Quando nel campo c’erano campioni veri.

 Ricevo da Savonarola e pubblico.

Ci ha lasciati “fornaretto”. Oggi a Roma i funerali di Amedeo Amedei.
Era il 1936 e Amedeo Amadei esordiva in serie A. Aveva 15 anni e ancora oggi il suo record è imbattuto. È il più giovane esordiente nella massima divisione del campionato italiano. È morto a 92 anni “fornaretto”, come lo soprannominarono i suoi tifosi, o anche l’ ”ottavo re di Roma” per la sua grande popolarità. E’ stato un grande centravanti, un grande campione negli stadi  e nella vita. Malgrado la popolarità non ha mai abbandonato i suoi genitori nella gestione del forno, da questo fatto il soprannome di “fornaretto”.

Quante cose potrebbero imparare da queste storie gli attuali presunti assi del calcio, a partire dal giovane Mario Balotelli.

Savonarola

Annunci

BUON GIORNO e AUGURI

 

 BUON GIORNO PRINCIPESSA

 

A Te che sei la mia amata moglie,
alla nosta GRANDISSIMA Mamma.

Celestino, Valentina e Giacomo

Houdini ricordato da Google

Harry Houdini: il logo di Google al piu’ grande illusionista. Google celebra il 137mo anniversario della nascita del piu’ grande illusionista di tutti i tempi.
Harry Houdini, il cui vero nome era Hrich Weisz era nato a Budapest in Ungheria il 24 marzo 1874 e mori’ il giorno di Halloween, il 31 ottobre 1926.
Fu senza dubbio il piu’ grande illusionista di tutti i tempi. Compi’ memorabili imprese liberandosi da manette, catene, camicie di forza, ma la sua abilita’ veniva apprezzata soprattutto nel numero di riuscire a liberarsi stando a testa in giu’ in una vasca di vetro chiusa a chiave e piena d’acqua, noto come la ‘tortuna cinese dell’acqua’.
Combatte’ sempre i chiromanti e i medium che riteneva dei truffatori. Infatti la sua avversione nacque quando avendo chiesto aiuto ad un medium per parlare con sua madre da poco morta e alla quale era molto attaccato, aveva in seguito scoperto che si trattava di una truffatrice. Da allora combatte’ sempre lo spiritismo in generale e la ricerca dell’occulto cercando di smascherare i mistificatori.
Prima di morire Harry Houdini volle dare l’ultimo colpo al mondo del mistero lasciando alla moglie una frase segreta con la quale se gli fosse stato possibile avrebbe cercato di comunicare con lei dall’aldila’. Stiamo ancora aspettando tutti!

Savonarola

Storie di CANI

       Non si conoscono  i loro nomi, ma i volontari che li hanno raccolti nelle boscaie dellìappennino tosco emilianom li hanno subito ribattezzati Giulietta e Romeo. Lui è un giovane e tranquillo meticcio dagli occhi malinconici. Lei, tre anni all’incirca, vivace ed affettuosa, scodinzola felice, dopo il lieto fine della brutta avventura che l’ha vista protagonista. I volontari del canile  l’hanno trovata in un bosco, legata ad una lunga e pesante catena che si era irrimediabilmente attorcigliata attorno ad un ramo. Era lì già da alcuni giorni e sarebbe certamente morta di fame se qualcuno non avesse dato l’allarme. Grazie a Romeo, che non l’ha mai abbandonata e che, abbaiando sino allo sfinimento, è riuscito ad attirare l’attenzione di un residente, che ha dato l’allarme. A quel punto i volontari si sono attivati, mettendosi alla ricerca della cagnolina. Ma in quella zona impervia  non avrebbero avuto speranze di rintracciarla se, ancora una volta, non fosse intervenuto Romeo, andando di fatto a prenderli. Giulietta e Romeo ora stanno bene. Lui è ancora un po’ provato, ma lei, emblema della felicità a 4 zampe, non ne vuole sapere di lasciarlo solo per un attimo. Non conosciamo il passato che li ha uniti ma il loro presente è una bella lezione per tutti.

Savonarola

Eroi

 Sono Cinquanta uomini , 50 lavoratori e tecnici che con spirito di sacrificio e abnegazione combattono contro il mostro atomico, impegnati in un compito difficile:  far raffreddare il più possibile le barre di combustibile nucleare della centrale. Ho letto sui giornali che sono sfiniti da turni massacranti ma che, nonostante la paura di una possibile imminente contaminazione, continuino imperterriti anche se esausti nel loro lavoro. Quelle 50 persone meritano tutto il mio rispetto, e credo la nostra totale ammirazione. Quando si rischia la vita coscientemente e volontariamente per gli altri non si è solo uomini e neppure grandi uomini, si è semplicemente eroi.

Savonarola

Auguri da parte di Savonarola

” L’otto marzo non cercare di essere una donna grande.
Già il fatto di essere donna ti rende grande. “

 

 

Anche il nostro calcio a volte sa cedere il posto alle vere emozioni

 Emiliano Mondonico fa il suo ritorno in panchina a distanza di poche settimane dal suo momentaneo addio per sottoporsi ad una  difficile operazione chirurgica che lo ha visto uscire vincitore. Il suo mega sorriso sotto la berretta di lana per ripararsi dal freddo è una delle immagini più belle che il nostro calcio possa oggi offrire. Immagine che suscita emozioni diverse da gol e dribbling, ma  molto più profonda. Auguri Emiliano.

 

Savonarola