Renzi riesce dove altri hanno tentennato e rimandato: Il PD ha aderito al PSE:

PSEFinalmente anche  il PD  aderisce al PSE (Partito Socialista Europeo) con “121 sì, un voto contrario (Beppe Fioroni), due astenuti su 125 presenti”.
Un bravo a Renzi che è riuscito dove altri, per primo Veltroni, non sono mai arrivati nell’impresa di far  collocare con chiarezza i democratici italiani nel Parlamento Europeo.
E oggi inizia il congresso del PSE a Roma.
Paola

Annunci

Chi tace sta zitto: L’Amore al tempo dei CINQUE STELLE.

“L’Amore al tempo dei Cinque Stelle”. 

1939647_1421077041473297_82329509_ndi Luca Lanari
( chi tace sta zitto )

Due bellissime foto della Storia della scuola osimana

Scuola854

Sai de Osimu se…

Oggi il prof. Franco Graciotti ha pubblicato su fb due bellissime immagini, che qui ripropongo, ognuna accompagnata da un  commento 
scuo 65456Su la Tore de Pisa,1955, i maschietti de le Magistrali, el Vescovo e Pangrazi. Le solite facce da ciambotti meno Carlo Gobbi che pare Little Tony e Franco Del Prete co’ lo sguardo fregarolo… ” ( Franco Graciotti )

scuolak45Le Magistrali in gita a Lerici (1955). C’è el Vescovo, Galliano Pangrazi e na mucchia de futuri maestri e maestre che ntei cinquant’anni dobo hanne sdirozzato mezza Osimo!
…Sono passati 60 anni e qualche nome mi sfugge, anche perchè alcuni/e non erano osimani. Comunque Fra le ragazze riconosco: Rossana Prosperi, Franca Costantini, Elia Giuliodori,  Sandra e Aide Alessandrini, una Parini, Marcella Feliziani, Santarelli, Matia Pia Dall’O, Ilda Belli, Titina De fraia e la sorella. Tra i maschi, di Osimo, Leonardo Pallotta, Carlo Gobbi, Oriano Guzzo, Adalberto Minucci, Franco Del Prete e il sottoscritto. on riesco a ricordare il nome del frate che insegnava lettere. 
( Franco Graciotti ) 

Come sottolinea il prof. Graciotti questi, allora, giovani studenti delle Magistrali sono diventati gli educatori e seminatori dei saperi nella nostra città.
Ognuno di loro avrà portato  il proprio metodo, qualcuno ispirandosi a Danilo Dolci, altri avranno sperimentato le teorie di Alberto Manzi e qualcuno avrà fatte sue le idee di  don Lorenzo Milani, ma tutti  li ricordiamo ed immaginiamo animati dalla stessa  passione e pazienza. I nostri Maestri … e oggi, la storia continua.
Oggi, la Scuola è sempre più ricca di strumenti tecnologici, dotata di  nuovi più raffinati metodi di formazione –  ma sempre grazie ai suoi “maestri”  – continua ad avere  la stessa ed unica finalità: insegnare a pensare.
Grazie Maestri e grazie al prof. Franco Graciotti per aver rammentato  i nomi di alcuni educatori che hanno fatto la storia della scuola della nostra città.
Paola

linea-52

L’attenzione alla Scuola

scuola 98745

E’ con il “batticinque” che Renzi pensa di ricostruire la Scuola pubblica Italiana ?

Apprezzo la grande attenzione che il primo Ministro Renzi ha deciso di dare alle politiche per la scuola. C’è da chiedersi però perchè non passare immediatamente dalle parole ai fatti? Ci sono già , ad esempio, depositate nelle Regioni i progetti presentati dalle amministrazioni per accedere ai 150 milioni di euro messi a disposizione dal Decreto del Fare.
Sono progetti immediatamente operativi finalizzati per la messa in sicurezza delle scuole ma, ad oggi, non finanziati perché le risorse a disposizione erano scarsissime. Per dar seguito ai buoni propositi del neo governo Renzi si potrebbero far partire da subito “mettere in  cantiere” questi progetti,  tutti mirati a garantire la salute di studenti e lavoratori, a partire dagli interventi di bonifica dell’amianto.
Partire subito da quello che c’è già , a che serve  girare per le Scuole e chiedere ai ragazzi per quale squadra di calcio sono tifosi? Accanto alla messa in sicurezza, si potrebbe poi cominciare ad uscire dalla logica dell’emergenza e puntare a costruire nuove scuole o a rendere quelle esistenti più moderne, dotate di strutture al passo con i tempi come osserviamo, girando per l’Europa, stanno facendo tutti gli altri Paesi.
Il nostro Paese ha bisogno di una nuova scuola per nuovi cittadini
Paola

Chi tace sta zitto: Nuovo governo Renzi.

Nuovo governo Renzi . 

6fdi Luca Lanari
( chi tace sta zitto )

Nella giornata in cui nasce il “governo presuntuoso di Renzi”, la notizia è il ritorno di BERSANI.

bERSANI 8574In momenti così incerti il ritorno alla Camera di un Bersani ormai ristabilito dal malanno di inizio gennaio riempie il cuore e dà un filo di speranza. La politica ha ancora bisogno della sua umanità. Soprattutto una politica che ha anch’essa bisogno di guarire.
Un grande abbraccio, Pierluigi!

“Anche la politica deve guarire”. La prima intervista a Pier Luigi Bersani dopo l’operazione

Pier Luigi Bersani_dopo la guarigione  intervista di Claudio Sardo a Pier Luigi Bersani (l’Unità, 23 febbraio 2014)

Pier Luigi Bersani sta bene. È dimagrito ma l’ho visto mangiare con appetito, rendendo il giusto onore a quegli straordinari tortelli piacentini fatti in casa. Sulla testa sono ormai pallidi i segni dell’operazione che ha bloccato la sua emorragia cerebrale: bisogna cercarli per riconoscerli. Gli sono pure ricresciuti i capelli (dove possono). Da quella drammatica mattina del 5 gennaio non ha più fumato: «Nessuno me lo ha imposto, ma visto che c’ero…». Il suo volto, le reazioni, lo sguardo sono quelli di sempre. E così la voglia di scherzare, che penso sia diventata per lui una sorta di autodisciplina, un modo per darsi un limite, per non prendersi mai troppo sul serio.
I collegamenti con Roma tornano a farsi giorno dopo giorno più intensi, soprattutto attraverso il telefonino che ronza nonostante la moglie Daniela fulmini quell’oggetto con gli occhi. La passione per la politica resta per lui una carica vitale. S’arrabbia nel parlare delle cose che non gli sono piaciute in questi giorni, a partire dai modi con i quali Renzi ha scalzato Letta e imposto, con la forza, il suo governo senza aver dato una spiegazione compiuta…
(continua a leggere)