Ringrazio tutte le 1.073 persone che hanno scritto il mio nome

Paola Andreoni PD 1Ieri è stato il giorno in cui “persone normali”, quelle vere, hanno reagito ad una legge elettorale ridicola partecipando in maniera consistente alla scelta dei Parlamentari del PD.
Anche nella nostra Provincia la partecipazione è stata in linea con le medie nazionali e ogni elettore ha fatto le proprie scelte.
Queste le preferenze che ho ricevuto:

 

  Andreoni  Paola  

   

 Agugliano

16

 Ancona

51

 Arcevia

10

 Barbara

3

 Camerano

81

 Camerata Picena

2

 Corinaldo

4

 Castelfidardo

91

 Castelplanio

4

 Chiaravalle

10

 Cupramontana

3

 Fabriano

21

 Falconara Marittima

19

 Filottrano

35

 Jesi

15

 Loreto

79

 Maiolati Spontini

2

 Montecarotto

11

 Montemarciano

5

 Monte San Vito

4

 Numana

33

 Offagna

22

 Osimo

445

 Ostra

1

 Ostra Vetere

3

 Polverigi

15

 Ripe

4

 Rosora – Mergo

5

 San Marcello

4

 Santa Maria Nuova

3

 Sassoferrato

1

 Senigallia

7

 Serra de’ Conti

4

 Serra San Quirico

1

 Sirolo

53

 Staffolo

3

Totale
(
tutta la Provincia)

1.071

Voglio ringraziare tutti i volontari, grazie ai quali si è potuto organizzare e tenere aperti i banchetti per le votazioni, a loro il primo ringraziamento. Ringrazio gli iscritti del PD osimanoGrazie a quei giovani, lavoratori e pensionati, di Osimo, Castelfidardo, Filottrano, Loreto, Camerano, Sirolo, Numana e Polverigi che mi hanno sostenuta in questi giorni e che hanno lavorato con me a questa campagna.

Un ringraziamento sincero anche a tutti i candidati a queste primarie con l’auspicio a chi ci rappresenterà in Parlamento, a farsi carico dei dubbi e dei problemi dei lavoratori e delle lavoratrici, dei pensionati e dei giovani del nostro territorio. Assieme a loro c’è da ricostruire un Paese intero.

Da domani inizia la campagna elettorale per vincere le elezioni politiche con Bersani Premier. In questo momento molto difficile e pieno di incognite per il nostro Paese,  il PD deve saper proporre  politiche che sappiano coniugare il rigore che ci  viene imposto,  con interventi di crescita e di ridistribuzione della ricchezza. Chi avrà l’onere e il privilegio di  fare politica in Parlamento, lo deve fare guardando e stando a fianco delle persone. Lavoro, giovani, donne, territorio, tagli ai privilegi-costi della politica, sono convinta che le persone ci giudicheranno sopratutto su queste cose.

Alle persone, ai loro volti, occorre dirgli che loro sono il centro della nostra azione e non la facile via d’uscita su cui scaricare i problemi che stiamo vivendo.  L’imminente campagna elettorale ci riguarderà tutti indipendentemente dalle preferenze di ciascuno in queste primarie, perché riguarda la riuscita del Partito Democratico e del nostro Paese.

Uniti per vincere le elezioni e governare l’Italia fuori dalla crisi.  Tanti Auguri per un Felice 2013.

Paola

Spese sostenute:
– stampati e volantini € 258;
– telefono … ( lo scoprirò nella prossima fattura).

Un grazie particolare, per il tempo e la pazienza a me dedicata,  a: Andrea, Cesare, Eleonora, Fabio, Filippo,  Flavio, Juri, Gerardo, Lorella, Luca, Mario, Mauro, Nello, Renato, Vincenzo,  Ubaldo…

risultati completi, tutte le città della provincia di Ancona

Annunci

Un guanto… fu rapito

 

    Una nota per ogni domenica

                                                                                       

                                                                                        –

               –

Buona Domenica a tutti Voi, una bellissima canzone del 1996

….E il guanto fu rapito in una notte d’inchiostro
da quel mistero chiamato amore
da quell’amore che sembrava un mostro.
Inutilmente due nude mani si protesero a trattenerlo.
Il guanto era già nascosto dove nessuno può più vederlo,
il guanto era già lontano quanto nessuno può più saperlo.

Quali saranno i miei impegni elettorali

scegli il tuo parlamentare

Il mio programma per il Parlamento: 5 questioni per tutti.

LAVORO
La crisi e il mal governo hanno portato il nostro paese a un livello di disoccupazione dell’11% e a una mortalità di imprese troppo elevato . Le politiche di austerità hanno alimentato la recessione e bloccato la domanda interna. Dobbiamo invertire la rotta e far ripartire l’economia vera. Serve più respiro alle piccole medie imprese per riassorbire la disoccupazione, serve sostenere la domanda interna e ridistribuire reddito verso il basso.
La stessa riforma del mercato del lavoro non ha dato le risposte attese e va rivisitata nel segno di una maggiore equità. Così come la riforma delle pensioni va rivista per introdurre una flessibilità in uscita e una soluzione definitiva al problema esodati.
Serve investire sulle nostre intelligenze, sulla tecnologia e l’innovazione. Nel rapporto con Università ed Enti di Ricerca per avvicinare il mondo della conoscenza e l’impresa di qualità anche attraverso un sistema di fisco agevolato per chi assume e investe anziché fare finanza. Serve uno sguardo alle cose concrete.

GIOVANI
Un Paese che si vuole sviluppare deve puntare sulle nostre ragazze e sui nostri ragazzi. Dobbiamo ridare forza all’istruzione pubblica, dalle scuole primarie all’università fino al mondo della ricerca e dell’alta formazione. Il mercato del lavoro deve essere inclusivo e dare certezze ai giovani senza toglierne a chi ne ha già, dobbiamo porre fine al dilagare della precarietà che impoverisce e toglie dignità proprio a chi si avvicina per la prima volta al mondo del lavoro. Dobbiamo investire sul merito, quello vero. Quello che produce ridistribuzione e conoscenza, quello che garantisce le pari condizioni a tutte le ragazze ed i ragazzi del nostro Paese. Quello che sia in grado di rimetterci in moto affidando, nella pratica, le chance del proprio futuro a ciascuno ne abbia voglia e capacità. Non c’è progresso senza merito, e non c’è merito senza pari oppurtunità e pari condizioni.

DONNE
La crisi economica sta escludendo le donne dal mondo del lavoro relegandole ai lavori di cura che non sono più garantiti dal servizio pubblico a causa dei tagli e dei costi eccessivi. Eppure ovunque si legge del valore che il lavoro femminile avrebbe nello sviluppo del nostro Paese. Dobbiamo batterci per eliminare una volta per tutte le discriminazioni salariali e di ingresso al lavoro.
Occorre fare di tutto perché venga affrontato e superato il dramma della violenza contro le donne con strumenti legislativi e culturali. Tanto si è fatto sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, nelle leggi e nella contrattazione collettiva, ma non è assolutamente sufficiente. Oggi diventare mamma significa licenziarsi e non avere più alcuna certezza di rioccupazione. E’ tempo di rafforzare il nostro sistema di welfare anche in quest’ottica e liberare le energie di tutte quelle donne che hanno dovuto sacrificare parti sostanziali delle proprie aspirazioni.

TERRITORIO
Vorrei portare in Parlamento tutto ciò che ho ascoltato in anni di attività politica locale fatta con tanta passione nel nostro territorio. La dimensione quotidiana dei problemi concreti dei cittadini: la Tassazione Locale, il Welfare, le politiche sui servizi e della mobilità territoriale fanno parte della gestione ordinarie dei bisogni dei cittadini che, soprattutto oggi, pretendono risposte chiare e in tempi rapidi. Mi candido a rappresentare questo mondo in Parlamento. Continuerò ad ascoltarli, assieme al mondo delle imprese, dei lavoratori e pensionati del mio territorio per dare risposte alle esigenze reali quali, ad esempio, la salvaguardia del territorio e del suo paesaggio a continuo rischio ambientale, la ricerca di risorse per il completamento delle infrastrutture strategiche e tutto ciò che può generare progresso e ridistribuzione di servizi e ricchezze.

TAGLI AI PRIVILEGI-COSTI DELLA POLITICA
Questo è un tema etico particolarmente sentito in questo momento storico, oltre che questione irrinunciabile che deve diventare un nostro obiettivo caratterizzante. I tagli ai privilegi vanno perseguiti, da qualunque parte essi siano. Se vogliamo riportare sobrietà e ridare serenità dobbiamo, come classe politica, occorre dare l’esempio, non limitandoci ad una sacrosanta quanto indispensabile onestà e trasparenza, ma riducendo sensibilmente gli stipendi dei parlamentari a tutti i livelli e soprattutto eliminare prebende e benefit che non hanno ragione di esistere. Una nuova legge elettorale con riduzione del numero dei parlamentari e del numero dei membri delle commissioni. Massimo 2 mandati. Chiusura degli uffici di rappresentanza per ex presidenti della Camera e relativi benefit come alloggi a disposizione. Abolizione delle scorte per chiunque non svolga più attività parlamentare e/o non ne abbia realmente diritto. Abolizione dei rimborsi per le spese sanitarie dei parenti dei deputati. Riconoscimento del trasferimento via treno gratuito del parlamentare da e per la propria abitazione. Ogni altra forma di spostamento per motivi istituzionali deve essere provata e motivata. Divieto assoluto di mantenere doppi incarichi e/o doppio lavoro: o in Parlamento, oppure a svolgere la propria professione. Riconoscimento di un compenso mensile in base alla media europea, stesso dicasi per la pensione. Se un politico in carica viene riconosciuto colpevole dalla Commissione per le autorizzazioni a procedere della Camera questo deve essere immediatamente espulso dal Parlamento senza più compenso e non sarà più ricandidabile. Il parlamentare otterrà la pensione al compimento dei 67 anni con una retribuzione in base ai contributi versati.

Per tutto questo chiedo il vostro sostegno e il vostro voto alle primarie, in modo da avere la possibilità di rappresentarvi in Parlamento.

Per questo vi chiedo di scrivere Paola ANDREONI, il 30 Dicembre alle primarie per i parlamentari del PD.

Paola Andreoni

SCHEDA DUE COGNOME

Canone RAI, si può chiedere l’esenzione se…

abbonamento Rai

se hai un genitore o un nonno a cui è intestato il canone RAI puoi chiedere l’esenzione se ricorrono tutti i seguenti requisiti:

  • aver compiuto 75 anni di età entro il termine per il pagamento del canone di abbonamento RAI (attualmente il 31 gennaio e 31 luglio di ciascun anno);
  • non convivere con altri soggetti, diversi dal coniuge, titolari di un reddito proprio;
  • possedere un reddito che, unitamente a quello del proprio coniuge, non sia superiore complessivamente a euro 516,46 per tredici mensilità  (complessivo annuo pari a € 6.713,98).

Affinché si possa usufruire di questa esenzione è necessario presentare all’Agenzia delle Entrate la domanda di esenzione.
Istanza di esenzione canone Rai

Stessa cosa vale per chi ha già pagato il canone pur rientrando nei casi dell’esenzione, può chiedere il rimborso di quanto ha pagato per gli anni passati, presentando istanza di rimborso all’Agenzia delle Entrate.
Istanza di esenzione canone rai con richiesta di rimborso

#scelgoPaolaAndreoni

Paola Andreoni PD 1

Gentile elettrice, caro elettore,

Le scrivo perché vorrei informarLa che, sulla spinta di tanti che mi conoscono, ho deciso di concorrere alle elezioni primarie per la scelta dei parlamentari in vista delle prossime elezioni politiche.

Il 30 dicembre 2012, recandosi a votare per le primarie, Lei potrà scegliere per la prima volta i candidati al Parlamento del Partito Democratico.

Mi chiamo Paola Andreoni, sono nata e vivo ad Osimo con la mia famiglia. Laureata in Scienze e tecniche dell’attività motoria preventiva ed adattata presso l’Università di Urbino, da 10 anni ricopro l’incarico di Vice Preside in un istituto scolastico della mia città. In possesso della Specializzazione Polivalente per l’insegnamento ai ragazzi diversamente abili, nella mia professione mi sono occupata della loro integrazione scolastica.

L’attuale esperienza maturata nel ruolo di Consigliere Comunale e di capogruppo del PD, la conoscenza del territorio, l’impegno ad affrontare con coerente determinazione i problemi della comunità a cui appartengo, spero possano rappresentare una valida garanzia a tutela  degli interessi, dei diritti e delle aspettative della nostra collettività.

Candidata alle ultime elezioni regionali come rappresentante dei comuni della Val Musone, ho avuto la possibilità di acquisire una buona conoscenza della realtà del nostro territorio, con le sue ricchezze umane  e professionali ma anche con alcune problematiche che lo caratterizzano.

Mi candido perché sento la passione e l’orgoglio di appartenere ad un partito che ha tra i suoi valori ed obiettivi quello di migliorare le condizioni di vita e di lavoro delle persone e che appartiene alla storia nobile di questo Paese.

I temi della scuola, della cultura, delle pari opportunità costituiscono la mia particolare sfera di competenza e impegno. Credo, inoltre, che in questo Paese occorra ridare valore e dignità al lavoro, preoccuparsi di chi non lo trova o è talmente scoraggiato da non cercarlo più. E non devono essere dimenticati quei giovani che, di fronte alle avvilenti prospettive del futuro, decidono di non iscriversi più all’ Università o di abbandonare la scuola. C’è bisogno di preoccuparsi del futuro dei nostri ragazzi!

Il 30 dicembre, Lei ha la possibilità di scegliere chi andrà a rappresentare la nostra realtà in Parlamento. Per la prima volta si potrà dare una doppia preferenza, donna e uomo. E’ un’opportunità che va colta perché permette ai cittadini di scegliere direttamente coloro che saranno chiamati a rappresentarli.

Vi chiedo di votare per me, affinché i comuni del nostro territorio, attraverso la mia persona abbiano la possibilità di far sentire  concretamente e con forza la propria voce.

Grazie e tanti Auguri per un Felice 2013.

Paola Andreoni

scheda COGNOME NOME

Quote rosa, da oggi in vigore la legge

quote rosaOggi 26 dicembre  entra in vigore il tanto contestato obbligo di quote rosa nelle giunte, nei consigli comunali e nei consigli regionali: la riforma mira a promuovere la parità tra donne e uomini nell’accesso alle cariche elettive e ai pubblici uffici degli enti territoriali.
La riforma rappresentare il raggiungimento di quella uguaglianza sostanziale prevista dalla Costituzione. Lo Stato si impegna a rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione di una perfetta parità tra i sessi:

Consigli Comunali
La nuova legge si applica alle elezioni dei consigli comunali con popolazione superiore ai 5 mila abitanti. In particolare, vengono previste due misure rilevanti:
a) una quota di lista, in virtù della quale nessuno dei due sessi può essere rappresentato nelle liste in misura superiore ai due terzi dei candidati;
b) la cosiddetta “doppia preferenza di genere”, cioè la possibilità di esprimere due voti per i candidati a consigliere comunale: una per un candidato di sesso maschile e l’altra per un candidato di sesso femminile della stessa lista. In caso di mancato rispetto della disposizione, c’è l’annullamento della seconda preferenza.

Giunte e consigli Regionali
Per quanto riguarda le giunte e i consigli regionali, non vengono definite misure prestabilite, ma è previsto l’obbligo secondo cui l’atto di nomina o la legge elettorale regionale debbano garantire la presenza di entrambi i sessi.

Altre disposizioni sono state previste per l’accesso al lavoro nelle pubbliche amministrazioni.

Auguri a tutti Voi

Natale Giotto NativitàUn professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti a lui alcuni oggetti. Quando la lezione cominciò, senza dire una parola, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf. Quindi egli chiese agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi hanno convenuto che lo era.
Allora il professore prese una scatola di sassolini, e li versò nel vaso. Lo scosse leggermente. I ciottoli rotolarono negli spazi vuoti tra le palle da golf. Chiese di nuovo agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi dissero che lo era.

Il professore prese una scatola di sabbia e la versò dentro il vasetto. Naturalmente, la sabbia si sparse ovunque all’interno. Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno. Gli studenti risposero con un unanime ‘si’. ‘

Il professore estrasse quindi due birre da sotto il tavolo e versò l’intero contenuto nel barattolo, effettivamente si riempirono gli spazi vuoti. Gli studenti iniziarono a ridere .

‘Ora’, disse il professore non appena svanirono le risate ” Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti – la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le vostre passioni preferite – e se tutto il resto andasse perduto e solo queste rimanessero, la vostra vita sarebbe ancora piena. I sassolini sono le altre cose che contano, come il lavoro, la casa, la macchina.. La sabbia è tutto il resto – le piccole cose.

Se mettete la sabbia nel barattolo per prima,’ ha continuato, ‘non c’è spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso vale per la vita. Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia per le piccole cose, non avrete mai spazio per le cose che sono importanti per voi. Fai attenzione alle cose che sono cruciali per la tua felicità. Trascorrere del tempo con i vostri bambini. Trascorrere del tempo con i tuoi genitori. Visita i nonni. Prendete il vostro coniuge a portatelo a cena fuori. Gioca un altro 18 anni. Ci sarà sempre tempo per pulire la casa e falciare il prato. Prenditi cura delle palle da golf prima – le cose che veramente contano. Stabilisci le tue priorità. Il resto è solo sabbia.

Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse la birra. Il professore sorrise e disse:  ” Sono contento che hai chiesto. ”  Le birre dimostrano che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita, c’è sempre spazio per un paio di birre con un amico.

Buon Natale e Buone Feste a tutti Voi che passate per questo blog.   Paola, Celestino, Giacomo, Valentina e libera