli accordi e cospirarono tra loro, decidendo che le mani non portassero cibo alla bocca, né che, portatolo, la bocca lo accettasse, né che i denti lo confezionassero a dovere. Ma mentre intendevano domare lo stomaco, a indebolirsi furono anche loro stesse, e il corpo intero giunse a deperimento estremo. Di qui apparve che l’ufficio dello stomaco non è quello di un pigro, ma che, una volta accolti, distribuisce i cibi per tutte le membra. E quindi tornarono in amicizia con lui. Così senato e popolo, come fossero un unico corpo, con la discordia periscono, con la concordia rimangono in salute. »
Oggi qualcuno dovrebbe spiegare ai moderni patrizi della finanza che se accoppano il popolo riducendolo alla fame, non mancherà molto anche alla loro stessa fine.
Menenio Agrippa docet…