L’8 marzo delle donne rifugiate

8 marzo***
In questa giornata dell’8 marzo, il mio pensiero va alla memoria delle donne che in tutto il mondo si sono prese per mano, hanno lottato e hanno resistito per il sogno di un mondo migliore, più equo, più giusto.
Questa giornata non è semplicemente una “festa”, perché tanti, troppi sono i capitoli aperti senza un lieto fine, dalla violenza di genere alle tante diseguaglianze, alle difficoltà all’ingresso nel mercato del lavoro, alle  retribuzioni più basse rispetto a quelle maschili, ai problemi nella conciliazione dei tempi di vita con quelli di lavoro…
Questa giornata il mio pensiero  va alle donne rifugiate. Delle tantissime persone che stanno attraversando il Mediterraneo per raggiungere le nostre coste europee, quasi la metà sono donne con a seguito bambini. Donne spesso vittime di violenza nei loro Paesi d’origine e durante questi viaggi “della speranza” perché nella fuga sono molto più esposte e vulnerabili rispetto agli uomini. A dispetto di questa consapevolezza, non esiste un’assistenza e un’accoglienza diversa che tenga conto del genere.
A tutte Voi,  vicina alle sofferenze e al dolore che avete patito e portate nel Vostro cuore, dedico questa giornata ed il mio impegno.
Paola
***

***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: