Osimani …personaggi, modi di dire e altro

Daniela Guercio 1

Una nuova tendenza è scoppiata pochi giorni fa e in un lampo si è propagata dal Trentino alla Sicilia. Su Facebook va di moda la nostalgia, formato 2.0: la nascita dei gruppi «Sei di… se», cresciuti come funghi per dare voce ai ricordi della sterminata provincia italiana. In estrema sintesi: un utente crea un gruppo dedicato a una città e a un paese e invita amici e conoscenti, tutti uniti dalla stessa origine e, a seconda delle generazioni, dallo stesso vissuto. I vari utenti iniziano quindi a scrivere amarcord, a postare foto del passato, a celebrare luoghi che non esistono più, a omaggiare personaggi più o meno noti, fino a spulciare l’immenso e colorito «dizionario» delle espressione dialettali. Alla giostra della memoria condivisa partecipa attivamente anche Osimo: il gruppo dedicato al, «Sei di Osimo se…», osimanizzato in «Sssiddd’Osimo se…» è stato fondato domenica e nel giro di poche ore ha già raccolto l’adesione di oltre 1.500 iscritti, destinati ad aumentare ulteriormente nelle prossime ore. La  fondatrice dell’edizione osimana del gruppo si chiama  Daniela Guercio. Nel giro di poche ore gli utenti sono cresciuti a dismisura e la bacheca si è riempita di post, ce ne sono circa 3mila. Gli aneddoti in bacheca si sprecano. Giovani e meno giovani, dagli under 20 agli over 60, fanno a gara a scandagliare nell’archivio della propria memoria, per lasciare una traccia di «identità osimana» che altrimenti rischierebbe di scomparire. Sei di Osimo se… « se facevi le vasche in corso », scrive un utente nostalgico, oppure «se hai fatto benzina dalla Baffona», «se hai visto il leone di Osimo Stazione»..ecc. Nella galleria dei ricordi rientrano luoghi scomparsi (il Cinema Concerto, per esempio, ma anche tanti bar e negozi che hanno abbassato le serrande), avvenimenti storici (il terremoto, la festa dei fiori) «macchiette» che in tanti ricordano con affetto, o personaggi che hanno segnato un pezzo indelebile della nostra storia. Emerge la memoria della nostra città, una memoria tramandata oralmente che non si trova negli «atti ufficiali». Sarebbe bello pubblicare un libro con tutti i contributi degli utenti, magari dividendolo per sezioni, e poi devolvere il contributo a uso sociale per migliorare la nostra amata città. Provo a mettere su questa pagina alcuni interventi fatti, a mio giudizio più significativi. Buona lettura e buon divertimento.                                     _________________________________
1. I vocabolari e le grammatiche
Se coniughi correttamente il presente indicativo di 3 verbi: 1) FA’ (fare) Io fago ; 2) DA’ (dare) Io dago; 3) ‘NDA’ (andare) Io vago. (by Franco Graciotti)
*****
Se sei de Osimo il plurale de dito non sarà mai dita ma didi!!!!! (by Matteo Petraccini)
****
Se de Osimo se per te il verbo prendere é:
Io pio
Te pii
Lu o Lia pia
Nò piamo
Vò piade
Loro piane…  ( by Micaela Trovarelli)
****
VOCABOLARIO ITALIANO – OSIMANO SU ALCUNI TIPI DI ANIMALI :
-TACCHINO = DINDOLO ,
-RATTO = PENTEGANA ,
-CONIGLIO = CUNILLO ,
-COCCINELLA = MARIOLA ,
-MUCCA = MUNGANA ,
-PANNOCCHIA = STRAPPALABBRI,
-CIVETTA = CIUETTA ,
-RAMARRO = RAGANO ,
-GALLINA OVAIOLA = FIOCCA,
-COLEOTTERO = BAGAROZZO !!,
-MOSCERINO = MUSCELLI’,
-ROSPO = CIAMBOTTO , !!
-SE A CALCHIDU’ SE NE ‘RCORDA ‘NANTRI PO’ CE LI DIGA ! ( Alberto Antonangeli) …
-TRIGLIA= ROSCIOLO,
-CALAMARO=TRUFELLO ( Rossana Rossini )
****
mattone/mado’
bottiglia/budia ( Maurizio Fabbietti )
MAGLIONE= MAJOTTO ( Massimo Catena)
BRIVIDI= STRUMBOLOTTI ( Massimo Catena)
BASTONE PER PIGIARE L’ UVA = SDABBIO ( Alberto Antonangeli)
****
verbo arrivare:
io rrio
tu rrii
egli rrria
noi rrriamo
voi rriate
essi rriano……. (Alessia Santarelli)… Egli = lú. rriano o meglio rriane (Daniele Bartolini )
****

 

 ___________________________________
2. I proverbi e i modi di dire
Ai tempi de mi nonna quando moriva un contadì: Chi è morto?  Niscù, un cuntadì!
*****
se de Osimo se sei nerto 3 dedi (by ChiaraEvvivaMayaMilone)
*****
” nun te sciatta’ che te pija npertante’ ” ( scrittu da Andrea Javier Franchini)
*****
………..se quanno te truccai un po troppo te diceane: “me pari la PUPICCHIA!” (Monica Fabiani)… O la pupa de biroccio (Luca Galletti )
*****

…se te piace a fa il cacciò ( Marcello Martedì)
*****
non è che il rubinetto perde, ma la cannella nun stagna ( Simonetta Antonelli)
*****
Quando non devi andare da nessuna parte, dici “NVELLE” ( DjShy Horizons)
*****
O nì ma cu te sai sgrizzado la camigia?!? (Giacomo Giacchetta)
*****
nun sei de osimo se da bardascio nun i preso un paro de schiaffi quanno te sbrudulai ..e te diceane .. zacculo … frittello.. (Vito Catozzo)
*****
…non sbucci la frutta e pulisci la verdura, ma genericamemte la CABI (Daniele Bartolini) *****
Il muratore ddosimo non intonaca ma scialpa! (Giacomo Giacchetta)
*****
E se ve digo che i somari legadi sa le salsicce non se troane…. ( Maurizio Baleani)
*****
I quadrì manna l’acqua pe’ d’insù. (Alessandro Falcetta)
*****
La madina tei prati ce sta la guazza ( Matteo Pallotta)
*****
se almeno una volta nonneta ti ha detto: “A cujo nini’ ” (Alessia Bragoni)
*****
se quando non vedi l’ora che arriva il momento dighi: inun me sa mianni (Marinella Mon )
*****
Per indicare una quantita usavi queste misure: un boccó.. un goccio..multi bè ecc.. ( Jessica Jessy Love Simonetti) … Un dido, un tantinì.(Fabiola Vigiani)
*****
…..tanne detto mai “sta ntel tua che io sto ntel mia” (IIole Coppari)
*****
…se ce sei rmasu male quannu hai scuperto che in italiano le calse erane i calsetti…. (Andrea Javier Franchini)
*****
Se non sei un tipo piccoletto e magrolino ma… ‘no sgrancio!!! (Lucia Antellini) … sai rincignido ( Monica Vaccarini )
*****
nn ciai le scarpe infangate, ma smaltade ( Andrea Barbadoro)
*****
Nun te buttane per tera, te CCOLCANE! ( Krizia Canalini )
*****
Se quando pulii dobrai la SPARA.!!! ( Marco Frontalini ) … e per fa le faccenne la parnanza!! ( Marco Andreucci ) … e pe ndà a scola te metti il parnanzò!!! (Fabrizio Jack Pietroselli) … dobri lo sparò e te metti il sinale!!!! ( Dona Pietroselli) … Se verso le 13 pulisci le scanzie ( Andrea Starnari) e anche la credenza ( Paola Andreoni)
*****
al tappetto ie se dicea pure “si alto un c…. e un barattolo!” ( Sonia Biondini) … e’ vero pero’ a Lucia nun ie lu dimo che senno’ ie va via il latte… ( Monica Vaccarini )
*****

se dice pure: ma pari un pedocchio rifatto! (Luca Giardinieri )
*****

Un cincigo..! ( Krizia Canalini )
*****
siddosimo se….almeno na volta i ditto je manca na rodella? ( scrittu da  Cerasella Strappini)
*****
se caschi te ce meno sopra (by Tina Franchini)
*****

Non capisci nie’ nemmeno quanto si longa….me lo dicea nonno Anto’ il sartore de san marco. ( by Nadia Vignoni)… io lo digu pure adesso ( Mari Mari Marinella )…
*****
Si brutto quanto un colpo me pari una ciuetta! ( Nadia Vignoni)
*****
Sei di Osimo se tua nonna ti diceva: ” Se non stai bona tiro fori il rasagnolo!” (Federica Carletti)
*****
Se non sei disordinato ma sciamannato!! ( Gioia Cingolani)
*****
… a una che discore troppo glie dici “cu sei na battistangola”? (Fabiola Vigiani)
*****
SARO’ BREVE : SEI DI OSIMO SE CI SI’ NADO !!!!!! ( Alberto Antonangeli)… ahahha! è breve ..ma la disce longa! ( Ombry Graciotti)
*****
Sei de osimo se ….canti staccia stacciola !!(Raffaela Falappa) … buttela giù de fora (Elena Magnani )
*****
Se perdi tempo te “TRASTULLI” ( Antonella Picchio) … o anche Te lolli…( Lucio Comodi) … Te lalleri. ..( Antonella Picchio) … Comunque qui me pare che ce stamo tutti a trastulla’ ….!!! ( Antonella Picchio)
*****
Quando te fidanzai con qualcuno se dicea.. Quello fa l’amore sal fio de (Marzia Fava) … quando avevo 17 anni, stavo spesso al telefono con la mia ragazzina. Mio padre a volte mi redarguiva dicendo: “….non voglio che fai l’amore per telefono!!!” …..se se poteva fa l’amore per telefono, sai che bollette!!!!!! (Piero Principi)

*****
se mammeda quanno facei a cagnara co tu fratello te minacciava: se nun ve la fade finida ve do du boccadó (Jessica Jessy Love Simonetti) … dò a dò finché nun enne dispari!! (Alessandra Re)
*****
se quando vai su all’ospedale a pia’ le analisi te dighene che c’hai il polistirolo alto ( Massimiliano Baldoni )
*****
… se al posto de dì “me scivola le scarpe” dici “me sbigia le scarpe”!!!! (Emanuela Formiconi)
*****
se quanno eri piccola e facej ncazzà a babbeto te dicea stasera te manno a dormi’ scalza!! (Sabina Pucci)
*****
cus’è t’ha muccigadu la pibidula (Argentina Graziosi )
*****
sei de Osimo se per indicare tra 8 giorni dici….oggi a 8 (Alessandro Elisa Figoli)
*****
Se vuoi vede un matto a cantà, quando magna e quando va il pà ( dittu da Ellie Lolle Giampieri)
*****

Se hai sentito dire mi fai un Sughe’ ( dittu da Marcello Ginevri)
*****
Me fa male lu stommigu. .a sentitte ( by Antonella Picchio)
*****
Osimo e’ bello, Castello e’ segredo.. Se voi i ladri vAi a Loreto… ( Cristian Carletti)
*****
“stai attento quannu vai gioppe la costa del borgo che sbigia”!!! ( Silvia Simoncini)
*****
si d’ Osimo se… tu nonna ndacea a guernà i cunilli!!! ( Melissa Mels Pesaresi) … e pure i puji e i porchi….. (Margherita Luna )
*****
Se tu madre dopo uno spavento te diceva: Me fai venì i fantioli ( ( Lorella Ricci)
*****
… a casa c’hai la stanza dei ciaffi ( Daniele Bartolini)
*****
cazzarola…..  hai finito de sgaggià?? …. se porti: I pontalò a cagarella… ( scrittu da Marcello Martedì’)
*****
ma bada a caminà…!!!!! (Laura Mattioli)
*****
…se hai un’unica definizione per:
– Terra smossa dall’aratro in forma grande e indefinita
– Persona che non è rapida nella comprensione scolastica e che ha difficoltà nel decifrare le cose che gli vengono dette. Risposta ?… Zuppo!!! De tera!!! (Monica Vaccarini)
*****
Se…te viè il latte ‘ntei ginocchi (Marzia Fava)
*****

OH! ANCO’ CAMPI ?!? ( by Davide Carlini)
*****
nun è acqua che cure i fossi….ecce da spartì…t’ ho datto una briscula …(scrittu da Monna Lisa)
*****
…semo fatti cusci (dittu da Andrea Javier Franchini)
*****
Sei de OSIMO quando entri in un bar e dici :” Me dai na’ budietta d’ acqua pe’ mi fio ? ” !!! (by Alberto Antonangeli)
*****
il fiato buttava all’indietro (by Andrea Graciotti)
*****
deqqua’ e delaa’ ( Andrea Javier Franchini )
*****
…se “chi se lillera non lallera” ( dittu da Chiara Lorenzetti) … un po’ la parafrasi di “chi non risica non rosica” o “chi dorme non piglia pesci” insomma…( Ellie Lolle Giampieri )
*****
… o anche senza lilleri non se lallera… ( Olimpia Romagnoli )
*****
Sei d’Osimo se tu marido e’ abruzzese e quanno je parli in dialetto non te cabisce!! Ahahahah ( Francesca Marconi)
*****
…..compraje il dizionario dei sinonimi e contrari!!! ( Gioia Cingolani)
*****
Quanno da ragazzini se andava cò la bicicletta giò pe lo stradò de Campocavallo (Carla Carletti)
*****
Se dopo un lavaggio i majotti te diventava na codiga ( Nadia Vignoni )…. perché te s’è ‘nvalcadi ! ( Fiorella Borsini)
*****
Se un chioppo è il contrario de un cocchio’ ( Eleonora Porru)
*****
Avoja ( Cilè)
*****
manco un paro de calze co un cabotto ciò da mettemme ( Cinzia Guerrini)
*****
Alcune imprecazioni, quelle che se possono dì: che te piasse un bè; che te pia un colpo; possa piatte u’ sboccu de sangue; e ultima, ma non meno importante: possi arde come la canfora. (llie Lolle Giampieri) …possi spudà le bullette!! (Andrea Pesaresi ) … mannaggia a Grillantì del domo! … Nonna diceva anche “che te possa cascà la sottana“(Chiara Lorenzetti) … che te piasse pepitola (cu vole di’ ? Boh ) (Valerio Pietroselli ) … la fr..na de mammeda! (Ellie Lolle Giampieri) … nonna me n ha sparata una una volta che ancora ce rido, ma lì avevo fatta proprio imbestialì: “la trippa de nonneda, qula puzzona che te fa campà!!!” (Ellie Lolle Giampieri ) … se dici che te piasse la cagarella a fischio!!!!!! ( Irene Trucchia)… te mpiccigo ntel muro  (Marinella Mon ) … …..te fo fa la fine del cá de Zagaglia (Marchetti Massimo)… E del ca’ de brega (Luca Galletti )
*****
te metti sotto la meriggia ! (by Valentina Frontalini)
*****
Sei d’ osimo se… Hai voluto la bicicletta ade’ pedali (Alessia Bragoni)
*****

Lei sarà sempre e solo “LIA” (by Valentina Bottegoni)
*****
le galline de li casa t’hanne fetato ( by Daniele Sampa)
*****
 tu madre te dicea  lavvade perché c’ì la grascia ( by Stefania Cecconi)
*****
… di un padrenostro a San Clemente che te lo lea dalla mente !!! . A me mamma me lo dicea sempre, quando volevo qualcosa e non me lo volea comprà ( by Tina Franchini)
*****
le cerque de Pierucci non ha fatto mai i melaranci ( by Margherita Maccaroni)
*****
sei de Osimo se e solo se sei nzenza testa !!! (by Luca Guercio)
*****
…oh Ninì il Porco enne sadollo.. (by Andrea Basconi)
*****

sei de Osimo se scambi i percighi per i bricoccoli ( by Laura Pettinari)
*****
Se la pesca la chiami pèrcigo ( by Alessandro Falcetta)
*****
sei d’osimo se hi nteso a sgrulla ! ( by Riccardo Graciotti)
*****
Si dd’Osimo se .. usi la piedra pomige pe scarcagnifigatte i calcagni! (by Ombry Graciotti)
*****
a uno che fa ‘na sciaperia je dici … ma cu c’hai la testa pe’ spartì le recchie ? ( by Francesca Marinelli)
*****
i quadrì manna l’acqua pe’ d’insù ( by Luca Marra)
*****
Lippede Oppede (by Matteo Petraccini)
*****
…ndu’ stai de casa?…pi garbigneri.. – via marcelletta – ( dittu da Andrea Javier Franchini)
*****
Te se ‘nfoga la tosce ( referidu da Anna Laura Leoni )
*****
…… Chi Cia’ la moglie bella sempre la guarda chi Cia tanti quadri ‘ sempre li conta !! ( dittu da Daniela Eusepi)
*****
per andà in piazza o a scola PIAVI LA CURRIERA (by Marta Braconi)
*****
na budia de bira (by Michele Cingolani)
*****
l’asino m’ha dittu recchiò ( by Luca Ghergo)
*****
è rriada lia (by Lucia Pagliarecci)
*****
Se quanno vai a magnà fori e spenni tanto…hai preso NA STAGGIATA… ( by Alessandro Falcetta)
*****
Chi cia avuto i fantioli da piccolo? ( by Nadia Vignoni) … ei schioppi ? ( Nadia Vignoni ) … anche le schiaffene? (Roberta Guevara De Angelis )
*****
Le moroidi a grappolo ahahahahah ( Eleonora Porru )
*****
Sei de osimo se sai le storielle del cavalier medeo…( Leonardo Carlini)
*****
sei d’Osimo se almeno una volta hai “chiappado le zille” o hai fatto il “ciambotto” ( by Michela Monti)
*****
sei de Osimo se non dighi pa’ cu l’oglio …senno sei d’Ancona ( by Alessio Baldoni)
*****
 l’edugaziò sta be dappertutto!! (by Irene Luchetti)
*****
Se….con la maghina passi sotta le mure! ( byMarta Braconi)
*****
sei de Osimo se ogni tanto tiri giò du “reghe materne” e quando preghi in latino dici “tura sta brugna” (rispettivamente: requiem aeternae e turis eburnea). (by Ellie Lolle Giampieri)
*****
…..se nonneda tha ditto mai na volta :’ardade li…..me pari nó zacculó !!! ( by Cindy Giuliodori )
*****
…te do’ un boccado’!!!! ( by Emanuele Caporalini)
*****
Non sei di Osimo se ‘ntanne menato mai co la ” GUIZZA ” o la ” RUSTIA ” cume faea dole!!! (Alberto Antonangeli)
*****
L’avete mai sentito di che c’avete li occhi più larghi de la bocca!!!! ( Sandro Moroni )
*****
…. Se per te “la pantegana” non è solo un topo di grandi dimensioni come per tutto il resto d’Italia (Marco Caporalini)
*****
…se ce si nadu  o !!..(Sonia Graciotti)
*****
c’entra…come i cavoli a merenna (Gioia Cingolani )
*****
…se dighi “cucciai ‘ntel cervello, i brecci?” (Giuseppe Saluzzi)
*****
maiotto de lana, cabotto maietta giacchetta, giacchettì, cabuccio, beretta scialpa, calze corte, ciavatte, scarpò, mudanne, calzetti.(Lucia Gatto)
*****
…nun c’hai un ripostiglio, c’hai ‘no sgabuzzì!……e ce lassi tutto, quanno dei da na sistemada… nun butti via gnè …di’ pure che quanno butti via qualcò…dobo te serve . (Luca Ghergo ) … sei d’Osimo se c’hai il diedro cucina….. no il tinello (Alessandra Antonella)
*****
Siddosimo se quanno vedi…dò che se bagiane…dici:guarda.,.quelli CUME SMOREGGIANE….! ( Andrea E Paola Miconi)
*****
Ho magnado abbestia, mesa’ che me se slaccia il belligo (Alessandro Appolloni)
*****
Datte una raccolta su’ se dicea ai trasannati (Nadia Vignoni)
 *****
Se…..a un fiolo gli dici…..nun te stragina’ per tera! (Marta Braconi)
 *****
Se te ricordi de l’anima de bombetta … Guarda che viè L’omo nero… Mantade che te pia freddo … Te do un boccadò che te giro la faccia  (Lorella Ricci) … Te do un boccado che te giro la faccia me sa che lemo sentido tutti e se ce penso me dole pure la faccia ( Nadia Vignoni)
*****
Se per di’ basta dighi lassanda’ (Giacomo Antonelli)
*****

…siddonca!!! ( Laura Frontini)

*****
Se quanno giugai a pallo’ e nun ce chiappai cei i pia cumu ‘na melangola e parea che tirai le mele al porco ( Giacomo Antonelli)
*****
siddosimo se dici….:è NA PASSADA..CHE ME PARE CHE A QUELLO JIE S’è…N’ACQUARIDO IL CERVELLO!!!! ( Andrea E Paola Miconi)
*****
in Osimo non cè i pioppi cè i bedolli ( Alessandra Antonella)
*****

Porca madina …Domà Se torna a tribolà!!! ( Roberto Marrocchini)
*****

quando t’arrabbi diventi trista rabbida !! (by Eleonora Porru)

*****

si d’osimo se almeno na volta tu nonna ta detto: si un diaulo de monello!! (by Riccardo Graciotti)
*****
“Ndu si ndato ?”, “invelle” “Cu i fatto ?”,  “Gnente”,  Chi i visto ?”, “Gnisciù”. (by Giorgio Magi)
*****
Ce rvedemo a fighi maturi…..e se te ce pizzigo, te stacco le recchie (by Luca Baiocco ), te imparo io…..quessa n’do la metti??!? (Giordano Giobi)
*****
se quando giocavi fuori con gli amici, poi tornavi a casa e tua madre te diceva “Guarda, te sei SBUSSOLADO tutto” ( by Silvia Donati)
*****
…possi morì rabbido ( by Eva Serrani)
*****
Se per imparà a sonà andavi da Dodo ( by Monna Lisa)
*****
Bocca drentu che tira curina … O ninì bada a caminà ( by Matteo Pallotta)
*****
se stommigo era sinonimo di pancia … se c’ hai avuto gli schioppi e pure gli spinarelli ( by Monna Lisa)
*****
Mia nonna diceva: “quanno si giovine dei trilla’ ntu’ quadri’ ” ( by Anna Laura Leoni)
*****
Se porti le mudanne longhe o la maia a mezze mannighe! (by Giorgio Graciotti)  O i mudanno’ de fustagno !? ( Rossano Lardini )
*****
…se sai cu significa sta a culopuzzò…, ( by Chiara EvvivaiMaya Milone)
*****
quannu te cascaa 100 lire ntela guggetta ttaccai su’ nsbrego’ ( by Andrea Javier Franchini)
*****
Gli insulti simpatici:  O sciapigotto ,traffighì,ciambottò  (scrittu da Monna Lisa)
*****
…Oh cioffia sul fogo se no se studa ( Luciano Francioni)
*****
EDE BEUDO MAI EL VI’ ” TROBBIDO ” ? (Alberto Antonangeli)
*****
ER DEFINIRE UNA PERSONA NATO IN BAMBAGIA = SEI NADO SOTTA NA’ CRINELLA ( Alberto Antonangeli )
*****
quannerimi piccoli faceamo i aquiloni sa le breghe de canna ( Stefania Giachè)
*****
C hai fame?magna le rape..c hai sede?piscia e beve..c hai sonno?pizziga a nonno.. ( Sandra Zacconi)
*****
fiideddio l’e’ tardi..vago a dormi che domà se rcumincia. bonanotte! (Marco Andreucci)
*****
Se coji le ceregie, i percighi, i bricoccoli, i melaranci, le brugne e i brugnoli, i fighi a core, sei sempre nnerto un palmo ( Alessandro Appolloni )
*****
bucade su che ve rompo du custarelle, el c,,,,.c’e’ buccaa ( Filiberto Diamanti)
*****
se quanno tu fio gioga invece de fa i compiti je dighi studia invece de badurlatte (Arianna Serpilli) *****
oppure spiccede nun te lillà ( Argentina Graziosi ) …trastulla’ pure. (Gianluca Petraccini )

*****



 ___________________________________
3. I Cognomi
il cognome più diffuso ? Secondo me se la battono Ghergo, Giacchè, Giuliodori, Polenta, Catena, Graciotti (srittu da Monna Lisa)
*****
e i secondi cognomi ?
– Giuliodori=Strozzaca’
– Antomario’ Baffetti=Magnalardo
– Cesaretti=Toccaceli vediamo chi mi segue (Maurizio Fabbietti)
– quattrini-caporà (Marco Andreucci )


 ___________________________________
4. Personaggi
Pattadina ce se andava a fa merenda
*****
Pupicchia
*****
Giovanni il figlio del fornaio di via Capuccini, grande tifoso dell’Osimana
giovanni il fornaio(by Antonietta Lombardi)

*****
Maria de Venezia  – era l’ infermiera -… me la ricordo Maria de Venezia…e Maria la calicina ? Mi fratello la chiamava la gazzetta de San Marco …aveva un negozietto davanti la cannella …incrocio via cappuccini vicolo del Carmine.. ( dittu da Fiorella Borsini)
*****
Antonina …la matarassaia
Antonina*****
Amleto Gregori
*****
Andreoni Fausto profumeria e regali
Andreoni*****
Bar de Spartico Sei de Osimo te ricordi il bar de Spartico? ( Silvano Verdolini) e della moglie Rumilde ( Argentina Graziosi) … Pisciò….nooo… era la moje de Spartigo quello del bar davanti al cumune….abitavano al borgo….però non so se pisciò aveva la moje che c’avea lo stesso nome … Non me ricordo …Argentina ..sicuramente hai ragiò te ( Mirella Galassi) … Per conferma chiediamo aiuto a Silvano Verdolini che ne dici? ( Argentina Graziosi )… a de magna lasselo fa ( Mirella Galassi ) … sci sci tantu nun cemu fuga ( Argentina Graziosi) … duvemo fa passà el tempo…che dighi (Mirella Galassi ) … e menu male…a no ce basta pogo nun semu predenziose…ce divertimu pure cuscì ( Argentina Graziosi ) … a no ce basta na pacca de fava per facce ride (Mirella Galassi)
*****
COLLURA che po’ saria stado il padre de Mariuli’… l’omino che riparava gli ombrelli (te li veniva a prende) e regalava a noi fioli le fave secche ( Lorella Ricci)
*****
FEO e il suo motocarro
Feo(foto by A.Scarponi)
RAFFAELLA oggi meè venuta in mente anche Raffella quella che stava in un vicolo de via pompeiana e ch aveva una stanza piena de conigli e polli e li volevi te li mazzava e pelava pure!! ( Sabrina Montecchiani) … è vero…e d’estate puzzava tutto il vicolo ( Nadia Vignoni) … stava in via scalette ( Marina Marra)
*****
SILVANO Il ferraro giù pe la discesa del borgo che te faceva il letto cone te parea ( Nadia Vignoni )
AAA.. la fiola è Marina che sè sposata con morei quello che giogava ntel osimana!! ( Sabrina Montecchiani)
*****
Cecci per comprare una vespa o ‘n lambretta, una volta qualcuno comprava anche un Simonini ma erano altri tempi
*****
Mariolì che andava dietro alla banda…..tutte le mattine Mariolì aspettava noi bardasci davanti l’ingresso della scola Bruno da Osimo (by Antonella Marchegiani)… …se te ricordi de quanno Marioli’ dicea ” spia de le guardie!”. (Franco Graciotti)
*****
Bruno il carceratino era
la guardia che tenea sotto controllo i pori carcerati osimani, c’emi pure quelli quannu Osimo cuntava qualcò,  c’aemi fino a 40 posti a dormì, omini e donne. Dopo la storia la sapete com’enne ndata a finì:
– anne chiuso i carceri lucali e adesso sti poretti de’ delinquenti  stanne tutti mucchiati a Mont’Acuto;
– Bruno che c’ea un mestiere tra le mà, ha perso il postu e la stessa sorte è tuccada a quel puretto del fijlio che  ja toccato a nventasse un mestiere novu se messu a vende i mutorì ( avriede capito che parlo de Cecci, … lu speru);
– al posto del carcere c’aemo le poste… ma tutto summadonun ce ndata male le impiegate nun sò malaccie, quanto me piace quella che viè da Camburà.
*****
Attlio de Gaggia
 tanti gli aneddoti, come quello che la madre lo voleva mandare a comprare 5 chili de pattade, allora lui ia detto e do le metto, la madre ia risposto tel cappellì, o quanno sera magnato 72 pacche de melancià, la moie quanno se è accorta ia sgacciato e lu ja risporto ma c’era pure ninì, peccato che aveva un anno,  ninì.
*****
Belegno vendeva le ligurizie.  Anzi le lugurizie da Belegno !! ( scrittu da Alessandro Catena)
*****
Baghetto
*****
Lella de Campanelli 
*****
La Bozza il pittore
*****
Le Pupille
*****
il Babano che c’avea la sala gioghi sotta a Lombardi (ricordado da Silvia Barbadoro) Ma facea pure il portiere dell’Ospedale. Non ce vedeva gniente. 
*****
La matta de Giardignieri
Osimo 456
( by Antonio Scarponi) ero fedò, me la rcordo pogo, adesso finalmente so a chi mi paragonavano da ragazzetta quando mi mettevo qualcosa di stravagante! , quannu ‘ndao a scòla la vedei sempre gioppe ‘l vigolo de ragiuneria. Oppure tante le ‘olte pure in piazza, ma sempre cu la mantella nera che c’èa taccade tutte cu le decuraziò, le medaje e medajò, nastri e buttò e sonajoli.  L’ ho sentita nomina’ , mamma me dicea ma ndovai vestita cosci’ …mè pari la matta de giardinieri…  la chiamamie la matta ……La matta de giardinieri! Il giovedì dopo il mercato andava in giro a raccogliere buste e scatolini! (Anna Osimani )
*****
Il dottor Pasqualini, che ha fatto nascere mezzo Osimo, piccolopiccolo, con la 500 bianca con gli sportelli che gli aprivano al contrario (by Antonella Picchio)
*****
Cardiali Achille
3*****
I Predi de Osimo
Se t’ ha dato la comuniò Don Candido , don Moreno , Don Vittorio… (srittu da Monna Lisa)  … e Don Guerriero, Don Luciano Lucianetti, Don Franco Saraceni, Don Claudio Giuliodori e sopratutto il filosofo Don Domenico che se non c’era Nuna che je facea da pranzo, astora, era morto de filosofia ( ricordato da Cilè) … se cei j anni de recubero scolastico da fà perchè non te ne ndava de studià nun t’andai a confessà ma ndavi  da un altro prete che te truaa la risoluziò: Don Geronzi ( ricordato da Cilè)… e sci ma troppi n’ha fatti passà ( Argentina Severini) …se sì ‘nado al camposcola con Don Moreno e tutti cercavane de tajaje la barba, na volta emo provato pure a metteje i sonniferi nell’acqua, dopo non s’è svejato pè portacce a vedè l’alba, ma nusciuno c’ha avuto il coraggio de tajaje sta barbona!!! (Silvia Cecconi) 
…sei de Osimo se i conosciudo padre Marcello e padre Biagio li la Misericordia ( Mauro Tarantelli) …se volei la raccomandaziò allora ce volea padre Biagio (Mauro Tarantelli )… chi non daa alla messa de domeniga padre Marcello li ndava a pià al bar del borgo col cordò ( Mauro Tarantelli )
…. quanndo i preti se vestiva da preti e l’acqua del fiume se potea beve. a Don Aldo
2gg( Franco Graciotti)
… Don Carlo Grillantini storico osimano
8
Don Qirino  qualche anno prima
1(foto di Cantori Bruno)
Don Vincenzo Fanesi


*****

Bombetta
*****
Catena la levatrice 
Siddosimo se la levatrice era La Terza!! (by Francesca Marconi) ha fatto nasce mezzo Osimo…noi semo tre tutti lia c’ha fatto nasce e poi a casa!!! Adesso c’è Paola che fà nasce n’altro mezzo Osimo
*****
Astro Matassoli grande maestro di calcio osimano
Astro(by Marco Mantini)
*****
Sgrullapulci
*****
Nannò
*****
Paolo de Piazzì, il ciclismo fatto persona ( by Ross Polverini)
*****
Fattorini ( il vecchio) alle partite della Lenco davanti agli ultras c’era Fattorini che sgaggiava ( by Corrado Dentamare)
*****
Rubicche, do c’era una corsa de biciclette c’era Rubicche ( by Lorenzo Bottegoni) … foto by A.Scarponi
1966958_10202104421469833_1348856728_n
*****
Garibà il sarto de San Marco sempre con il suo cagnolino
Lulli il sindaco de San Marco Garibaldi il sarto( by ditta Poldo)
*****
Peppe de Biscia
*****
Paccamiccio
*****
La Farmacia Bartoli 
50*****
Carla dentro la piazza dell’erbe ( by Lucia Bambozzi)
*****
La Corale Borroni, Padre Virgì e Padre Venanzio con la Corale de San Francesco…… Più de 40 anni fa!.
corale(by Raimondo Orsetti ) in alto a sin. maglietta bianca dalla quale escono i pizzi della camicia Marchegiani Stefano il mitico stopper della Libertas ( Celestino)
32
*****
Medeo, pensionato Inpesse ( by Andrea Graciotti)
*****
Magnafichi Si Siora, detto anche Figana, al secolo Franco Vigiani frutta e verdura in piazza. Figana 2Nunzia Marchegiani Grande commercianti, ti vendeva anche quello che non aveva! (Nunzia Marchegiani) …faceva le vetrine sempre con i doppi sensi…. con le zucche!!! che lenza che era..!!!!  …..ve lo ricordate quando suonava nella banda? tutto roscio? e quando luccava nei matrimoni: VIVA GLI SPOSI!! c’aveva una voce forte che faceva paura ( Antonella Picchio) …un pò carestoso!!!!! (Monica Russo) … gentile era gentile….ma più che andà a fà spesa dan fruttoparea de boccà nte noreficeria…( Tatiana Leandri ) … Si siora prego siora guardi che bei finocchi abbiamo oggi metteva in vetrina certi diavoli lunghi non lo so’dove li trovava ( Gianluigi Cenci ) …a boutique della frutta!!! ( Federica Gatti )
*****
Aldo, Libero e Ceroli se sei de Osimo du si ndado   a fa benziana: da Aldo al borgo, da Libero al largo Trieste, da Ceroli vicino Casali. Libero , dei 3 archi, Te facea pure da vigile quanno ‘rpartii (Valerio Pietroselli )
*****
Bicchierola
*****
la SASSETTA stava sul Duomo, commudava gli ossi ( by Sabrina Montecchiani)
*****
Mazzaferi  il maniscalco gioppe la costa del Borgo ( Valerio Pietroselli)
AS*****
Mario de zillò il sarto
*****
Peppe de Paccazzocco
*****
quando ero piccolo io dico 3,anni, c’era un fotografo che ie’ dicea papa arduino marchetti,lui riparava gli elettrodomestici per campanella, e la domenica facea le foto,lui ha immortalato i fioli de mezzo osimo,te ne fo vede una
osimo98( by Filiberto Diamanti )
*****
Milio Andreucci
*****
BARBINA
Chi voleva la buona farina andava dalla “Barbina”
25*****
Del Colle il vecchio di Del Colle che regolava l’orologio della torre. E che a mezzogiorno quanno gli addetto del comune davane da magna’ ai piccioni tutti noi fioli co la testa peraria contenti …… Che bello e ogni tanto ma manciata de granturco lo damie pure no !! ( scrittu da Alessandro Catena)
*****
I BARDASCI de via cappuccini 
*****
I patiti delle fuoriserie in assoluto PeppeBello ancora oggi viene in piazza de domenica con il super lucidato BMW 735i anche i figli non erano da meno, famoso era anche Metano così soprannominato, poi c’era Gino de Pistello con la sua maserati, per arrivare ai giorni nostri e pensare a cecconi&accoroni con le loro ferrari, lo status simbol ad osimo ha sempre contato molto, anche per la convinzione di rimorchiare ( by Antonio Scarponi)
*****
CAMPANELLI Antonio Campanelli, con i figli e gli operai: già gestiva il mobilificio e l’emporio, vero supermercato dei vecchi tempi – 1939.
cAMPANELLI(by Antonio Scarponi) Mio nonno ARNALDO CANAPA è il secondo in alto partendo da destra la foto dovrebbe risalire prima della guerra quei signori erano tutti i falegnami di Osimo che lavoravano per Campanelli ( Gianluigi Cenci  )
*****
GUGHI …il falegname! Ke poi ha passato l’attività a babbo e zio guercio ( riferidu da Daniela Guercio)
*****
MOSCHETTINA io so il fijo de moschettina … Faceva parte dei bardasci de via cappuccini ( dittu da Stefano Mosca)
*****
MOSCA PALLINE

*****
sei de Osimo se te ricordi “LA CASA CROLLA” co le bombole del gas
1920522_275560045935236_827323070_n(by Alessandro Antonelli) e la band: I MASSACROS !!! ( by Alberto Antonangeli) 
*****
Lulli il calzolaio de San Marco, tifosissimo del Toro
lu*****
Milia del Beato
*****
Peppino il fruttarolo de piazza che c’aveva sempre il basco e la penna nte la recchia chi se lo ricorda? (by Bruno Vigiani) detto Peppino Occhiobello una persona deliziosa
*****
lo spaccio della  LOMBARDA
almeno una volta da bambina sei andata a comprare le girelle di liquirizia dalla “lombarda” sopra il foro boario!!! (by Marilena Vinzio)

*****
Meme e Raffae’ sei de Osimo se quando te se rompe la bicigletta la portai gio’ da Meme….
*****

Si de Osemo se te recordi de i primi cunplessi bitte osemani. Che cu le guitare elettighe e sa i cabelli longhi , hanne fatto la storia de la musiga rocche osemana.(Luciano Ravaglioli)
I Cobra
musica i CobraGli età 11 20
musica eta 11 20
Le Saette
Musica Le Saette
The Poker
musica The Poker
…se non sbaglio dovrebbe essere il mese di giugno, l’anno sicuro è 1965, festa dei fiori. Da sinistra, Franco Andreucci, Sergio Santarelli,Peppino Bianchi,Sandro Mosca,Ennio Dionisi. (Sergio Santarelli)
1920285_533440983436572_73975850_n *****

Filippo  el cassamortaro adesso ve ne racconto una de filippo el cassamortaro. duete sape’ che filippo era quellu piu’ vicino all’uspedale,se qualchidu’ staa per muri’ lu lu sapea prima de tutti,era de casa lu dentru l’uspedale,a forsa da fa stu lavoru ie’ era diventatu pure l’occhio clinico lu riuscia a capi’, chi a dumadina nun c’e’ riaa, sa vicina a un vecchietto,tira fora el metro, pe piaie la misura pe la cassa da morto,o stu umetto parea morto,quandu se sentito le ma de filipo che ie’ piaa la misura,se svegliato, ia’ ditt0 a filippo,oh,pia la misura de stu pezzu de cazzo,me scuso per la parola volgare, ma ia’ dittu cusci’, ciao fili (raccontadu da Filiberto Diamanti)
*****
Virginia de San  Marco che vendeva le semi.
Mitica Virginia con la sua bancarella sotto la portarella,provavamo fregalla con i soldi falsi ma ci sgamava sempre, veniva anche al diana e se metteva su per le scale con la sue cesta,abitava a san marco dove adesso che quelli che commedano i televisori (scrittu da Luciano Francioni)
*****
Nanni delle gazzose stava per  via pompeiana!!
*****
Maria de zafferi era del borgo
*****
Domè la guardia
*****
Elmo Cappannari 
poeta ed artista osimano
Elmo Cappannari*****
Sergio il cartolaio !
*****
Bottega dello scolaro … boccavi e nemmeno la vedevi dalla roba che c’ era, ci trovavi di tutto! (Accorroni Roberta)
***** 
Foje al secolo Umberto Vigiani, attaccava i manifesti pe’ Osimo (Stefania Cecconi )
*****
Peppino Pietroselli
che facea lu scubi’
1798593_810447608969615_1887351969_nfoto by Valerio Pietroselli

*****

Bar Fiorani Si d’Osimo se te rcordi la coccolata de Biba…….!!!!! (Alessandro Antonelli) … Almeno una volta hai mangiato il trancio al caffè di Biba ( Claudio Montecchiani)… io il Babà ( Gianluca Mosca) … e dietro se giocava a stecca! o meglio a bazzica con Franco, Peppe Bello il Bandolero…ecc. ( Gianluca Mosca)
*****
La cantina del Grottì 
La cantina del Grottì….che dobu ‘na giornada de fatiga ce se riunia a fà un quartì de vì
3(Gino Graziosi
)
*****
Perpè il fornaio della portarella
Perpe*****
1DDD*****
  ___________________________________
5. Personaggi dello sport Osimano
Osimana del 1956
15 a*****
Il prof.Elmo Cappanari con gli amici del circolo dei senza testa al Diana durante una partita di calcio
6*****
Luigi FAGIOLI
30

5
*****
Guglielmo Sgardi detto Tabuzzi è stato il portiere del Venezia serie A a metà degli anni 30
1 d( Alessandro Gioia)

*****

….ve chiedu ‘na faccenna…..sede boni a fà un pò de nomi, fine anni ’40 ? (Gino Graziosi)
12sci: Benedetto Carbonari, Gustì Faccenda, Gustì Faccenda
*****
Bambozzi Pallì
Bambozzi(by Paolo Carletti) Giuseppe Saluzzi mitico Pallì col Simonini! Silvano Verdolini e pure Giampaolo VicarelliGiuseppe Saluzzi Cedrati, re dinasty, Di Geronimo, Vaccarini, Sbaffo, Monticelli family, Sbaffi, Pesaresi (schenio)… e chi più ne ha più ne metta… fino ai giorni nostri (visto che di geronimo cure pure ade’)… e mario de gaggia ‘ndo lo mettemo? il tim Ego esiste pure ade’, col fiolo che fa ‘l kart e non è uno qualsiasi…
*****
La società Virtus
Virtus*****
Sportivi “minori” per le cronache, ma grandi appassionati di calcio Torneo Ospedalieri 1976 (Enrico Gatto)
1509982_1409567989300601_135269917_nGli infermieri Luciano De Ciriaco e Titti, il dott. Clavelli, Giorgio il portiere dell’Ospedale, l’impiegato Cecchi, Cintioli Giorgio, Quattrini Dino addetto alla dispensa ospedaliera, Vitali il figlio de Peppe col filo, Mariano da una vita a radiologia, l’infermiere Giulio Silvestrini, Faggiano Nicola …
*****
La prof.ssa Rosalba Brandoni, la nostra ( osimana) Sara Simeoni e lo stile era ancora quello frontale. Lo stile  Fosbury non era al tempo indicato ne consigliato nella  sabbia dietro la porta del campo sportivo Diana.
1779970_10202098268916023_1290376206_n(foto  by A.Scarponi)
*****
Il 14-9-1980 un certo Giuseppe Agostinelli vinceva il 6^ trofeo San Giuseppe da Copertino (Simone Agostinelli)
1688706_754272784583165_734406392_n
*****
datata 1962, esibizione di Judo, del C.S.I. Osimo ( Andrea Marchetti)
923101_10201542359861303_329165528_n(foto di Bruno Maggetti)
*****
Partita di beneficenza: il portiere è Stefano Agostinelli (babbo), poi c’è Dino Latini e Celestino Stronati…il resto non so… ( Debora Agostinelli)…
1656427_10201676110608024_936900760_n
Ciano Egidi grande ala sinistra… ( Clelestino Stronati) … gli altri sono: Bevilacqua Marco, Feliciani Danilo, Menghi Alessandro, Scarponi Andrea detto Meme, Agostinelli Stefano, i due fratelli ….., Celestino Stronati, Mezzelani Graziano, Lanari Adriano, Ciano Egidi, Dino Latini
*****
La Lenco
1497022_721442077889284_288357337_n
( foto by Teresa Carloni) Piazzini, Fiorenzi, Giorgi, Gonnelli … quante belle e avvincenti partire al Palazzetto
*****
Partenze della prima marcialonga osimana, settembre 1975 (Alessandro Appolloni)
1796690_588763217883273_978856506_n*****
calcio donneSquadra di calcio femminile vincitrice del campionato serie C – Osimana, 2007 ( Marco Carlini)
*****
OsimoCalcioLibertas presidente Sandro Campanelli dell’indimenticabile Dindano, 2 categoria allenatore Enzo Brazzoni.14Con Clemente Ghergo, Gabriele M. Baldoni, Paolo Carletti, Picchio in porta, Corallini, Baldoni, Ferri Gabriele, Roccoli, Giacco Giovanni, Stronati Celestino, Giacchetta Maurizio, Nicola Faggiano…
*****
Ciclismo. Non so chi di voi l’ha conosciuto ma Mario Stronati è stato un campione del ciclismo osimano e dopo di lui Mengoni e poi Pierino Bravi e oggi la tradizione continua con i giovani Casoni, e Lasca. Il ciclismo è uno sport che ha suscitato in Osimo tanta passione. Come non ricordare Rigoberto La Monica grande organizzatore di corse, Paolo Piazzini che le corse le raccontava, Coppari Tarquinio ( originario di San Paterniano) direttore sportivo di importanti squadre negli anni ’60, Gabrielloni, il gruppo della squadra dei senza testa, della squadra di Fred Mengoni, dellla squadra femminile di Osimo Stazione e degli appassionati dell’Avis Osimo.
23questo articolo di giornale del 6 giugno 1962 apparso sul Messaggero che in un certo senso sembra di oggi, allora i campioni nostrani erano costretti ad emigrare in altre società di fuori Osimo, perchè pur essendoci una società Osimana all’avanguardia sull’organizzazione delle gare presieduta e diretta dal grande Rigoberto Lamonica, questa non aveva abbastanza denaro per dare vita all’agonismo, l’articolo parla di quattro giovani valenti osimani che sono stati costretti ad emigrare presso altre società e tra questi c’era Mario Stronati ( by Luciano Francioni)
22
  ___________________________________

6. Luoghi ed eventi
La marcialonga

Marcialongail 29 è Lucarì ( by Paolo Carletti)
*****
CASA del POPOLO
14*****
PIAZZETTA del CARMINE  io giogaoo sempre ntè la piazzetta del carmine!!!! ( amarcord de Sabrina Montecchiani) …quessa è la cova de quelli del Carmine!! (by Giordana Bellezza)
*****
FESTA dei FIORI Festa dei fiori 197?  chi le riconosce? ( Alina Fattorini) 1618706_668146569916281_292154827_n… a come se fa a non cunosce a Serenella Graciotti !!!! E’ bellissima ancora oggi…Prima a dx..ciao Sere sei la meglio sia per bellezza che per cervello senza nulla togliere a nussun altra per carità ( Argentina Graziosi ) .. de co tutti ssi complimenti non ce cape più  ( Alina Fattorini) … Con tutti ‘sti complimenti cresce come il ciambellotto, se dovrá mette a dieta ( Nevio Lavagnoli )
…una cartolina emessa in occasione della Festa dei Fiori che si svolgeva al borgo San Giacomo nel 1907, la festa dei fiori è nata al borgo
fESTA DEI fIORI 1
festa dei fiori ..1984 (foto by Luana Graciotti)
Festa Fiori

5
ASS..Associazione CUCCHIARELLO festa dei FIORI 1998 IL CARRO SE ME RICORDO SE INTITOLAVA L AVVENTURA CONTINUA (Luca Agostinelli)
*****
VIA MATTEOTTI a me me pare che li in via matteotti te nesai scurdati almeno 6 o 7, Fiumani vendea le stoffe Carpinetti cea la ferramenta, Mondaini vendea le lampadine, Nello Bambozzi vendea el materiale idraulico, de fronte Giri‘ po c’era CarolaAra, la fioraia,po c’era Mosca  le vernici, sopra el barbiere, po davanti le scalette delle scole c’era Fiumani la lavanderia,el calzolaro ivano,prima de vigiani c’era il fruttivendolo,poi Fofo detto Babba. o era tutto li di su, altro che il cargo pier nuc’e’ mancaa gniente ( by Filiberto Diamanti)
…. Maria de Montoro, il giornalaro Tabacchetti (dove ce compravi le figurine dei calciatori e le scambiavi davanti a Santa Lucia)
*****
16
*****
Il vespa club Osimo radunato davanti il palazzo Boccanera
vespefoto by (Mauro Tarantelli)
*****
La PIAZZA …in piazza se andava a fa’ spesa da Milia del Beato (by Roberto Renzoni) …… se da bardascio te portavane in piazza a mezzogiorno a vedè i picciò che facevane tre giri intorno al comune mentre sonaa l’orulogiu e poi calavane giò pe magnà l granturcu ( raccontadu da Luca Demagogo Lanari) … Ti ricordi dei facchini che stavano sotto l’orologio? ( by Alfredo Lazzari)
…Corso Mazzini tappezzato di manifesti elettorali elezioni politiche 1953
1010986_1481528402067379_1451655900_n(foto by L.Francioni)

*****
PALAZZO DEL COMUNE

era mejo cuscì!!!!!!
1654125_10201775315490027_1499235281_n
PIAZZA NOVA
Si d’osimo se sei andato almeno na volta a pomigià ll parco della rimembranza!!! ( Elisabetta Magnoni) … e nun troavi mai nà panchina perchè era sempre pieno!! ( Dona Pietroselli) … a Piazzanova se pomiciava “leggero”, al parco della Rimembranza si andava un po’ oltre … ( Marcello Milone)
1546419_10202042861570874_561368440_n(foto di Scarponi Antonio) Ugo Bolognini, orgoglioso dei suoi giardini, che custodiva con amorosa severità e ce correva dietro fino in piazza. Giuseppe Saluzzi adé nun è belli cume prima ( Giuseppe Saluzzi ) ….Quessi so i giardini! No cula spianata de sassi mpiccigati insieme! ( Andrea Lozzi ) … quesso sci che era giardiniere no quelli d’adesso (Attilio Coriani )
… Piazzanoa ‘na volta ( Valerio Pietroselli)
1904228_810545542293155_983746636_n
13
te ricordi la cannelletta de piazza Nova….( Antonella Picchio)
2a
*****
Il CINEMA CONCERTO
Seiddosimo se: te sei fatto scaldà i pop corn nel microonde al cinema concerto al centro !! 
poi gioca a stecca dai socialisti li de fianco e stacca la spina x paga de meno….
Sempre sul cinema potrei dire un malinconico ” rivolemo il cinema concerto!! umile in confronto ai mutisala, ma bello per questo, con le sediole rosce de velludo un film a settimana ( by Polly Però, Armando Minucci ) ridatece il cinema cuncertooooooooo!!!!!!!!!!!!! 8by Valentina Varani ) …se andavi al cinema concerto con l’aria impestata dalle sigarette di Milio…. (by Antonella Marchegiani) …non ti ricordi di DRIN DRIN!!! Del cinema concerto!!!!! (scrittu da Alfredo Lazzari)
pe’ ‘nda’ al cineme , te tocca a ria’ gio’ la baraccola..ma te pare giusto? (Giacomo Antonelli) …laggiò rivai…tutta cu la strada!!!! (Mara Giovagnoni) … Manco pe le mele! Era na olta che ce nemie do’ (Viviana Bisogni)… sa sa..io l’aveo scritto. Na o’ potemie sceje tra ‘l cimena concerto e ‘l cimena teatro(Alina Fattorini) … …a me me ce ‘mpiccia multube’..e nun’e’ pe la strada..de quella ne fago tanta..ma c’ho nostalgia del cinemetto nostro che pure se nun cea l’impianto sterio all’ultimo lucco i filme te li facea gode..no cumu si cinema de ade’ .. tutti finti,de plastiga..che cun cula cagiara che c’e’ il filme te lo manna a traverso prima de cuminza’ (Giacomo Antonelli ) … E PO’ AL CONCERTO LE POLTRONE ERANE BELLE COMODE, E S’ERENE MODERNIZZADI, ALLA BIJETTERIA C’EENE I MICROONDE PEL POPCORN….STI CA..I (Susy Pierpaoli ) … cu te deo dì …sci è che ce duemo rassegná che l’anni passane le faccende pianane altri versi…si bardasci lassili fa e il film gardetelo li casa che te rabbisci de meno.. (Mara Giovagnoni) … E’ vero Mara..ma voi mette l’emuzio’ de vede i filme nteccullenzolo bianco..! I visto mai che qualchidu’ ce rpenza?! (Giacomo Antonelli) … Sci allora magni! Scurdamecelo no semo stadi furtunadi che almeno ce l’emie….se bardasce mie pore cocche manco sa suddisfaziò! Lu sai cu me dicene ” ma’ te sci che eri fortunada da bardascia c’avei i cantautori dal vivo e no’ ce dovemo cuntentà delle cover,il cine e no’duemo nda fora pe vedè un filme, un punto de ritroo e no manco quello”….. chissà se gambierà cualco’….. (Viviana Bisogni )
*****
TEATRO LA FENICE
Quanno sul Teadro se facea il mattine’ (io con il mio gruppo anni ’60  ( Valerio Pietroselli)
Teatro
… Teatro anni ’60 da sinistra don Fanesi – Graciotti – Cappannari – Di prossimo – Adorni
1940024_10202134596184182_565708200_n
” La Gondola Azzurra” 1953 ( Franco Graciotti)

1DDD
8
*****
Il CAMPETTO dei FRATI
quelli della gattara che giogaa a pallo’ ntel campo de Carlinetto, e quannu se ndaa a gioga’ ntel campo dei fradi parea da anda’ a S Siro ( raccontadu da Andrea Javier Franchini )
*****
LA BANDA CITTADINA
Fanfara di Osimo*****
Campo sportivo DIANA …pe ndà dal palazzetto al tennis passavi in mezzo al campo diana e Bonifazi (il custode) te curea dietro… ( Maurizio Fagotti) … vuria fà è giogà al diana!!! ( Stefano Mosca) … finchè c’e’ stato lui il campo era perfetto. ( Maurizio Fagotti) … i sfirzigo’ non crescea!!! (Antonella Bonifazi)… Cartello scritto da Bruno Bonifazi, custode del Diana: “Chi la pia. La mette a posto. La robba!” ( Daniele Domesi)
….sei de Osimo se… te sei fatto la fila n’tel baretto del Diana tra el primo el secondo tempo de la partita dell’Osimana e davanti a te c’erane na fracca de gente che chiedeane tutti un CAFFESPORTBORGHETTI caldo caldo!!!! .. e te bardascio volei solo un pacchetto de cingomme…(Andrea Moroni)
…  ginkana motociclista allo stadio Diana, anni 50
2 h( L.Francioni)
*****
La PROCESSIO’ del VENERDI’ SANTU
Sei de Osimo se…vai alla processiò al Venerdì Santo a vedè i “saccò” e da fiolo te facea mpressiò quanno sonaa le battistangole…. ( scrittu da Nicola Pepa)
*****
La FESTA de SAN GIUSEPPE el famosu cartello della tombula,  la fieretta e i foghi .  …te ricordi l’estraziò de la tombola a San Giuseppe, ‘nte cul terazzo da piedi de la costa del domo! (Luca Ghergo)…e toccaa aspetta fino a mezzanó!!! (Miki Biffy)….mbè me pare che la faceane un pò prima de mezzanotte perchè dobo c’erene i foghi!( Luca Ghergo )
…i foghi nn ne parlamo va…Quannero fiola erane mejo xò!!! (Miki Biffy)…c’era sempre un macello de gente! (Luca Ghergo)…Sci infatti
Che tempi oh…a pensa ade fa venì un po’ de nostalgia (Miki Biffy)
…vorrai dì magò! (Luca Ghergo) …le giostre a piazzanoa…m madre ke me cumpraa la fieretta…anni d’oro davero…altri tempi…io so l’ultima generazió venuda su be (Miki Biffy)

*****
Il CAFFE’ di BIBA
Bibafoto di Antonio Scarponi.…i gelati era la fine del monno…toccava a fà la fila un ora ….ma quando lo magnavi…..tè gustava multubè (Tatiana Leandri) … ed il baba al rhum (Alide Pasqualini) … tutti babaroli (Valter Azzeruoli) …i gelati era la fine del monno…toccava a fà la fila un ora ….ma quando lo magnavi…..tè gustava multubè (Tatiana Leandri) … ed il baba al rhum (Alide Pasqualini) … tutti babaroli (Valter Azzeruoli)
*****
PIAZZA DANTE
Piazza navona de nua’, che nun c’è piu’ purtroppo Piazza Dante ( Valerio Pietroselli)
7*****

CENTRO
sei Osimano doc se te ricordi de questa……..puo’ sembrare stano ma inizi anni 60 esisteva, gestita dal sarto! che aveva la botteguccia davanti l’attuale entrata della biblioteca
1922203_10201545733344843_1187928304_n( by Andrea Javier Franchini) … il sarto chiamato Mario de zillò ? (Argentina Graziosi)
se Ti ricordi quando parcheggiavi in centro senza la rottura del parchimetro (Monna Lisa)
*****
Sei de Osimo se … almeno una volta con la MAGHINA o cul MOTORI’ hai preso la benediziò e fatto la sfilata de San Cristofrro a Osimo ( by Marta Braconi)
*****
La COSTA de PISCIARELLO
*****
IL CROCEFISSO Com’era l’incrocio del Crocifisso alla fine degli anni 30 in occasione di una processione a Campocavallo dei collegiali del Campana,quelli in divisa, la scritta Osimo sorretta da due pali bicoliri,
2 ( by L.Francioni)

*****
Lo SCARICATORE
Scaricatore anni 60*****
se sei in fondo al corso e te ritrovi tra Colonnelli e Generali sei in Osimo( by Massimiliano Baldoni)
*****
La fiaccola dell’Atletica Osimo ( by Daniele Domesi)

Atletica Osimo*****
dopo che l’ei accompagnato  a benedì le case  e col vestido da chirighetto, il prede te rigalava un pezzo de pizza col trusmarì ( by Luca Baiocco)*****
a piazzanova c’era l’altalenacon la seduta fatta a barca (by Silvia Barbadoro)
*****
nel ’72 l’emo sentida nà bella sgrullada …. (by Patrizia Zacconi)
*****
La cantina del Boba, qual è quella di fronte a fofo ( by Michele Pirani )
*****
Aldo il cappellaio, stava dove sta ora Franca la Fioraia. Era soprannominato Cianciulò
Diambri( by Antonietta Lombardi)
*****
se te spetti con qualchidù gliè dai appuntamento ai geladi della zia (by Daniele Mango)
*****
Sei de Osimo se per vedè il COLOSSEO nun ce devi arrivà a Roma
(by Matteo Petraccini)
*****
Lo SMINDOLO
smindolo( by Massi Lampa)
Prima de andà al mare te fermavi da Smindolo a pià la pizza.. (by Alessandro Falcetta)

*****
a balla se andava: al circolo dei Senza Testa, al Bludimeri, alla Lanterna Blu (by Elisabetta Tonti)
*****
Il FORO BOARIO ( by Luca Ghergo)
foro Boarioquando nonna ti dicea …non nda al forboario che ce stanno i drogati ( by Monna Lisa)
*****

il Tiramisù non è solo un dolce ( by Letizia Previtero)
*****
Passatempo non è solo uno svago ( by Alessandro Mezzanotte)
*****
Il club dei Dadi de Scuccia (by  Luigi Tassi)
*****
SANTUARIO di CAMPOCAVALLO
Foto del 1906. Sono i muratori che costruirono il Santuario di Campocavallo (Raimondo Orsetti)
1906tutti osimani rigorosamente!! siamo a fine ottocento!… TUTTI CAVALIERI AL MERITO DELLA REPUBBLICA insigniti come il Cav. Giulio MENGONI emigrato da Campocavallo a Armstrong in Argentina come tanti altri all’epoca dell’origine della catena migratoria nel 1880 e nei decenni successivi ad Armstrong … Santilli, Pettinari, Capomaggi, Gasparoni, Sasso, Duranti, Lanari, Lasca, Attaccalite, …Cittadini …e a Pehuajo Orsetti… (Sandro Cittadini)
1913Foto del 1913. Il Santuario di Campocavallo al termine dei lavori in tutto Campocavallo 888Foto del 1892, perché tutto ebbe inizio da qui. E’ la piccola chiesuola (ancora esistente) dove, il 16 giugno 1892, ebbero inizio i Prodigi Miracolosi. La foto ritrae i pellegrini in preghiera dinanzi alla Immagine Prodigiosa della Vergine Addolorata. La devozione alla Madonna di Campocavallo si propagandò velocemente in tutta Europa e nel mondo con testimonianze importanti e significative. Per esempio, molte cappelle di Santuari, in Francia, sono dedicati a Notre Dame de Sept Doleurs de Campocavallo e tantissime furono le donazioni in denaro e materiali provenienti da ogni parte del Continente per la costruzione del Santuario! (Raimondo Orsetti)
*****
L’Osimana aveva un gran seguito di tifosi, tutti molto appassionati, per gli arbitri non era vita facile ritornare a casa dal Diana con Faolenza, il Babano, Peppe lo scobì, …
i tifosi capeggiati dal mitico Banano
tifosi 2(by Paolo Carletti)
*****
Il poliambulatorio dell’Asur se chiamava la MUTUA (by Antonella Picchio)
*****
Per  barbiere c’emi: Gerardo ( by Sandro Salvucci) ma c’era pure Cenigia giò il borgo
*****
Il cinema  A San Marco dentro il salone
*****
Se sei  del centro,  zona San Marco Nord e zona Santa Palazia allora conoscei: Giorgio il calzolaro, Maria de Montoro  che vendea la carne surgelada, La Perina, il negozio de Carola, Rita la fioraia, Mosca delle vernici, Ara che vendeva i vestiti per le donne. e anche i grenbiuli della scola!!!, Giorgio il calzolaro. La cantina de Anita, Palline il pittore, il giornalaro Tabacchetti (dove ce compravi le figurine dei calciatori e le scambiavi davanti a Santa Lucia), Babba, Girì e Foffo., Maria de Venezia che venia a faì le punture, Virginia che vendeva le semi…(by Gianluca Mosca)
*****
quando guardi sto’ palazzo dici “me pare un cazzotto intè i occhi”
Osimo 789( by Osimo Senza Testa) Comè pùlsudo succéde?, quesso se lo butane giò nun fanne un becco de danno….
*****
PARCO della RIMEMBRANZA
Parco della Rimenbranza 1924 appena piantato, via cialdini era non asfaltata, si può vedere sul lato destro il cartello con la scritta OSIMO e sempre sulla destra la totale mancanza di abitazioni, in fondo alla via in alto si vede un biroccio con un paio di buoi che sta uscendo dalla città
Parco Rimembranza 1924 ( by L.Francioni)
*****
 ___________________________________
7. I luoghi del Lavoro

Fadigà alla filandra
Operaie della vecchia filanda, quella in mezzo cola scialpetta e’ nonna mia, Peppa de Giraldo ( Alessandro Appolloni)
1920330_586436841449244_790645478_n…vi volevo far notare la pettinatura della signore, quasi tutte con lo scriminale….. ..e quelle sedute…tutte a gambe incavallate….donne! ( Daniela Guercio) … Ma che filanda è? Quella de Medenfilzo? chiede mamma… ( Michela Monti ) … a foto risale ai primi anni 30 la filanda e’ quella vicino alle fonti del borgo, palazzo Cardinali (Alessandro Appolloni ) … Allora, dice sempre mamma, che dovria esse quella detta dell’usuraio, senza offesa per nessuno! ( Michela Monti ) … Le ragazzine piccole che aiutavano le filandare se chiamavane “le sottiere” ( Argentina Graziosi)
*****
filanda Alessandrini (Metenfilzo) nell’anno 1940
filanda Alessandrini( foto by L.Francioni)
****
altra foto storica, Società di Mutuo Soccorso tra gli operai osimani, raduno annuale 16 dicembre 1939
operai( foto by L.Francioni)
*****
La LENCO quanti presgiutti c’e’ vulea. per bucca’ a fadiga’ li la lenco.multibe’ ( Filiberto Diamanti )

Lenco…. c’hanne tutti l parnanzo’ ( Bruno Vigiani ) … sci sci…verde scuro l’omini verde fluo le donne!! ( Dona Pietroselli ) … uesto è solo un reparto dei primi anni 70, all’epoca erano circa 800 dipendenti….. ne mancano moltissimi, io entrai nel 77 e questa foto credo risalisse a qualche anno prima…… il giradischi L75 prima che nelle radio libere aveva spopolato nelle discoteche, in quasi tutte c’erano due L75…… ci potevi salire sopra e non si guastava, a prova di elefante…. un vero mulo della riproduzione musicale!!! ( Giovanni Zacconi) … L75/L75S anche mito delle discoteghe… in cima me pare Remo de Paccamiccio ( Giuseppe Saluzzi ) ,,, se nun me lu facei nutà nun l’avria ma rconosciudo ma adè a guardallu fitto me pare probio lu ( Giuseppe Saluzzi) … chi non aveva un parente che lavora alla LENCO ( Lorella Belli) … I commercianti d’Osimo se ie dicei che fadigai alla Lenco te daene la metce a buffo perche’ era meio che fadiga’ in comune per quanto era solida sta fabbriga!!!!! ( Rosalia Alocco) … La lenco ea levatu tutti i cuntadi’ dai campi, e lea purtati a fadiga’ tutti li dentru dopu un annu che fadigavene li, li vedevi tutti cu le maghine de lussu, se vestiane tutti su da baldissera era el bum economico per magna’ nun spenneene gniente, perche’ ce levane gioppe el campu, la carne nu la cumpraene, perche’ ce lea intornu l’ara,dopu 10 . anni sui campi vedei solo sterpaie..( Filiberto Diamanti) … quella diedro a cullomo de bianco Aldina??? ( Lorella Mengoni)
*****
La CAMPAGNA Osimana
“Quanne see battea” èra il tempo della solidarietà, tutti se jutaene
1002369_1391670881102314_1559445882_n( foto by  Franco Focante)
La Osimo agricola,Mostra mercato del bestiame nel settembre 1952 presso il vecchio foro boario di P.zza Giovanni 23°, guardate quanti bovini ,un tesoro che in campagna non esiste quasi più…
mercato 5Oggi al posto del bestiame in campagna abbondano i pannelli solari. Una cosa che nun se po vede. ( Anna Maria Gabbanelli )
….. Ti ricordi quannu i cuntadì nu lauraene cui trattori , ma cun tre pari de vacche !!!!!
1948126_679337608796194_1681766949_n( foto by Bruno Cantori)

11
*****
Anni 60, scuola di taglio sotto alle logge (Alessandro Appolloni)
1890990_588764167883178_1271120719_n

 *****
Le sartore usimane nel 1957….la robba cunfeziunada a cui tempi era troppu carestosa — con Marì de Stamura, Guerrina Giuliodori, Vivetta Tronti, Nella del Padiò e Natalina Fragola Faccenda
17 ( Argentina Graziosi)
 *****

 ___________________________________
 
8. Canti – filastrocche – indovinelli – giochi- feste&sagre – altro
 …Sai”ndu è què (magari scriede solo “sci lo sò” o “no nun lo so” che siddonca lp dide a tutti cull’altri che non lo sabeane e “l giogo è finido”)
fonti( by Luca Ghergo)
*****
cos’è un Tutolo ? (by Janula Malizia)
*****
sai cuse’ la gramaccia ( Valentina Frontalini)… fa rima con erbaccia? ( Giovanni Zacconi)
*****
….CONOSCEDE IL PORCHETTARO BARACCO’ (Walter Antonelli)
*****
sfida aperta….credo nessuno ha strada piu ” rincignita” de questa, a Osimo semo unici! (by Andrea Javier Franchini)
Osimo 87
*****
sei d’Osimo se conosci la “goggetta” … (by Maria Vittoria Carbonari)
*****
sei d’Osimo se sai  che differenza c’è tra la Gattara e il Gattuccio ( by Daniele Mazzieri)
*****
Quella de prima era pe favve scaldá…stessa regola de qull’altre…nun scriede ‘ndu è, ma solo “la so” o “nu la so” (senò finisce subbido el giogo)
Santi Martiri(by Luca Ghergo)
  “la so… la posso di?”. Luca Ghergo “te cciacco la testa se la dighi!” . Antonella Picchio “vabè nun la digu”.
se sai cus’enne i doppiuni,le furadelle,i tavello’,il candinfoio,la curtellada,e .. i cristi .. (Giacomo Antonelli) … La cucchiara (Monica Vaccarini) … la caldarola..il reni’ (Giacomo Antonelli) … La breccia ( Monica Vaccarini ) … Il cimento e la calcina, le palanche e il mazzolo ( Alessandro Appolloni) … l’armadura (Marco Andreucci ) … e la ciuga te la scordii ?( Luciano Francioni )
*****
se sai cus’enne i doppiuni,le furadelle,i tavello’,il candinfoio,la curtellada,e .. i cristi .. (Giacomo Antonelli) … La cucchiara (Monica Vaccarini) … la caldarola..il reni’ (Giacomo Antonelli) … La breccia ( Monica Vaccarini ) … Il cimento e la calcina, le palanche e il mazzolo ( Alessandro Appolloni) … l’armadura (Marco Andreucci ) … e la ciuga te la scordii ?( Luciano Francioni )

___________________________________
9. Gastronomia
da piccolo me davane da magnà il pà inzzuppado tel vì con lo zucchero  ( by Lorenzo Bottegoni)
*****
la panzarella ( by Valentina Varani)
*****
sei de Osimo se quando vai a magna fori de Osimo chiedi i vincisgrassi e te guardane con due occhi……… te allora te ripii e dici un piatto di lasagne grazie!!!!! ( dittu da Lilli Ricci) ……si prova a ‘nda’ dentro un bar e chiede un bicchiere d’acqua della cannella…poi dimme come te guardane!!! ( ha replicado Francesca Marinelli …)
*****
Se magni..le PATTADE invece ke le patate..( by Alessandro Falcetta)
*****
a magnà se andava: da Tarcì, all’Arco Vecchio
*****
il bar era: da Pierina, da Basì, da Gastò, il 4+1, il Cotto e Biscotto, da Nanni delle  gazzose, il bar Baiocco. Se sei de Osimo in piazza vai al bar del corso, ma una volta andavi dalle “Colombine”
colombine(by Antonietta Lombardi) … sei de osimo se ndavi dalle colobine a prende lo squaglio de ciucculada ( Matteo Pallotta)
*****
il maritozzo de Giancarla Lombardi ( by Marco Mascelloni)
*****
Sei d’Osimo se sai cusè…… la ‘merolla’ ( by Pugnaloni Nadia) e du fenocchi??? ( by Veronica Cesari ) …le pattade… ( Katiuscia Frapiccini) ….sa l’oio… el’trusmarì..bone!!
*****
il negozio de Gerì  che facea il ciambellotto con le palline colorate (by Laura Faccenda)
*****
Ballò in piazza che vendeva la frutta, sempre con la parnanza (Daniela Battisti)
*****
la CIUCCULADA ( by Marta Braconi)
*****
I frescarelli (by Monna Lisa) … Stasera se magnia li frescarelli (Massi Cedri)
*****
La pizza era quella: di Gigio de Saracchì, di Palmieri a Santa Lucia, Claudio su in capo al corso ( la pizza più unta che c’era), dal forno di Biagio il giovedì. ( by Stefano Foresi)
*****
La pizzeria Giardino al Foro Boario di Nicola e Ida e ce lavorava anche Anita. Per arrivarci c’erano delle scale che mettevano paura (by Paola Andreoni)

*****
Se magni gli sciughetti! ( Lorenzo Bottegoni) … boni sa le noci ( Roberta Cetrini ) … Sci ma se nun tiri via finilli ce fa la muffa ( Daniele App Appolloni )
*****
… mi nonna ce mettea pure le becche!! (Lorella Belli )
*****
… vago a cena, c’è mi moie che me lucca ( Luciano Francioni) … Dije che te lassasse il damagná sul fornello (Daniele Bartolini)
*****

per cena stasera i gobbi sal custiccio (by Daniele Appolloni)
*****
se sei de Osimo do vai a pià il pà: da Biagio, da Perpè, da Lombardi
*****
….Una volta ‘nte la vida hai magnado i grugni (ditto da Fabrizio Lampa)
quelle che adè se chiamene acciughe, ‘na volta se cumparaene sotto sale e staene drento i barattoli de lamiera. Nonna le rlavaa pe’ mannaje via el sale e po’ le mettea sott’ojo.Cui grugni era la morte sua. (aggiuntu da Claudio Pierucci )
*****
Gli sciughetti sa le noci !!!
*****
sei d osimo se pe cena ciai i cavoli straginadi ( dittu da Danilo Marchegiani)… e pe sparagna’ de sti tempi c’è pure du ovi a occhio de bo ‘ (dittu da Valerio Pietroselli )
*****
Il pesce, il pollo e il pà, se magna co le mà. ( Cilè )
*****
Si d Osimo se magni du brance de MEROLLA ( Dessica Carnevali )
*****
siddosimo se hai dato mai il vedriolo ai pommiddori ( Ross Folkkabbestia Polverini)
*****
sei de osimo se non vedi ll’ora che el 4+1 arcumenza a fà i geladi !! ( Marco Torcianti )
*****
se pe Natale magni i cappelletti col brodo! ( Corrado Muti)
*****
Se nun te ricordi quannu verso settembre i vecchi de na vo’ metteene sotto sale l ulia nera nte la damigiana e tutte le sere mammeta te dicea “o fia sbatte un po’ cull ulia se no sen fradia ” che pal (Lella Graziosi) … Pero’ dobo quanno era riada era tanta bona ( Monica Vaccarini ) … era griccia ma era bona (Alessandra Antonella) … Pe nù perde la tradiziò lu fatta pure stanno e te deo dì che mè venuda pure bona, anche senza damigiana.(Anna Maria Gabbanelli) … era lulia strengona che i pianto’ stavene sotto spinello ( Filiberto Diamanti)
*****
trusumarì – rosmarino ( Silvia Barbadoro)
*****

sta attentu come magni nun vedi che te sbroduli tuttuuuuuu? (Gianni Tulli )
*****
te lanne mai dittu cu voi oggi x cuntorno le pattade o i grugni ? (Andrea Taffo)
*****
sei de Osimo se hai magnato na volta i frescarelli e le cresciole de polenta (Serenella Galassi)
*****
1621747_553845514712620_2113822680_nLa foto è de Giovanni Zacconi. Il cecetto de Perpè a pendulò… è tradiziò Osimana…empre tutti l anni ce lo mette , perchè sotto carnevale è la morte sua  – del cecetto – ( Dona Pietroselli )
*****
___________________________________
10. I  racconti
Tidulu “DAL BORGU A S.VALENTI’ SE RIDE PURE SE NUN C’HAI I CUADRI’ “.
Un giornu,mentre n’dau caminandu pel Borgu, nodu centru culturale de osimu,te vedu ria’da gioppe’ la Gattara cuna maghina vecchia e’tutta n’zaccolada un vecchiu amigu,che sta de casa joppe il fosso de S.Valenti’un certo suggettu,che je se dice Celesti’gran bellomu da juanottu se bardasce se strappaene i peli pe lu.Me cala jo’da sa maghina e me disce ,vo che sede un’omo m’parado e de cugnizio’me sabede di’cu si elementi che ce cumanna cume n’daremo tutti a fini’i,il Partidu nun ce’piu’chi cumanna sta lassu’mi moie e’ trista sempre de piu’me sa che nun ce’salva mancu Gesu’.Allora jo dittu ,nun te preuccuba’Celesti’che se chi cumanna sta’sempre li’un giornu cumannerannu juperai e i cuntadi’ma a tu moie je durai di’ sempre de sci. Ma  rinfranchede amigu miu,che a nualtri se c’e’ manca un po’ de cuadri’ ce rmane sempre un bel buccio’de Vi’.    ( scrittu da lu gnoto  de nualtri)
*****
E’ de Osimo se tu nonna non sa fa a di bisnonna ma dice SBInonna (by Silvia Giusquiami)
*****
Se sei de Osimo quando andai al mare avevi il costume de lana che ancora se dee sciuccà
mareby Paolo Carletti

*****
se  t’ha fatto musica la Serrini, ginnastica Pesarini e matematica Bortolotti, sarai pure de Osimo, …. ma tanto de primo pelo non sei !!! ( by Roberto Renzoni)
*****
Dicea Gusto del Gatto, vecchiu saggiu de Campucavallo: “io, alle donne la ragiò per principiu nun jela dò mai; io a chi è più picculu de me la ragiò nun jela dò lu stesso; io a chi è più grannu de me la ragiò possu pure dajela, ma je fò capì che sbaja!” (Raimondo Orsetti) … è probrio vero che i vecchi saggi… cianne sempre ragio’!( Giuseppe Saluzzi)
*****
Siddosimo se te ricordi il vecchio di Del Colle che regolava l’orologio della torre. E che a mezzogiorno quanno gli addetto del comune davane da magna’ ai piccioni tutti noi fioli co la testa peraria contenti …… Che bello e ogni tanto ma manciata de granturco lo damie pure no !! (by Alessandro Catena)
*****
tra Osimo e Castello, c’e’ stata sempre un po’ di rivalita’, alora quando un osima’ cuntrava uno de castello ie’ dicea, oh, ha fetato la picciona?, el castella’ risponnea,na fatti do a do.lo sapete perche?ora ve lo dico per quelli de castello, a vede’ a mezzogiorno,quando sonava el campano’ tutti sti piccio’ che calavene guo’ in piazza per magna’ era nu spettaculo,allora lu voleene pure lora a porta marina,.chiedene du piccio’ al cumune d’osimo,in modo che fedasse.e cusci’ ce levene pure lora,. ma guarda un po l’ironia della sorte, osimo ia’ dato du, maschi, e cusci’ lora risponnene, na fatti do a do… ( by Filiberto Diamanti )
*****
VITA de PIAZZA. Quanno ero un badasciotto e stavo de casa pel corso, c’erene le cerimonie del gioedì , quanno c’era mercato, e de la domennica,a la fine de la messa de San Fracesco quanno le vergarette tutte mbraccettate, el vestitello a giacca rosa e celestì, col velo e il messale nte le ma, facevene el defilè davanti alla bottega del Beato dove erene piazzati tutti i gioanotti da marito de le campagne. Era un rito antropologico perchè se poteva da’ ‘n occhiata, ce se sgambiava i sguardi, le papole diventava piuù rosce, i complimenti più spinti e se occupavene de solito del dediedro de le ragazze. ( ce n’era una famosa: lui da dietro je sgaggiava “Cummare, co sse chiappe de culo ch c’ete, ce gite pure in processiò???” al che lia risponneva salmodiando ” ognuno fa come je pare, ora pro nobiseeee!!!” Dopo se ‘ndava da quello co la camigia a tre pennazze e se cumbinava el fidanzamento. Ne la peggiore de le ipotesi c’era el pajaro de la mistica, ne la mijore, se potea bocca ‘ in cambora e il povero don Ido Pieroni se ‘ngustiava per quante ragazze incinte je toccava sposa’. A cui tempi i corsi prematrimoniali li facea a modo loro… ( Franco Graciotti)
*****
sei de osimo se…andavi dalle suore di clausura a prendere gli scarti delle ostie e te le mangiavi tutte nel giro di un pomeriggio (by Chiara Fagioli)
*****
Sei de Osimo se quanno ndai a durmi da tu nonna te truai ntelletto co il prede e la monniga…. ( by Rossana Rossini)
*****
Se quanno eri piccolo e c’avei na tosce che mettea paura te portavene da Marchesani!  c’avea le ma gelade!, il pediatra non ce capia un cazzo, Marchesani te capia al volo!( by Marika Vigneti) e te facea pure  i raggi ( Giuseppe Mattioli ), l’infermiere se chiamava Peppe e fadigava all’Ospedale.
*****
c’era quelli che arrivavano in piazza il giovedì per il mercato e la domenica per la santa messa e si cambiavano le scarpe sotto i tre archi o sotto la portarella
( by Osimo Senza Testa )
*****
Sei de Osimo se….sei stato al circo allo scaricatore (attuale maxi parcheggio per i più giovani)…e se sei stato agli autoscontri a San Giuseppe a Piazza Nova…. ( scrittu da Nicola Pepa )
*****
Sei de osimo se l’otto de dicembre facei il fogaro’ al patto del borgo con NAtalina che mucchiava i scattolo alla madina ( raccontadu da Mirco Graciotti )
*****
chi si ricorda a carnevale i ragazzi mascherati da domini tutti neri e certe manganellate in testa a tradimento te davano!! ( raccontadu da Daniela Eusepi)
*****
quanno se battea se magnaa il ciambellò sa il vì della chiavetta, e se magnaa i buccolotti del batte e l’oca arrosto. … in campagna,prima se meteva con la falciafenara,poi se faceva il covo e semucchiava sui cavalletti,poi se radunava sa i birocci e se facea il barcò, poi finalmente riaava la trebbia che col superorsi battea il grà e se facea il paiaro della paia e della pula cioò delle foto e le posterò ( Luciano Francioni)
*****
DOMENNIGA A OTTO SEMO ‘NDADI GIOPPE EL FIUME A FA’ ‘N GIRO E CHA CCHIAPPADO L’ ACQUA MA PERO’ CE’ SEMO ‘NGUACCIADI DRENTO EL CAPPANNO DE SERENELLO ( Alberto Antonangeli)
*****
A PROPOSITO DE DURMI’ E PO’ CE VO’ PER DAERO , EDE MESO LA STANGHETTA ‘NTELA PORTA DE CASA ? CUSCI’ NUN BOCCA NISCIU’ !!! ( Alberto Antonangeli)
*****
Se sai cus’e’ le zille (Vanessa GhergO) …Osteria da bardascia le chiappao eccome dentru le rose…po mamma me le legaa cul filo da ‘mbastì e le faceu runzà finchè nun me stufau….erene i giochi de cui tempi no nun cemie i video game (Argentina Graziosi )… vero !!! dentro alle rose ….vallo a dì a nà bardascia de adè a ndà chiappà le zille c è manna a quel paese subbido subbido!! hahaha erane altri tempi .ma quanto sò stati belli anche se non c havemmie la barbi ivideo gaims e la plaistascion ..e io ho imparato a usà il pc solo da 2 anni!!! che osimana senza testa che sò!!! ade bona notte !!! (Sabrina Montecchiani )

*****

El nummero sbajado
Giuanni dee da parlà cun urgenza
co’ Peppì, ‘na sua vecchia cunuscenza;
cuscì, usanno ‘l metudo più antigo,
lestu lestu telefuna a l’amigo
che a qûll’ora, guarda la cumbinazzió,
duvéa da esse a ‘n’impurtante riunió.
«Prontu, è riado Giuseppe Trumbetta?»
«No… me dispiace…» ‘na voce balbetta.
«Lu sabéde se tarderà multobè?»
«Boh!? Questu nu’ m’è datu probio sapé!
Putrièsse un’ora, un giornu, un mese, un anno…»
«Ma, scusademe, cun chi sto parlanno?».
«Mio carissimu signore, a dì ‘l vero,
qui, stade parlanno… cul Cimidero!»
TRADUZIONE  “Il numero sbagliato”
Giovanni deve parlare con urgenza
con Peppino, una sua vecchia conoscenza;
così, usando il metodo più antico,
lesto lesto telefona all’amico
che a quell’ora, guarda la combinazione,
doveva essere a un’importante riunione.
«Pronto, è arrivato Giuseppe Trombetta?»
«No… mi dispiace…» una voce balbetta.
«Sapete se tarderà molto?»
«Boh!? Questo non m’è dato proprio sapere!
Forse un’ora, un giorno, un mese, un anno…»
«Ma, scusatemi, con chi sto parlando?».
«Mio carissimo signore, a dire il vero,
qui, state parlando… col Cimitero!» »
sonetto di Sandro Mosca classificatosi primo al XXV Premio Letterario dei Dialetti Marchigiani (ricordato da Andrea Moroni)
 *****
La storia del “cannò de figo”:
Osimo e Castello da sempre in guera in tra de lora ma senza prevalè l’una sull’altra. Allora el cumandante de noi osimà pensa de costrui un cannò, ma non avendoce el maderiale datto, sgoggia un troncu de na’ pianta de figo, fa’ rempì be’ be’ el cannò cun tanta polvera da sparo e dobo avello tappado be’ daccima pe’ aumentà la cumpressò, pronti via, accende la miccia. Booooooooommm.. Na’ botta de la madonna! el cannò è scoppiado in mille pezzi e appena svanido el fumo, na’ strage, morti e firidi tutti l’intorno, ma el nostru cumandante sensa perdesse de curaggio: ennamadina… se el cannò na’ mazzadi e feridi tanti qui, figurede a Castello!
*****
quannu dendro le case nun c’era ancò la tv e i video games ma il lulaop (Hula Hoop) pe le bardasce e i carioli pei fedò — con Argentina Graziosi e Natalina Fragola moglie di Fermino Faccenda il piattista della banda di Osimo.
23 aFoto del 1960 ( Argentina Graziosi )

*****
Chiedo scusa ma nel seguente post ci sono molti termini tecnici comprensibili appieno solamente agli addetti ai lavori….cmq… 
Se il rimorchio agricolo lo chiami sterza, se il trattore lo chiami modore, se l aratro lo chiami perticara, se è reversibile diventa voltarecchie, se l erpice rotante lo chiami eliterra, se le andane le chiami ravare, se la seminatrice la chiami sumentatrice, se l erpice a dischi lo chiami morgano, se le zolle di terra le chiami zuppi, se un grande… se il norcino lo chiami “pistarolo” e soprattutto se pure te hai fatto la pista( Maurizio Baleani) … cambierei solo reversibile con “alla sversa!” ( Maurizio Fabbietti) … questo è probio un trattado de la tera !(Elisabetta Pirani)
Quando i miei nonni facevano la pista, oltre al fatto che era un modo per passare un’intera giornata e anche di più tutti insieme in famiglia, il momento più bello per noi bambini era l’assaggio dell’impasto delle salsicce, per essere sicuri che erano giuste di sale e pepe se ne cuoceva un po’ sulla pentola con un po’ di olio e poi si metteva su una fetta di pane…….. una delizia!!!!!! (Francesca Cardinali )
 *****
Alla staziò cìera el leo’ de Marziolo
31 
*****
IERI SERA GIANLUCA MOSCA!!! CHIEDEVA CHI PUò ESSERE UN OSIMANO CHE ANCORA NON è STATO PREMIATO O CHI SI MERITA UN MONUMENTO..be!!!! a stò punto io direi che magari un piccolo monumento se l ho meritano tutti veramente tutti gli Osimani!!! gente de gran core… e granni lavoradori…. e a quelli de qualche generaziò prima della mia 1965..che se alzavane alle 5 della madina e ndavane a fadigà in biscigletta chi celea!!!le donne ndavane alla filanda sono i nostri nonni e tanti nostre madri e padri che hanno contribuito a fà de osimo un pese straurdinario!!!cianne fatto cresce doi valori della nostra terra se non ciavemmie sto taccamento al paese nostro ( Sabrina Montecchiani )… A NUALTRI OSIMA’ LA VOIA DE FADIGA’ NUN C’E’ MANCATA MI MA NUN CEMU MAI AVUTO L’INZIATIVA,CEMU SEMPRE PAURA DA FA I BUFFI, E PER QUESTO CHE QUI IN OSIMU NUN CEMU NA FABBRIGA E SEMU DATI SEMPRE FORA A FADIGA’,OSIMO E’ SEMPRE STATO UN PAESE DE CUNTADI’ E DE SIGNORI   (Filiberto Diamanti )
 *****
Carnuale 1957 quannu le maschere nun se cumpraene belleffatte ma se cugiene tutte dendru casa a ma….sullu sfonnu la rcunuscede cu la porta?….nun è cuscì difficile c’è ancora adè! (Argentina Graziosi ) 1901718_757891880889137_1623998843_n

 *****
Da piccolo mia madre mi portava nelle belle giornate soleggiate a passeggio lungo via 5 torri , mi piaceva moltissimo e quando posso ripercorro volentieri lo stesso percorso partendo dalla vecchia casa dove abitavo in via Lanfranco Baleani .percorrendo via 5 torri facendo la prima tappa in una traversa che mi sembra che si chiami vicolo de centonari dove allora aveva la sua bottega Nazzareno Secchiaroli (Neno il carbonaro – mia nota -)che vendeva legna da riscaldamento e il carbone ( che nostalgia di questi mestieri e botteghe d’altri tempi) continuando più avanti ci è lo stabile dove c’era la scuola di Don Geronzi ( dove tra l’altro sono stato un degno scolaro (e qui non so se sia più consono fare ehehehe oppure hiho hiho hiho come i somari ) continuando ancora sino ad arrivare al bellissimo circolo dei senza testa ( che ora non c’è più ) dove ho avuto la fortuna di frequentare in gioventù ed apprezzarne le bellissime raffigurazioni dipinte sui muri dal maestro Elmo Cappannari per poi ritornare indietro passando sotto le mura di via guardino detta ” sotto Boccanera ” per via della magnifica villa posta a fianco dove abita l’omonima famiglia e dove ora c’è il tirami su e anche li ricordo che proprio nelle mura c’era una botteghino artigiana di un maniscalco ( sono passati oltre 40 anni ) e proseguendo ancora verso le fonti (visibili sotto la mura dei tre pini) in parte ora smantellate subito dopo l palazzo grande posto dopo villa Boccanera vi era la serra comunale gestita divinamente dall’allora giardiniere Sig. Limoni il quale ha fatto dei Giardini di piazza nuova un vero e proprio monumento Naturale. Ogni tanto mi fermo a pensare a quanto sono stato fortunato di avere vissuto questa parte di epoca così speciale .così antica . così OSIMANA ( Roberto Santarelli)
*****
101Campocavallo 1953 con Don Aldo e Muzio Riderelli. Quanno ancora c’erene i cuntadi’…(Franco Graciotti)

___________________________________
11. I  racconti della scola
Una foto che sembra uscita fuori dal libro di Edmondo De Amicis: i ragazzi della V^ elementare 1936-37
I personaggi hanno altri nomi, non sono: Bottini Enrico,  Coraci  il calabrese sempre vestito di nero, Coretti quello sempre allegro, figlio del rivenditore di legna, e che arriva a scuola stanco morto per aiutare il Padre. Crossi  quello con i capelli rossi, che ha un braccio paralizzato, e, che aiuta la mamma che fa l’erbivendola, mentre  il padre è in carcere ma lui non lo sa, gli hanno detto che è in America. Derossi Ernesto il primo della classe, però generoso, che  aiuta chi non è in grado di fare il compito in classe. Franti, il più discolo e indisciplinato della classe sovente cattivo. Garoffi il commerciante nato che  raccatta ogni cosa. Garrone,  il più buono ed è anche il più forte fisicamente, enorme di statura; tutti lo rispettano ma è anche bravo in aritmetica. Nelli,  il povero gracile gobbino,  protetto dal generoso Garrone che sarà suo vicino di banco. Nobis Carlo,  il signorino, gelosissimo di Derossi, . Precossi Pietro il figliuolo del fabbro ferraio, quello piccolo, smorto, e sempre malaticcio, Rabucco Tonino chiamato il Muratorino, figlio di muratore. Robetti Giulio il piccolo eroe.
Ma le loro storie saranno state simili, sono gli scolari della V^ elementare dell’anno scolastico 1936/1397 della vecchia scuola Santa Lucia del centro di Osimo. Il maestro si chiamava Emilio Nicolini, insegnante che formò una generazione di ragazzi osimani. Questi i nomi dei ragazzi, oggi anziani e purtroppo molti di loro non più vivi.

classe 1936_1937

(clicca sulla foto per ingrandirla)

Re RobertoBattaglia AngeloPolinori GiuseppeSalomoni FedericoEspositi FrancescoBrandoni SilvioVescovo LuigiPesaresi AlbertoCeroli PieroAndreani DinoAndreoni Fausto ( mio padre), Streccioni FaustoDuranti OrlandoColtrinari GiuseppeEusebi AntonioAntonelli MarioRagnini FerdinandoPugnaloni Mario,Graciotti EmilioBelelli AntonioSantarelli ArmandoCanonico Antonio,Antonelli EnricoPolacco  SinibaldoTesta ClementeCapogrosso DanteFagioli AntonioMosca VinicioMarconi CesareBelli AntonioCedrati AlbertoGasparetti VastoMontesi Primo e Marinelli Piero.
Come i personaggi del libro cuore chissà quante belle storie si celeranno dietro i volti sorridenti di questi giovani osimani, chissà quali erano i loro nomignoli, quali mestieri facevano i loro padri, dove i percorsi della vita li hanno indirizzati…. ( Paola Andreoni )
*****
1937-39 insegnante Natalini Dardani Re. Alunne: Gina Caporaletti, Lidia Stronati, Aldina Cupido, Maria Antonelli, Maria Badaloni, Giannina Pirani, Lina Marra, Delia Polenta, Elvira Morresi, Giuseppina Strappati, Maria  Rossini, Ersilia Maggi ……

zia Lidia 1937

zia Lidia alunni 1 classe 1937_1938

*****
Se ginnastica alle medie te l’ha fatta Pesarini !! A me me l’ha fatta Lombardi ,ogni volta che lo vedo penso :ma quanti cacchio de anni ha so vecchio io ? Lu me pare sempre uguale ! e perchè Pesarini ?? ancora dà le cighe dentro la scuola guida ? bisognerebbe studiarli , avranno il gene dell’immortalità.
Pesarini avea importado dall’ ameriga il beseboll a scola  ( by Valerio Pietroselli, Roberto Tozzo, Sergio Spilli )
*****
Asilo di San Giuseppe
Asilo
Asilo 2*****
1953 – Liceali davanti alla chiesa di S. Gregorio:  Franco Graciotti Don Geronzi, che insegnava religione. L’altro prof. calvo, accanto a Luciano Graciotti credo sia Vicarelli. Tra gli studenti Romano Rossi, Marco Morichi, Nadia Moretti, Giovanna Sinibaldi, Lavinia Tappa, Pierluigi Feliziani ed altri.
lib( Franco Graciotti)

*****
Fine anni 50 elementari alla Pieta’ ( Valerio Pietroselli ) …

Scuola 10Massimo Belfiori è, per caso, quello in piedi alla dx della colonna? ( Argentina Graziosi)
*****
2Su la Tore de Pisa,1955, i maschietti de le Magistrali, el Vescovo e Pangrazi. Le solite facce da ciambotti meno Carlo Gobbi che pare Little Tony e Franco Del Prete co’ lo sguardo fregarolo… ( Franco Graciotti )
*****
scuolak45Le Magistrali in gita a Lerici (1955). C’è el Vescovo, Galliano Pangrazi e na mucchia de futuri maestri e maestre che ntei cinquant’anni dobo hanne sdirozzato mezza Osimo! ( Franco Graciotti )

… j anni de recubero scolastigo, li ‘ndavi a fa da Don Geronzi!!!! E beadi chi c’avea i quadrì ( by Argentina Severini)
*****
1955 – L’Istituto Magistrale ( Franco Graciotti)
70*****
1958478_721441121222713_1615516829_nLa maestra Canapa…(Teresa Carloni)
*****
1950, quanno a scola se andava sotta le logge…….la maestra era la Taddioli(dice mamma) — con Ombretta Scarponi (mamma) e Rita Giuliodori
4( Alessandro Appolloni)

*****
16….oh! fedò ve riconoscede?  Argentina Graziosi, Ivo Mignanelli
*****
quannu erimi piccoli il maestro te sbrontolaa se parlami in dialiettu e no’ cume maestru c’emi a Ruzzi, non so se sapete cosa volea dì. Se a scuola il maestro Ruzzini te mettea una nota sul diario, a casa era il terrore;Se a scuola il maestro Ruzzini te dava un ceffone, a casa ne pijai n’altri due. Ciao Maestro, eri severo ma ti ricordo sempre con grande affetto.
24(Celestino Stronati)
*****
Chi e annati a scola alla caio se ricordera’ della Romiti
*****
scuo 8989Dovria esse il 1967…Francesca Marconi
*****
Don Aldo Compagnucci, Sora Liunora e Sora Amedea, ( Luca Galletti ) e ( Monica Vaccarini )
*****
5^ elementare, anno 1950, del maestro Santarelli. Il 3° da destra in seconda fila è zio Alessandrini Nazzareno. Chi erano gli altri giovani studenti ?

(inviata da Alessandrini Nazzareno)
*****
A Scuola con il maestro Buccetti ( Attilio Coriani)
25nn*****
il Maestro Milò!!!, il Maestro Boccetti, i maestri Minucci
*****
Anno scolastico 1957-1958. Insegnante Alda Lillini. Gilberto Grottini, Romano Sacco, Giuseppe Guercio, Sandro Fanesi, Enzo Cesarini, Rodolfo Graciotti, Claudia Trucchia, Sandro MarinelliCesare Bellucci, Emilia Turicchi, Loretta Caporalini, Ivana Pallotta, Pino Attili, Ombretta Carlini, Mario Scarponi, Margherita Graciotti, Rita Stronati, …….

Zia Rita

*****
scpla adffQuannu nte le scole cerene i banchi de legnu, elementari di Abbadia (Bruno Cantori (Bruno Cantori)  Anna Maria Gabbanelli, Goancarlo Rocchi, Luciana Baldoni, Rita Pozzodivalle, Tersilio Caporalini, Antonietta Montapponi, Giovanni Gambini, Loretta Loretani.
*****
Asilo Muzio Gallo natale 1960 la metto per ricordare l’amore, la dolcezza e la professionalità della mia signorina d’asilo oggi Signora Adriana Fagotti. Di lei conservo dei ricordi straordinari ( Argentina Graziosi)
22  45*****
….scuola della Pieta’….IV elementare con la mitica Maestra Gioconda Mondaini ( Gino Graziosi)

1901830_470996783028901_1261326208_n…..inimitabile Maestra Mondaini…!!! (Mary Baiocco)
*****
25Caio Giulio cesare I°A anno 1996\97 ( di Luca Gasparoni )
*****
culonia al Muzio Gallo (Valerio Pietroselli)
5*****

Asilo Muzio Gallo del Borgo.
26Con Brandoni Cecilia, Diego Gates Artiaco, Diego Ricci Photographer, Franco Falcetta, Eros Pirani, rando(r.i.p),Gustì Borghi , il Ciolo …

*****
Classe V elementare Bruno da Osimo anno 1958 ( Milvia Vigiani) … io sò del 1965….ma i banchi sono quelli ma la cosa più bella sono i fiori sopra!!!
20 ( Sabrina Montecchiani)
*****
Se andavi a scola in piazza e quando c’avevi il compito in classe, prima d’entrà andavi a pregà  giù la cappella de San Giuseppe , col fojo protocollo ‘ntè le mà. (by Maria Pia Palmieri

*****
3^ elementare Santa Lucia – 1966

Immagine1C’era stata da poco l’alluvione a Firenze e a scuola abbiamo avuto per alcuni mesi un compagno nuovo ( il ragazzo senza grembiule). La sua famiglia aveva perso tutto  a causa della  piena dell’Arno, il padre aveva fatto il militare con il mio. E’ stato ospite da noi per alcuni mesi. Con il grembiule azzurro che si allacciava dietro con i bottoni, il colletto bianco inamidato “che glje se daa na ‘inamidada per fallo sta più teso se no era moscio” e il fiocchettino rosso che per non farlo sfilacciare veniva ogni tanto bruciacchiato “FIARATO”: Roberto Limosini, Massimo  Carletti, Corrado  Colonnelli, Cucchiarì piccolo, Armandì, Renato Curina, Strappato, Sandro Pangrazi, Paolo Brugè, Gna al secolo Roberto  Piangerelli, Danilo Feliciani, Giorgio Morroni, Sergio Berlardinelli, io, Celestino Andreucci, Turiddu  al secolo Salvatore Ingargiola, Graziano Mezzelani, Mosca e Silvano Baffetti figlio del profumiere ( recurdato da Cilè il fijo de Stronato il fornaciaro)
 *****
3^ elementare 1969 Bruno da Osimo con il maestro Ruzzini
269719_250865441592051_3803011_n

 *****
2^ elementare 1968 con il compianto maestro Graciotti
22
 *****
domadina fago seghì e vago gio pel corso sà lia ( Cinzia Guerrini ) … oddio giuppè il corso nun era il caso !!!! la notizia rivava a casa prima de te!!!! ahahahah ( Patrizia Zacconi)
*****
Scuola Media Caio Giulio Cesare, 1970 circa. La classe, evidentemente, era tutta maschile. E chi se lu ricurdaa?! ( Claudio Pierucci)
1489072_10202312217799768_19248433_n… ma quello a sinistra di Camei mi ricorda qualcuno….Pasqualini settebellezze? Pole esse? (Antonella Marchegiani) … claudio, sei il primo al centro a sx? ( Simonetta Antonelli)… sci, oh. m’hai rcunosciudo! 
( Claudio Pierucci ) … ci sono pure PULCE ovvero Rosati Roberto ma ci sno anche Spinaci Pesaresi, ne conoscio multibé ( Giuseppe Saluzzi ) … Io ero molto preso dal tessuto dei miei pantaloni… ( Marco Mignanelli ) … magari! Mi ricordo poco di quegli anni, ma non dimentico il prof. Bortolotti che si alzava in piedi dietro la cattedra e urlava, rivolto di solito ad Alberto Leonardi “Fuoriiiiiiiii! Ulli, ulli, chi li ha fatti li trastulli!” ( Claudio Pierucci ) Il prof. Bortolotti in dimenticabile professore di matematica della Caio ( Andreoni Paola) … E pensare che ora faccio lo stesso mestiere del prof. Bortolotti! ( Claudio Pierucci ) … Però non hai come allievo Biagio. ( Claudio Montecchiani)… Me pare che c’e’ pure Schenio, al secolo Pesaresi Eugenio il primo in basso a sinistra…e’ lu uguale ‘mpaccado ..(Sergio Spilli )
*****
chi se rcorda della 5° elementare . Forse anno 1970. Morena Moroni, Anna Pietroselli, Paola Gatto
1aaa(Valter Azzeruoli) Una giovanissima maestra Sgardi! … tra i figjioli c’è pure Baghetto
*****
Al seminario 1972 il circolo Il Faro,con Mons Canalini …..da giovani ragazzi a mogli e mariti con figli (Fulvio Cingolani)
1972
(foto by A.Scarponi) Riconosco il prof. Niccoli Alberto oltre a Renato Marzocchini e Tina, Fulvio Cingolani e consorte,  gli altri ?….
*****

1977168_10202348210300967_1872022078_nQuello più a sinistra di tutti dovrebbe essere  il figlio del maestro Carbonari
*****
1959655_10202348211981009_525691658_n*****
Con la mitica prof.ssa BIANCHI!!!!
29*****

Dobu 55 anni ancora me ricordu il sabore e ‘l prufumu delle pulpette de Gigia alla culonia al Muzio Gallo li’ ‘l Borgo ,sara’ che la fame era tanta ! ( Valerio Pietroselli)
1653298_809484635732579_1909097106_n *****
La V B in trasferta a castello (by Tony Borsini )
Scuola 859*****
Il MITICO prof. Pesarini de ginnastica(se dicea cugì quella volta,miga Educazione Fisica  ) ce dicea ATTENTI RIPOSO!!!
AABBA e chi se ricorda del Prof.CECCARINI di Applicazioni Tecniche?Anzi come adè che quanno entrene i Professori fanne tutti il casì:cula volta nun volaa una mosca!!! ( Paolo Catena )
Questa foto e’ stata fatta quando avevo 8 anni in colonia a Senigallia..chi si riconosce?:(Flavia Guercio)
1901954_644623078930231_432604579_n.. anziana sci ma rincojonita no èèèèèèèèè!!!! (Flavia Guercio )
*****
9ANNO 1974  Brandoni Loretta, Cinzia Orlandoni,Mirella Antonella, Sabrina Coltrinari, Lorenzo Antonelli, Paolo Gambella, Oliviero Bevilacqua,Andrea Bevilacqua, Mario Belli, Andrea Accorroni, Paolo Agostinelli, Ramona Bompadre
*****
Quarta classe della Pietà, anno 1957 o 1958, io Santarelli Sergio, sono il penultimo a destra. In quanti vi riconoscete. La Maestra era la Puccioni.( Sergio Santarelli )
Pietà
*****
scuola elementare Trillini anno 1964-1965 forse…maestra Trillini..quella in alto a destra è mia madre Giuliodori Daniela…il resto non so!!! divertitevi voi!!! ( Debora Agostinelli)
Scuola oggi 2*****
4
*****

Ho trovato questa foto dell’asilo Montessori(ora ospizio Bambozzi)che ho frequentato ,quella vestita da pierrot in alto a destra sono io …………….. chi si riconosce???? (Alessia Santarelli)
Asilo 7
Ero Zorro! (Fabio Pierpaoli), Superman. Fila centrale a sinistra. ( Gianluca Cingolani )  Il diavolo rosso al centro so ioooooo (Michele Marzioli)… La zingara accanto al diavolo rosso!!!! ( Barbara Baleani)
*****
Asilo6faceo l’asilo primissimi anni 70 credo (Ross Folkkabbestia Polverini) le scarpe co j occhi andava x la maggiore (Alessandra Antonella)
*****
Caio Giulio Cesare  1°-2°-3° B anno 1993
44993_4161077228709_1114678387_n
___________________________________
12. CONVERZAZZIO’
ssi de Osimo ? …sci da parte de babbedo?…de ndu sarissi? ( Luca Ghergo ) … Va be! Ce somiamo un po! ( Monica Borsini ) … ero piu’ osimana che romana, mi facevo almeno 3 mesi d’estate, poi la processione di Pasqua, e Natale. Molti di voi li conosco ma non mi ricordo i nomi, chissa’ con quanti di voi ho giocato a chiapparella a piazza Nuova.. o sono andata a suonare i campanelli . Ultimamente sono venuta poco, ma ho ancora casa li’, e’ quella in via 5 Torri di fronte ai Senza Testa con la torretta ( Roberta Guevara De Angelis )…Allora va be’! Se c hai pure la torretta sei più osimana che romana! ( Monica Borsini ) …daje…sei guasi promossa…basta che nun te scrii a “Sei di Roma se…”! …Oh se nun me cabisci..dimmelo che proo a parlá più gguzzo! ( Luca Ghergo )
*****
Sai che fine a fatto….. il cà de Ciavattì ( Bruno Bottegoni) …non era il cà de zagaglia e el gatto de ciavattì??? ( Stefano Mosca) … Sci sci po esse ( Bruno Bottegoni) … comunque anne fatto na finaccia tutti e do!!! (Stefano Mosca )
*****
3 a‘Na casa cusci’ stretta la troi solu in Osimu, Ndu dormene pel curridoio ? (Valerio Pietrosell) … chissa come enne detru (Francesco Cardarellari) … era la casa della maestra Canapa! (Teresa Carloni) .. sotto i tre pini? (Marina Marra)
si……i pini l’anne scarpiti..nun ce stanne più..(Mirella Galassi )
*****Si dd’Osimo se …je la fai a svernalla ( Ombry Graciotti) … je la famo je la famo ( Ross Folkkabbestia Polverini) …. Sciguro! (Ombry Graciotti )
*****
UN BRIAGO D OSIMO IA DITTO A LA MOIE BONU SU BRODU .. ADE PORTAME IL LESSU X SECUNDU … LA MOIE NUN CE LEO IL CAPPO LU FATTU CUL DADO … E LU ALLORA PORTAME LA VITE ( Vito Catozzo)
*****
nun sei de osimo se nte ianni 60 nun hai visto mai a busca i fioli al mare perche nun vulea scappa dall acqua LE SCENE SCAPPA FORA CHE CI I LABBRI VIOLA … E IL BARDASCIO MA TE ME MENI DOBO … LA MADRE NUN TE MENA MAMMA .. E QUANDO SCAPPAVI I BOCCADONI NTEI LABBRI .. PURE PIU VIOLA .. E IL FIOLO PIAGNEA … E LA MADRE STA ZITTU .PIAGNI SOLO TE ,, VERGOGNADE…… IL FIOLO DENTRU DE LU SA BUSCO SOLO IO CHISSA CHI DEE PIAGNE (Vito Catozzo)
*****
___________________________________
13. CHI L’ HA VISTE/I e li sa RICONOSCERE ?
quesse le riconoscerete siguro (Ross Folkkabbestia Polverini )
AAADE
*****
1966…Chi so questi….uno é mi padre..( Danilo Marchegiani) … el seconno è “Papola”….(Tony Borsini )
bbbbb*****
Tabuzzi, Mauro Mazzantini, Paolo Bambozzi …
21
*****
Chi li riconosce, anno 1960
6

Quessi li ‘rcunosce mejo quelli del Borgu pure perchè tutti c’eene ‘l suprannome : Giuseppe Graciotti (Barabba ) Peppe de Smira’ (babbu ) Mario Mezzelani (Tarabu’ ) Veraldo Stacchiotti ( Pacchio’) Tutta gente che nun je piacea ‘l vi’ . (by Valerio Pietroselli)
6… Il bello era che Barabba, quando alzava il gomito, cantava a squarcia gola Bandiera Rossa! ( Nevio Lavagnoli)  …. Gigio de moresi

*****

___________________________________
13. LA PULIDICA Chi ‘nduvina da che parte staceene i predi ? Drendo la gabina ndu vodi…Dio te vede!!! Stalin no…(Maurizio Baleani)
1780645_810865322261177_939431430_n…c’erene puri i pipinari !!! che erene sempre tra le sottane dei predi per qualche raccomandazio’….adesso qualchidu’ de quessi…senza a fa nnomi (…è un dottore !!) va’ pure a Arcore a casa de …. (Tony Borsini )1891184_810887842258925_964213416_nFurtuna che c’era Anto’ che tenea alta la bandiera ( Valerio Pietroselli)


Annunci

3 Risposte

  1. MOLTO INTRESSANTE
    PGB

  2. Enrico Davalli
    La foto riguarda le elementari negli anni 55-60 con il maestro Buccetti:
    Da sx 1a fila Giuseppetti Gabriele,Davalli Enrico,Piccini Pietro,x ,un collegiale e Coriani Attilio. 2a fila Giacco Giovanni,Campanelli Paolo,Mattioli,Bianchi Sandro, collegiale,Masi. 3a fila Gaggiotti,M o Buccetti,Falcetta,Rizzi Stefano,Iacoboni,Canapa Stefano,Piccini Sandro,Giunta ,x,x,x,x,x,Badialetti Fabio.

  3. A proposito di Mario Collura detto “Mariolì”, “spia delle guardie” era una battuta che lo faceva andare letteralmente in bestia. Non era lui a proferirla ma i simpatici buontemponi di piazza che amavano stuzzicarlo così. Un altro aneddoto che ho su di lui era che amava avvicinarsi ai bambini ma questi il più delle volte si spaventavano e la cosa lo faceva piangere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: